Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 26/02 delle ore 17:30

    GR di mer 26/02 delle ore 17:30

    Giornale Radio - 26/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 26/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 26/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 26/02 delle 07:15

    Metroregione di mer 26/02 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 26/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 26/02

    Ora di punta di mer 26/02

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 26/02 (seconda parte)

    Malos di mer 26/02 (seconda parte)

    MALOS - 26/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 26/02 (prima parte)

    Malos di mer 26/02 (prima parte)

    MALOS - 26/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 26/02 (seconda parte)

    Con Riccardo Berenato del pub Triple parliamo di coronavirus e delle ordinanze regionale dedicate a bar e locali. (seconda parte)

    Due di Due - 26/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 26/02 (prima parte)

    Con Leo Arlati della storica Trattoria milanese Arlati parliamo di ristorazione e delle ripercussioni dell'ordinanza sul coronavirus. (prima parte)

    Due di Due - 26/02/2020

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 23/02

    Sacca del Diavolo di dom 23/02

    La sacca del diavolo - 26/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 26/02 (seconda parte)

    Erykah Badu, Niia, Francesca Michielin, Re:earth, Queen, Live, The Specials, Brunori Sas, Angelo Branduardi, Amy Winehouse (seconda parte)

    Jack - 26/02/2020

  • PlayStop

    Notte Vulnerabile di mar 25/02

    Notte Vulnerabile di mar 25/02

    Notte vulnerabile - 26/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 26/02 (prima parte)

    Erykah Badu, Niia, Francesca Michielin, Re:earth, Queen, Live, The Specials, Brunori Sas, Angelo Branduardi, Amy Winehouse (prima parte)

    Jack - 26/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session 26-02-20

    a cura di Matteo Villaci

    Radio Session - 26/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 26/02

    Considera l'armadillo mer 26/02

    Considera l’armadillo - 26/02/2020

  • PlayStop

    L'altro martedì 25/02/2020

    40 anni in diretta! 1980 - 2020�..Conducono Eleonora Dall’Ovo e Ira Rubini..Speciale Libri dalle 21.30 alle 22.00..Dopo anni di collaborazione…

    L’Altro Martedì - 26/02/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 26/02

    Razionalità e panico, paura e sicurezza; e poi regola, eccezione, contagio, immunità. E’ il lessico della crisi da coronavirus. Una…

    Memos - 26/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore 26/02/20

    GIULIANA CHIARETTI - ESSERE MILANO - presentato da AGNESE MIRALTA

    Note dell’autore - 26/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 26/02 (seconda parte)

    Cult di mer 26/02 (seconda parte)

    Cult - 26/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 26/02 (prima parte)

    Cult di mer 26/02 (prima parte)

    Cult - 26/02/2020

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 26/02

    Come il Corona Virus ha risvolti sulla vita quotidiana degli sportivi; Melloblocco anche quest'anno non si farà, i perché; Rubrica…

    Barrilete Cosmico - 26/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 26/02 (terza parte)

    Prisma di mer 26/02 (terza parte)

    Prisma - 26/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 26/02 (seconda parte)

    Prisma di mer 26/02 (seconda parte)

    Prisma - 26/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 26/02 (prima parte)

    Prisma di mer 26/02 (prima parte)

    Prisma - 26/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

25 novembre, in piazza contro la violenza maschile

Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. A Roma ci sarà una manifestazione organizzata da Non una di meno, la rete che un anno fa – secondo i suoi dati – portò in piazza oltre 250mila persone. L’appuntamento è alle 14 in piazza della Repubblica, per protestare e lanciare un piano femminista presentato nei giorni scorsi.

“In questo anno abbiamo costruito una piattaforma politica, delle possibilità per uscire dalla violenza maschile”, ci dice da Roma Simona Ammerata, che fa parte di Non una di meno. Il piano è un documento di 57 pagine che tocca molti aspetti, dall’educazione all’informazione, dalla salute ai diritti delle donne migranti. Il presupposto è uno: bisogna mettere in discussione cultura e rapporti sociali, e non trattare la questione come un fatto di “sicurezza”. Non basta, insomma, aumentare l’impegno della polizia e le pene per i colpevoli.

Ascolta l’intervista a Simona Ammerata

Simona Ammerata

Quante persone saranno in piazza stavolta? “Anche l’anno scorso non ne avevamo idea”, risponde Ammerata. “I mesi passati sono stati intensi, con decine e decine di mobilitazioni, e continueremo anche dopo questo sabato. Ci saranno altre piazze e altri momenti di discussione, quindi il confronto non ci spaventa”. Il corteo arriva sull’onda del dibattito nato da Harvey Weinstein, il produttore americano accusato di violenze da molte donne. “Ci sono due aspetti da tenere sullo stesso piano. Innanzitutto la diversità del modo in cui il tema è stato gestito in Italia, per esempio rispetto agli Stati Uniti. Lì si è aperto il vaso di Pandora, con licenziamenti, momenti di solidarietà, discussioni e approfondimenti. Qui invece, come sempre, c’è stato un approccio voyeuristico. Per fortuna c’è l’altro lato: finalmente queste vicende iniziano a uscire. Le donne non si sentono più sole, sentono di poter parlare di quello che succede sul posto di lavoro. Significa che la solidarietà femminista si sta facendo sentire”.

La scrittrice Giulia Blasi è tra le persone che hanno alimentato il dibattito in Italia, partecipando al lancio di un hashtag, #quellavoltache, con cui le donne sono state invitate a raccontare le molestie subite. Due giorni dopo ha iniziato a circolare #metoo, che ha raccolto tantissime storie a livello internazionale. Nel nostro paese a che punto è il racconto mediatico su questo tema? “Siamo più o meno in parabola discendente – dice Blasi. – Dopo una settimana di smarrimento, in cui i mezzi di comunicazione non capivano cosa stava succedendo, siamo tornati alla visione che definisco ‘del maschio bianco di mezza età’. Si cerca di minimizzare, di dire che si esagera… si prova a tornare all’ordine costituito, quello in cui le donne subiscono in silenzio”. Ma la discussione di queste settimane può essere l’inizio di un cambiamento? “Dipende da noi. Possiamo lasciarla morire, e non chiedere che i rapporti di potere siano veramente messi in discussione. Oppure possiamo continuare a parlarne. Ogni grande mutamento passa da momenti di infiammazione e di discesa, che però lascia una traccia. Su quella si può lavorare, anche chiedendo risposte alla politica”.

Ascolta l’intervista a Giulia Blasi

Giulia Blasi

  • Autore articolo
    Andrea Monti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni