ci spiega tutto

Zorro: ecco come ho trollato Salvini

sabato 18 maggio 2019 ore 21:18

E’ l’indiscusso eroe della giornata.

L’uomo che ha catturato l’attenzione di tutti e ha rubato la scena a Salvini, a Marine Le Pen a tutti i leader dei partiti della destra estrema accorsi a Milano per il comizio del capo leghista e dei suoi alleati continentali.

Zorro, l’eroe dei fumetti, il pupazzo che fu rubato al piccolo Matteo, episodio che gli causò il doloroso trauma infantile raccontato nella sua agiografia appena data alle stampe.

Zorro è tornato, per riconciliarsi con Matteo, in piazza del Duomo. Si è affacciato al balcone per salutare Salvini, dopo avere srotolato un grande striscione con scritto ‘restiamo umani’.

Riccardo Germani, Zorro per un giorno, è rimasto lì, al davanzale del palazzo di lusso che dà sulla piazza, fino a quando un funzionario della Digos non ha tolto lo striscione, appena prima che Salvini iniziasse a parlare. Nel frattempo lo avevano visto tutti, tanti lo avevano applaudito e salutato, le telecamere e le macchine fotografiche avevano fatto il loro lavoro.

“Quando è arrivata la Polizia la compagna che era con me è andata verso di loro, ci hanno identificato, poi assieme a quelli dell’hotel dove eravamo ci hanno tolto lo striscione ma ormai era li da un’ora” dice Zorro ai nostri microfoni.

“Io mi sono solo prestato a fare Zorro – continua Riccardo – c’è stato un lavoro di tutto il gruppo che ha organizzato la manifestazione anti Salvini. Questa è stata una delle molteplici iniziative della giornata”

Avete affittato apposta una camera d’albergo?

“Sì, esattamente”

Cosa volevate ottenere?

“Era un messaggio positivo a una piazza di odio, il restiamo umani che si rivolgeva a chi era infarcito di odio verso tutti”

Perché questa scelta?

“Ormai abbiamo capito che Zorro lo fa molto amareggiare, eravamo di fronte a lui, lo vedevamo, lui ci vedeva e abbassava gli occhi.

Siete soddisfatti del risultato?

“Salvini è stato sconfitto abbondantemente, oggi. Si parla molto più di noi che di lui”.

Alla Polizia avete chiesto perché vi hanno fatto togliere lo striscione?

“A noi sembrava talmente assurdo togliere lo striscione con un messaggio rivolto non a Salvini ma alla parte giusta di umanità che si contrappone alle politiche sovraniste. Se uno striscione con scritto ‘restiamo umani’ fa intervenire la Polizia dobbiamo preoccuparci ed essere molto di più di oggi”

Intervista a Zorro

 

 

Aggiornato lunedì 20 maggio 2019 ore 10:46
TAG