Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 18/11 delle ore 15:30

    GR di lun 18/11 delle ore 15:30

    Giornale Radio - 18/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 18/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Due di due di lun 18/11

    Due di due di lun 18/11

    Due di Due - 18/11/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/11 (seconda parte)

    Senti un po' di lun 18/11 (seconda parte)

    Senti un po’ - 18/11/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/11 (prima parte)

    Senti un po' di lun 18/11 (prima parte)

    Senti un po’ - 18/11/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/11

    Senti un po' di lun 18/11

    Senti un po’ - 18/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 18/11

    Considera l'armadillo lun 18/11

    Considera l’armadillo - 18/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di lun 18/11

    Radio Session di lun 18/11

    Radio Session - 18/11/2019

  • PlayStop

    Piazza Fontana di lun 18/11

    Parliamo dei processi per la strage, del primo di Catanzaro con Benedetta Tobagi, scrittrice e studiosa dello stragismo nero, e…

    Cinquant’anni di Piazza Fontana - 18/11/2019

  • PlayStop

    Tazebao di lun 18/11

    Tazebao di lun 18/11

    Tazebao - 18/11/2019

  • PlayStop

    Radio Agora' di lun 18/11

    Radio Agora' di lun 18/11

    Radio Agorà - 18/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di lun 18/11

    Note dell'autore di lun 18/11

    Note dell’autore - 18/11/2019

  • PlayStop

    50 anni di piazza Fontana - sesta puntata

    Parliamo dei processi per la strage, del primo di Catanzaro con Benedetta Tobagi, scrittrice e studiosa dello stragismo nero, e…

    Cinquant’anni di Piazza Fontana - 18/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11 (seconda parte)

    Cult di lun 18/11 (seconda parte)

    Cult - 18/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11 (prima parte)

    Cult di lun 18/11 (prima parte)

    Cult - 18/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11

    Cult di lun 18/11

    Cult - 18/11/2019

  • PlayStop

    Doppio Click di lun 18/11

    Doppio Click di lun 18/11

    Doppio Click - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (terza parte)

    Prisma di lun 18/11 (terza parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (prima parte)

    Prisma di lun 18/11 (prima parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (seconda parte)

    Prisma di lun 18/11 (seconda parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11

    Prisma di lun 18/11

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/11

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/11

    Rassegna stampa internazionale - 18/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Asia Argento e l’accanimento mediatico

Asia Argento

Faccia d’Argento”. “La molestata molestò un minore”. “Molestatrice MeToo”, “Asia Weinstein”. Sono i titoli di alcuni giornali all’indomani delle rivelazioni del New York Times, secondo il quale l’attrice italiana Asia Argento ha raggiunto un accordo economico con l’attore Jimmy Bennet, che l’accusava di averlo molestato quando era minorenne, nel 2013.

La stampa italiana non vedeva l’ora che Asia Argento cadesse in disgrazia per potersi avventare nuovamente su di lei. Questo è il trattamento mediatico dedicato all’attrice che in Italia è diventata il controverso simbolo della presa di parola delle donne sul tema delle molestie sul lavoro, un problema diffusissimo.

All’indomani della denuncia che Argento fece al produttore Weinstein, si scrissero pagine intere in cui si metteva in dubbio tutto delle sue accuse: perché aveva avuto una vita sregolata, perché aveva fatto carriera con Weinstein, perché era antipatica, perché era ricca, perché aveva i tatuaggi. Come si poteva crederle?

My son my love until I will live @jimmymbennett marina del rey 05.2013

Un post condiviso da asiaargento (@asiaargento) in data:

Ora che le accuse sono a parti invertite, nessuno si è messo a fare la radiografia all’accusatore. Gli si crede e basta. E non soltanto perché c’è stata una transazione finanziaria. Nessuno invoca la giustizia dei tribunali, nessun garantismo.

Alla base di questo trattamento non c’è solo un accanimento specifico verso Asia Argento, ma c’è il più ambito tentativo di depotenziare il movimento #MeToo, i movimenti femministi, di confinare il tema delle violenze di genere, che con tanta fatica ha conquistato la scena pubblica, nell’oblio in cui la cultura sessista cerca di ricacciarlo. Il patriarcato è vivo e alberga soprattutto nei posti di potere. Quindi anche ai vertici delle redazioni.

Colpire Asia Argento significa voler zittire tutte quelle donne che in situazioni meno privilegiate dell’attrice, e sono la maggioranza, hanno voglia di dire basta alle violenze.

Asia Argento
Foto dal profilo Instagram di Asia Argento https://www.instagram.com/asiaargento/
  • Autore articolo
    Chiara Ronzani
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni