Partita delle presidenze

Finora, vince Berlusconi. Pd sempre diviso

venerdì 23 marzo 2018 ore 06:52

Il vincitore della giornata di ieri è Berlusconi.

La sua strategia ha funzionato. Imponendosi come l’uomo con cui trattare per il centrodestra ha fatto saltare l’asse tra 5 Stelle e Salvini che si andava consolidando. Questo azzera i giochi per le presidenze di Camera e Senato ma soprattutto, in prospettiva, complica la partita per il Governo.

Ora l’ipotesi di un Governo del Presidente, di un Governo di tutti, è più probabile. A meno che Salvini non si assuma la responsabilità di una rottura definitiva con il resto del centrodestra.

L’altra sponda del gioco è il Pd è il partito democratico ha voglia di tornare a giocare.

Solo che è diviso al suo interno, come da schema del 4 marzo. Stamattina ci sarà una oggi la nuova riunione di tutti i parlamentari dopo il nulla di fatto della riunione di ieri sera, cui Renzi non ha partecipato.

Non ha ascoltato il reggente Martina chiedere a centrodestra e 5 stelle di discutere attorno a profili di garanzia.

Renzi vorrebbe che il partito non ostacolasse l’elezione di Romani al Senato, sperando di favorire la trama di Berlusconi che mette in un angolo 5 stelle e Salvini.

Gli altri, vorrebbero che si approfittasse della situazione per aprire davvero il dialogo coi 5 stelle.

“Siamo tornati di fatto a un sistema proporzionale dove le presidenze di Camera e Senato erano appannaggio delle opposizioni, come figure di garanzia” dice un autorevole esponente della sinistra interna prima dell’assemblea. Dopo l’assemblea, un renziano gli risponde indirettamente: “non se ne parla”.

Per i renziani oltranzisti il solo rapporto possibile è con il centrodestra e il Senato da oggi sarà il vero fortino dell’ex segretario che snobba le assemblee plenarie. Le minoranze sognano ancora aperture verso il rapporto M5S.

Dalla situazione di stallo generata dalla guerra di posizione tra Berlusconi e Salvini, in teoria il Pd potrebbe rilanciarsi. Ma se le cose resteranno così questo potrebbe essere il passaggio finale, quello dove le due componenti, i renziani e tutti gli altri, assumono posizioni inconciliabili.

Aggiornato sabato 07 aprile 2018 ore 07:14
TAG