Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 21/11 delle ore 06:30

    GR di gio 21/11 delle ore 06:30

    Giornale Radio - 21/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 20/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 20/11 delle 19:48

    Metroregione di mer 20/11 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 21/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 21/11

    Fino alle otto di gio 21/11

    Fino alle otto - 21/11/2019

  • PlayStop

    Funk shui di mer 20/11

    Funk shui di mer 20/11

    Funk shui - 21/11/2019

  • PlayStop

    psicoradio di mer 20/11

    psicoradio di mer 20/11

    Psicoradio - 21/11/2019

  • PlayStop

    Cosa ne Bici del mer 20/11

    Cosa ne Bici del mer 20/11

    Cosa ne BICI? - 21/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 20/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 20/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 20/11 (prima parte)

    Ora di punta di mer 20/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mer 20/11

    Esteri di mer 20/11

    Esteri - 21/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 20/11

    Ora di punta di mer 20/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 20/11 (prima parte)

    Malos di mer 20/11 (prima parte)

    MALOS - 21/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 20/11 (seconda parte)

    Malos di mer 20/11 (seconda parte)

    MALOS - 21/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 20/11

    Malos di mer 20/11

    MALOS - 21/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 20/11 (seconda parte)

    Due di due di mer 20/11 (seconda parte)

    Due di Due - 21/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 20/11 (prima parte)

    Due di due di mer 20/11 (prima parte)

    Due di Due - 21/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 20/11

    Due di due di mer 20/11

    Due di Due - 21/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 20/11 (seconda parte)

    Jack di mer 20/11 (seconda parte)

    Jack - 21/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 20/11 (prima parte)

    Jack di mer 20/11 (prima parte)

    Jack - 21/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 20/11

    Jack di mer 20/11

    Jack - 21/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 20/11

    Considera l'armadillo mer 20/11

    Considera l’armadillo - 21/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mer 20/11

    Radio Session di mer 20/11

    Radio Session - 21/11/2019

  • PlayStop

    Memos di mer 20/11

    30 anni fa la firma della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. L’Osservatoriosuidiritti.it oggi ricorda – come segno del cambiamento…

    Memos - 21/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Turchia: una strage che rafforza Erdogan

E’stato uno degli attentati più sanguinosi degli ultimi mesi e il bilancio avrebbe potuto essere ancora più grave.

L’attacco suicida avvenuto sabato sera durante il ricevimento di un matrimonio curdo nella città di Gaziantep, vicino al confine con la Siria, destabilizza ancora di più la Turchia, ma, allo stesso tempo, con tutta probabilità renderà ancora più forte e stabile il regime di Recep Tayyip Erdogan.

I morti sono cinquanta, decine i feriti. La festa era quella di un membro del partito turco filocurdo Hdp. Gli sposi non sono fra le vittime, ma l’uomo è rimasto ferito. Lui e sua moglie erano arrivati a Gazantiep dal villaggio curdo di Siirt, più a est, per sfuggire agli scontri armati tra ribelli e militari.

Il presidente turco Erdogan ha accusato l’Is. Se così fosse, non sarebbe una novità assoluta. Attacchi di kamikaze di Daesh contro i curdi sul territorio turco si sono già registrati in passato. I curdi sono impegnati nella guerra in Siria contro il sedicente califfato.

Ma, questo attentato soprattutto rischia di rafforzare ancor di più proprio Recep Tayyip Erdogan. Almeno questa è l’analisi del giornalista Murat Cinar, intervistato da Radio Popolare.

“Gli attentati dell’Is, la guerra con il Pkk, lo scontro con Fethullah Gulen (culminato nel fallito golpe) sono tutti elementi utili ad alimentare la linea politica nazionalista e un poco paranoica che questo governo ha inaugurato da tempo – dice Cinar – Ora Erdogan ha gioco facile nel dire che la nazione si deve unire sotto la sua guida visto il numero e la pericolosità dei nemici che si trova di fronte”.

Per Murat Cinar è molto significativo anche un altro particolare. Il giorno prima della strage, la confederazione che comprende tutti i movimenti curdi aveva diffuso un comunicato con cui si diceva disponibile a dare vita a una ripresa del dialogo con il governo turco.

“Questo attentato però esclude qualsiasi possibilità di dialogo” – dice il giornalista turco.

Nel caos turco, Recep Tayyip Erdogan si rafforza sempre di più.

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni