Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 19/11 delle ore 22:30

    GR di mar 19/11 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 20/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 19/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 20/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Rassegna Stampa - 20/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L’Altro Martedì - 20/11/2019

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-fi Area - 20/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mar 19/11

    Privatizzazione della terra su ampia scala. È il piano che vuole mettere in campo il presidente ucraino Zelensky con la…

    Esteri - 20/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    MALOS - 20/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    MALOS - 20/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11

    Malos di mar 19/11

    MALOS - 20/11/2019

  • PlayStop

    C. C. Patterson, l'uomo che ci ha salvato dagli zombie

    Fino agli anni '80, la norma era la benzina con il piombo. Cosa sarebbe successo se non fossero cambiate le…

    PopCast - 20/11/2019

  • PlayStop

    Il bambino senza nome

    Favola tratta da una raccolta curata da Amnesty International e narrata dalla cia. teatrale Aresina. A cura di Diana Santini

    Favole al microfono - 20/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (prima parte)

    Intervista telefonica a Laura Gramuglia per il suo libro Rocket Girls, che racconta 50 storie di musiciste che hanno alzato…

    Due di Due - 20/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (seconda parte)

    Commentiamo con Dario Maggiorini l'arrivo di Google Stadia, nuova piattaforma di gaming in streaming. (seconda parte)

    Due di Due - 20/11/2019

  • PlayStop

    AVENIDA BRASIL - 17-11-19

    Latin Grammy 2019 per la lingua portoghese (20a edizione). Playlist: 1. Fragmento lirico, Gil (Grupo Corpo), Gilberto Gil, 2019 2.…

    Avenida Brasil - 20/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11

    Due di due di mar 19/11

    Due di Due - 20/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack - 20/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack - 20/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11

    Jack di mar 19/11

    Jack - 20/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l’armadillo - 20/11/2019

  • PlayStop

    Sam Rivers (1)

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology - 20/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Quando il partigiano non può festeggiare

Dire che i rapporti tra l’Anpi e Matteo Renzi siano pessimi è dir poco. L’Associazione Nazionale Partigiani è in prima fila per sostenere il No nel referendum sulla riforma costituzionale. Da mesi, tra le due parti, lo scontro politico è molto forte.  E’questo il motivo per cui un rappresentante dell’Anpi di Firenze, per la prima volta da 70 anni, l’11 agosto non è stato invitato a parlare alle cerimonie di festeggiamento per la Liberazione della città ?

La segretaria provinciale dell’associazione ha scritto una lettera aperta al primo cittadino: “Riteniamo incomprensibile e grave tale scelta, in primo luogo verso le partigiane ed i partigiani che hanno combattuto per la città di Firenze – scrive l’Anpi –

Il sindaco Dario Nardella, un fedelissimo di Matteo Renzi, nega che ci siano motivi “politici” alla base della sua decisione. La sua vice, Cristina Giachi, ha fatto sapere che si è trattato di una scelta dettata dal programma: “Quest’anno – ha detto –  il clima geopolitico mondiale e i recenti accadimenti terroristici hanno suggerito al sindaco di affrontare i temi della libertà religiosa e della convivenza civile tra popoli, collegandoli alla Liberazione”.

Vania Bagni, dell’Anpi di Firenze, dice che in altre analoghe situazioni (l’invito ai rappresentanti delle religioni), i partigiani avevano sempre parlato alla commemorazione ufficiale della Liberazione. E che, anzi, Silvano Sarti, presidente onorario dell’associazione a Firenze (nome di battaglia “Pillo”) aveva preso accordi con l’amministrazione comunale per partecipare alle cerimonie.  Ma poi, Sarti non ha parlato.

Vania Bagni non vuole però fare polemiche sul referendum: “Non vogliamo strumentalizzare quello che è successo. Per noi, la nostra posizione sulle riforme non c’entra nulla con l’11 agosto, con il giorno della Liberazione. Spero che sia così anche per il sindaco.”

Un malinteso ? Una gaffe dell’amministrazione ? Una mancanza di sensibilità (mai registrata nei decenni precedenti) ? Il sospetto che ci possa essere dietro una ripicca per la questione del referendum è forte. Ed è alimentato da quello che è successo nello scorso maggio, quando Matteo Renzi ha lanciato la campagna per il Sì al Teatro Niccolini. In prima fila c’era proprio Silvano Sarti, salutato da una standing ovation. I dirigenti del Pd avevano detto che la presenza di Pillo era la prova che i veri partigiani appoggiavano la riforma Renzi-Boschi.

Dopo qualche giorno, Sarti aveva chiarito la sua posizione:  “Voterò ‘no’ al referendum sulla riforma della costituzione, la mia presenza al teatro Niccolini è stata strumentalizzata” – aveva detto  – Non avevo avvertito la pericolosità, spero e farò di tutto perché ciò non accada più, chiedo scusa ai compagni e alle compagne”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni