Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 11/11 delle ore 19:31

    GR di lun 11/11 delle ore 19:31

    Giornale Radio - 11/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 11/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 11/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 11/11 delle 19:48

    Metroregione di lun 11/11 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 11/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Malos di mar 12/11 (prima parte)

    Malos di mar 12/11 (prima parte)

    MALOS - 11/12/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 12/11 (seconda parte)

    Malos di mar 12/11 (seconda parte)

    MALOS - 11/12/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 12/11

    Ora di punta di mar 12/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11 (prima parte)

    Due di due di mar 12/11 (prima parte)

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11 (seconda parte)

    Due di due di mar 12/11 (seconda parte)

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Varia Umanità

    - Segnalazioni dagli inserti domenicali dei quotidiani nazionali..- Lavoro precario durante le "week" milanesi: servizio di Roberto Maggioni ..- 150…

    Varia umanità - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11

    Due di due di mar 12/11

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mar 12/11

    Radio Session di mar 12/11

    Radio Session - 11/12/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mar 12/11

    Tazebao di mar 12/11

    Tazebao - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (terza parte)

    Prisma di mar 12/11 (terza parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (prima parte)

    Prisma di mar 12/11 (prima parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (seconda parte)

    Prisma di mar 12/11 (seconda parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11

    Prisma di mar 12/11

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (terza parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (prima parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11

    Fino alle otto di mar 12/11

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Radio Agora' di lun 11/11

    Radio Agora' di lun 11/11

    Radio Agorà - 11/11/2019

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 11/11

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 11/11

    Gli speciali - 11/11/2019

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 11/11

    Di Lunedi di lun 11/11

    DiLunedì - 11/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Cresce il debito pubblico. Deficit al 5 %

Tutti i sacrifici fatti in questi anni non sono bastati.

Non è bastata neanche la crescita economica, che nel 2015 ha sfiorato il 3%.

Per la commissione Europea, la Spagna è di nuovo un paese da tenere sotto controllo. Nel 2015 Madrid non ha rispettato il patto di stabilità: il deficit ha superato il 5 per cento. Una deviazione di un punto rispetto al 4,2 per cento stabilito dai patti con le autorità europee.

Da mesi Bruxelles rimprovera all’ex premier Mariano Rajoy di non aver fatto abbastanza per mantenere i conti in ordine. Il governo dei Partido Popular, ancora in carica, sostiene che non ha senso ridurre la spesa pubblica quando l’economia sta crescendo: il rischio è quello di strozzare la ripresa.

Ma per gli economisti dell’Unione Europea, la vera ragione è il calcolo elettorale: il Partido Popular di Mariano Rajoy avrebbe preferito evitare nuovi sacrifici a ridosso delle elezioni.

La Spagna rischia ora di essere multata per deficit eccessivo, una decisione mai presa finora dalle autorità comunitarie. La multa vale lo 0,2 per cento del Pil. Uno schiaffo economico e politico visto che l’Unione Europea ha evitato questo tipo di provvedimenti ad altri paesi, come Francia o Italia, che per molto tempo non hanno rispettato il patto di stabilità.

Per ora Madrid ha vinto la battaglia: l’Unione Europea ha rinviato la decisione sulla multa a dopo le elezioni del 26 giugno. In cambio Bruxelles è pronta a chiedere misure immediate per far rientrare il deficit al di sotto del 3% entro il 2017.

Un anno di proroga che peserà come un macigno sul nuovo governo. Un’eredità ancora più dura nel caso il successo di Podemos portasse a un governo di centrosinistra con i socialisti.

E la per la Spagna le brutte notizie non sono finite: il debito pubblico ha sforato il 100 per cento, un dato che non si registrava dal 1909. Siamo ancora lontani dal 130 per cento della Grecia, ma il dato è preoccupante. Anche in una situazione segnata da bassi tassi di interesse, lontani da quelli della crisi dello spread del 2013, il dato significa che lo Stato spagnolo continua a indebitarsi per pagare le spese correnti e le prestazioni sociali. Va ricordato che nel 2007, prima della crisi, il debito pubblico di Madrid non arrivava al 50 per cento.

  • Autore articolo
    Giulio Maria Piantadosi
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni