Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 19/11 delle ore 19:31

    GR di mar 19/11 delle ore 19:31

    Giornale Radio - 19/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 19/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L’Altro Martedì - 19/11/2019

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-fi Area - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mar 19/11

    Privatizzazione della terra su ampia scala. È il piano che vuole mettere in campo il presidente ucraino Zelensky con la…

    Esteri - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11

    Malos di mar 19/11

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    C. C. Patterson, l'uomo che ci ha salvato dagli zombie

    Fino agli anni '80, la norma era la benzina con il piombo. Cosa sarebbe successo se non fossero cambiate le…

    PopCast - 19/11/2019

  • PlayStop

    Il bambino senza nome

    Favola tratta da una raccolta curata da Amnesty International e narrata dalla cia. teatrale Aresina. A cura di Diana Santini

    Favole al microfono - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (prima parte)

    Intervista telefonica a Laura Gramuglia per il suo libro Rocket Girls, che racconta 50 storie di musiciste che hanno alzato…

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (seconda parte)

    Commentiamo con Dario Maggiorini l'arrivo di Google Stadia, nuova piattaforma di gaming in streaming. (seconda parte)

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    AVENIDA BRASIL - 17-11-19

    Latin Grammy 2019 per la lingua portoghese (20a edizione). Playlist: 1. Fragmento lirico, Gil (Grupo Corpo), Gilberto Gil, 2019 2.…

    Avenida Brasil - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11

    Due di due di mar 19/11

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11

    Jack di mar 19/11

    Jack - 19/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l’armadillo - 19/11/2019

  • PlayStop

    Sam Rivers (1)

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology - 19/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Quattro medaglie contro il nazismo

1936 Olimpiadi di Berlino, durante il regima nazista di Hitler. Questo è il contesto in cui si svolgebuona parte di Race-Il colore della vittoria, il film di Stephen Hopkins dedicato alla storia di Jesse Owens. Campione olimpico, nato e cresciuto in America da famiglia afro, nel film vediamo la sua crescita, dall’infanzia, alla scoperta del talento atletico fino alle quattro medaglie vinte nella Germania del Terzo Reich.

Il contesto geopolitico della più importante vittoria di Owens è fondamentale e viene raccontato attraverso il percorso di partecipazione dell’atleta di colore, con il supporto del Comitato Olimpico Americano che aveva deciso di boicottare le Olimpiadi in segno di protesta nei confronti di Hitler e delle persecuzioni etniche. A meno che il dittatore non avesse incluso nelle gare ebrei e neri. Una vera e propria negoziazione, anche interna al comitato tra Avery Brundage (JeremyIrons), già in contatto con Goebbels e quindi per la partecipazione alle Olimpiadi e Jeremiah Mahoney (William Hurt), contrario alla politica antidemocratica della Germania, incompatibile con i valori di appartenenza e inclusione dei Giochi Olimpici.

L’attore protagonista Stephan James per interpretare Jesse Owens si è immerso in un faticoso e costante allenamento fisico, praticando diversi sport: basket, football, calcio, kickboxing e atletica. Come racconta in questa intervista a Radio Popolare.

Stephan James_RACE

Un altro aspetto approfondito nel film è legato al lavoro di documentazione della regista Leni Riefenstahl. Celebre il suo Olympia, che ritrae i corpi degli atleti in tutta la loro potenza muscolare e nella tensione della corsa. Girato in un bianco e nero che esalta luci e ombre, è firmato dalla prima regista donna, appunto Riefenstahl, che riuscì a convincere Goebbels e Hitler a produrre un film che avrebbe consacrato nel mondo il regime nazista attraverso la bellezza e la positività dei Giochi Olimpici.

Probabilmente lo scopo della Riefenstahl era solo quello di realizzare il più grande documentario sportivo di tutti i tempi, con decine di cineprese sparse in diversi punti dello stadio di Berlino. Va detto che dalla sua reale o presunta complicità e connivenza con l’ideologia nazista, la regsita non si liberò fino alla morte, macchiando in modo indelebile le sue  intuizioni cinematografiche.

Il regista Stephen Hopkins utilizza uno stile molto classico, privilegiando gli aspetti di ricostruzione d’epoca e di documentazione. Non cede mai ad eccessi, mettendosi al servizio di questa importante pagina storica e sportiva.

INTERVISTE

Il giornalista sportivo Federico Buffa, autore dello spettacolo Le Olimpiadi del ’36, doppia in italiano la voce dell’attore che interpreta il telecronista che nel 1936 annunciò al mondo la vittoria di Jesse Owens.

Federico Buffa_RACE

La campionessa olimpica Fiona May, ambasciatrice e membro del comitato scientifico di Roma 2024, commenta la preparazione tecnica dell’attore Stephan James.

Fiona May_RACE

Fiona May

  • Autore articolo
    Barbara Sorrentini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni