Approfondimenti

Selfie con il duce

Attenzione a non cadere nel facile tranello: “Sono tornato” non è un film sull’Italia di oggi. Il Benito Mussolini interpretato da Massimo Popolizio nel film di Luca Miniero, scritto con Nicola Guaglianone (“Lo chiamavano Jeeg Robot”) non ha niente a che vedere con il Benzino Napaloni di “Il grande dittatore” di Charlie Chaplin, ma nemmeno con l’ironia dei “Fascisti su Marte” di Corrado Guzzanti.

Ad onor del vero non era nemmeno questo l’obiettivo, perché il film prende le mosse da “Lui è tornato”, il film tedesco del 2015 di David Wnendt che immaginava il ritorno di Adolf Hitler nella Berlino di oggi, tratto dal romanzo di Timur Vernes. Quindi il senso è di immaginare come reagirebbero oggi gli italiani alla vista del duce, così come i tedeschi con il führer.

Posto che anche il film tedesco, come quello italiano, non è particolarmente divertente, cosa che entrambi vorrebbero essere, è evidente che descrive una società molto diversa dalla nostra: là si vede una forte capacità di indignazione, cosa meno riscontrabile nel film di Miniero. Che invece ammicca con il desiderio da parte di alcuni di sentirsi ancora parte di quell’orrendo ideale fascista. Giocando sull’effetto immedesimazione, provocata da un format televisivo, scippato ad un regista precario interpretato da Frank Matano e che diventa il suo cicerone nella Roma di oggi.

Prendo in prestito le parole di Carla Nespolo, presidentessa ANPI, a cui è stato chiesto un commento su “Io sono tornato”.

<<Il film offre una visione dell’Italia di una parzialità sconcertante. Sfilano nel film figure che si dividono fondamentalmente tra cialtroni, ignoranti e individui fatti di insana nostalgia. In mezzo troneggia il duce redivivo che fra passaggi parodistici, momenti di commozione (quando in internet vede l’immagine della Petacci), trombonate sloganistiche, e barbarume razzista, diventa un personaggio televisivo apprezzatissimo grazie alla fame di “share” di una redazione selvaggia.>>

In alcune interviste il regista ha dichiarato di aver voluto rappresentare il pericolo del ritorno del fascismo in Italia, di come qui il terreno è ancora fertile per quegli ideali terribili; eppure tutto questo dal film non emerge.

E riprendo le parole di Carla Nespolo: << L’Italia reale, nata dalla Resistenza, l’Italia degli antifascisti e dei democratici, l’Italia che ha conoscenza e coscienza civile, in sostanza la maggioranza delle cittadine e dei cittadini, non solo è sparita nel film, ma quando si affaccia soccombe penosamente, da misera pazza. >>

E non basta farci vedere che Mussolini si stupisce di fronte a dei ragazzini con la pelle nera che parlano perfettamente italiano, o che si schifa di fronte a una coppia gay che lo soccorre appena “cade” sulla terra. Cosa mi vuoi dire? Nonostante la bravura di Massimo Popolizio, che non ne fa una macchietta, ma gli regala umanità e a tratti pure simpatia, il risultato sembra più sdoganare la figura di Mussolini, come se facesse ormai totalmente parte di un pezzo d’Italia. È così, infatti, ma il film sembra volercelo dire con rassegnazione e senza nessun punto di vista critico, o addirittura politico. Non sia mai, che qualcuno si offenda!

Inoltre, lungi da me voler attribuire a “Sono tornato” una valenza di pericolosità, il film è piuttosto un’operazione inutile (così com’è stato per il film tedesco), che non fa ridere come evidentemente vorrebbe (Miniero è il regista dei più fortunati “Benvenuti al sud”e “Benvenuti al nord”).

Forse, si può azzardare che sia un’occasione persa, anche se il botteghino per ora gli sta dando ragione.

  • Autore articolo
    Barbara Sorrentini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 18/05/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 18/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 18/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 18/05/2022

    Con Fabio Ciconte parliamo della grande industria agricola e alimentare mondiale, con Samantha Pilati, meteorologa dell'Osservatorio Milano Duomo, dell’ondata di…

    Il giusto clima - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 18/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 18/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 18/05/2022

    1-Guerra in Ucraina. La commissione Europea svela il suo progetto per riarmare il continente. Bruxelles vuole spendere di più nel…

    Esteri - 19/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 18/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 19/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 18/05/2022

    1) Indipendenti da Mosca, ma non ancora dal nucleare e dal carbone. Il piano europeo Re-PowerEu punta a ridurre la…

    The Game - 19/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 18/05/2022

    Dove si parla della lettera dell'assessore al turismo della regione Liguria Gianni Berrino a Google perché le recensioni dei ristoranti…

    Muoviti muoviti - 19/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 18/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 19/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 18/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 19/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 18/05/2022

    Live di Bandabardò e Cisco, Live di Galeffi

    Jack - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gianumberto Accinelli, Dagli animali si impara. Le invenzioni tecnologiche che abbiamo copiato dal regno animale

    GIANUMBERTO ACCINELLI - DAGLI ANIMALI SI IMPARA. LE INVENZIONI TECNOLOGICHE CHE ABBIAMO COPIATO DAL REGNO ANIMALE - presentato da CECILIA…

    Note dell’autore - 18/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di mercoledì 18/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 18/05/2022

    il Festival di Cannes, l'intervista ad Arianna Bacheroni protagonista della serie “Bang Bang Baby“, il libro “Il custode del bosco”…

    Cult - 19/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 18/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 19/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 18/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, AGGIORNAMENTI E ANALISI Con Nico Piro, inviato speciale Rai, in Afghanistan, ora di ritorno dalla Russia, che…

    Prisma - 19/05/2022

Adesso in diretta