la relazione finale

L’Antimafia: Cosa Nostra può condizionare il voto

giovedì 22 febbraio 2018 ore 11:36

Mafia e politica. Un binomio e un intreccio che non si riesce ad estirpare, nonostante le leggi, il codice antimafia e quello dei singoli partiti.

E’ una realtà, che la Commissione antimafia ha confermato e intorno alla quale c’è silenzio, troppo silenzio dice il ministro dell’Interno Minniti. “Le mafie possono condizionare il voto libero degli italiani, bisogna estirpare questo legame”. Un allarme ascoltato nella grande sala del Senato solo dai magistrati, giornalisti e sindaci in primo piano nella lotta alla mafia, mancavano tutti i segretari dei partiti candidati alle elezioni, ora forse più preoccupati dalla vampata di odio e violenza politica di queste ore che dall’affrontare un fenomeno che sembra ormai appartenere di fatto in alcuni ambienti alla modalità di ricerca del voto: per Rosi Bindi, presidente della Commissione antimafia il clientelismo, il familismo e il trasformismo sono varchi attraverso i quali la mafia entra nella politica. La ricerca del consenso elettorale nelle zone grigie create dall’intreccio tra mafia e politica è una pratica ancora attiva, che si alimenta dalla mancanza di una buona politica, dal consenso buono, come lo definisce Rosi Bindi secondo la quale “l’astensionismo è il primo regalo alle mafie”.

La relazione mette in luce problemi che seppur segnalati da anni sono ancora presenti, “c’è la necessità, secondo Pietro Grasso, di un codice di autoregolamentazione per i partiti per arginare l’inquinamento mafioso nelle liste elettorali”. E’ ormai inconfutabile la presenza delle mafie nelle regioni del centro nord, tra le attività relativamente nuove – si legge nella relazione – c’è la grande distribuzione commerciale, i settori dei rifiuti, delle energie rinnovabili, del turismo, delle scommesse e sale gioco e se per alcuni partiti politici l’unico problema della sicurezza in Italia sembra essere quello degli immigrati, la relazione dell’antimafia conferma invece che è proprio il settore dell’assistenza e dell’accoglienza ai migranti quello in cui la criminalità fa più soldi. Dal palco si è sentito spesso pronunciare il termine “borghesia mafiosa”, per descrivere le infiltrazioni della mafia nell’economia e negli affari: nulla di nuovo per Caterina Chinnici, europarlamentare e magistrato, figlia di Rocco Chinnici, ucciso dalla mafia dopo aver creato quello che poi sarebbe stato ufficialmente il pool antimafia e aver capito che la mafia si trovava anche altrove: “Va dato atto del cambiamento della mafia, ma mi permetto di dire che era stato già tutto intravisto da mio padre trenta anni fa, la capacità della mafia di trasformarsi restando sempre se stessa, la mafia non è più quella delle azioni militarizzate ed eclatanti, – ci racconta ancora Caterina Chinnici – ora riesce ad infiltrarsi nelle amministrazioni, movimentando denaro e realizzando i propri obiettivi”.

I cinque anni della legislatura sono stati anche quelli dell’inchiesta di Mafia capitale, la cosiddetta “Terra di mezzo”, forme originali di nuove mafie – si legge nella relazione – che pur non manifestando le stesse caratteristiche di Cosa Nostra, ‘ndrangheta, camorra e mafia pugliese, esprimono lo stesso la capacità di assoggettamento e intimidazione dell’economia, della pubblica amministrazione e degli spazi sociali e rientrano quindi a pieno titolo nelle organizzazioni mafiose.

Alla presentazione della relazione era presente anche Don Luigi Ciotti fondatore di Libera, secondo cui la mafia teme più la scuola che la giustizia: “la cultura, la conoscenza, parlarsi sono valori enormi, si fanno percorsi importanti, c’è bisogno di concretezza, di vedere i volti delle persone e le loro storie, ci racconta Don Ciotti, che ha incontrato migliaia di ragazzi alla Giornata dell’impegno a Foggia, un incontro importante. La città pugliese è al centro del territorio interessato dalla mafia del Gargano, “una vera e propria guerra – racconta ancora Don Ciotti, finora sottovalutata, un’anomalia rispetto ad altri contesti mafiosi, negli ultimi anni ci sono stati circa trecento morti in questa zona, e dell’ottanta per cento di questi omicidi ancora non si conosce la verità”. Don Ciotti poi è molto preoccupato dalla violenza e dal clima di odio che contraddistingue le ultime settimane di campagna elettorale: “Bisogna dire no a ogni violenza, da qualunque parte arrivi, c’è bisogno di dialogo, perché – aggiunge il fondatore di Libera – c’è una violenza delle parole che alimenta tutto questo, sento giudizi, etichette, gente arrabbiata e non sento parlare i politici di temi veri, solo annunciare liste della spesa di promesse”.

Aggiornato martedì 27 febbraio 2018 ore 17:50
TAG