La denuncia

“Mussulmana, torna nel tuo Paese”

giovedì 28 settembre 2017 ore 12:06

Nadia Bouzekri ha 24 anni ed è la prima donna presidente dell’Associazione dei Giovani musulmani d’Italia. La più importante realtà giovanile del mondo islamico italiano, fondata 15 anni fa, con oltre 1.200 iscritti e 51 sezioni locali su tutto il territorio nazionale.

E’ nata a Milano, dove si è laureata, prima di studiare management a Reggio Emilia .

Mercoledì sera era all’aeroporto di Orio al Serio (Bergamo) per un volo diretto in Germania. Ecco il suo racconto su quello che le è successo. Ha deciso di renderlo pubblico con un video pubblicato su Facebook perché, dice, non ne posso più di questo razzismo quotidiano.

Ai controlli mi viene chiesto di togliermi la giacca: ma sotto ero smanicata e ho chiesto all’addetta alla sicurezza, una donna, di poterla togliere in una stanza appartata”.

E’ una prassi spesso utilizzata negli aeroporti, pur non essendo esplicitamente prevista per legge. Ci si rifà alle normative europee che impongono il rispetto della dignità della persona: concetto che viene applicato in molti casi anche con la possibilità, in particolare per le donne che lo chiedano, di potersi togliere gli indumenti necessari al controllo in una stanza a parte, per non farlo in mezzo a tutti.

Ma, racconta Nadia Bouzekri, questa volta non va così.

“A quel punto l’addetta mi ha apostrofata: “Mussulmana, tornatene nel tuo paese”. Io non avevo fatto niente, anzi avevo detto che mi sarei potuta togliere anche il velo se lo avessero ritenuto, ma non lì davanti a tutti. Lei ha continuato ad offendermi, a dirmi così impari a vestirti in questo modo. “Torna nel tuo paese, islamica”, continuava a dirmi. Ma il mio paese è Milano, anzi Sesto San Giovanni, per la precisione!

Qualcuno si accorge che l’addetta ha abusato del proprio ruolo. E interviene in difesa di Nadia.

Sono intervenuti dei suoi colleghi per cercare di calmare la situazione. Capiscono che ha sbagliato, infatti mi dicono: hai ragione, non doveva offenderti in questo modo. Ma non ho intenzione di lasciar perdere, voglio fare una denuncia perché non è possibile trattare così una persone, tanto più se sei in divisa. Non è possibile che una persone nasca, cresca, studi fino a laurearsi e sentirsi dire ancora a da qualcuno se sono o non sono italiana. E cosa c’entra la mia religione, poi?

Questo è il punto: le norme sulla sicurezza sono importanti, e chi li fa in aeroporto deve avere la discrezionalità per valutare le diverse situazioni. Ma – se il racconto di Nadia è vero, e nessuno lo ha smentito – perché una aggressione verbale di quel tipo? Perché lo stigma razzista? Perché il riferimento alla religione? Domande a cui i responsabili della sicurezza dell’aeroporto di Orio al Serio devono dare una risposta.

Il racconto su Facebook è stato immediatamente ripreso dalla consigliera comunale del Partito democratico Sumaya Abdel Qader. “Mi muoverò personalmente per approfondire l’accaduto”, ha dichiarato.

Aggiornato martedì 03 ottobre 2017 ore 17:20
TAG