Mario Mauro

Un ciellino alla corte dei neofascisti

venerdì 22 gennaio 2016 ore 07:00

Milano - Mario Mauro potrà aggiungere un altro titolo al suo lungo curriculum: partecipante a un convegno neofascista. Il senatore, già ministro della Difesa, già europarlamentare, già esponente di spicco di Comunione e Liberazione, già membro del comitato dei saggi voluto dall’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, parteciperà infatti, come relatore, al convegno organizzato a Milano dall’estrema destra per domenica 24 gennaio. “Siria, la guerra al terrore”, il titolo della conferenza a cui Mauro è stato invitato dai neofascisti. Insieme a lui, in cattedra, nientemeno che il leader di Forza Nuova, Roberto Fiore.

Al momento non è dato sapere dove si svolgerà il convegno, dopo che la fondazione Stelline ha negato il suo spazio. Molto probabilmente sarà in un hotel, trovato dopo un lungo confronto con la questura, per ragioni di sicurezza. A promuovere il convegno è il partito pan-europeo Alliance for Peace and Freedom, che raccoglie sotto il suo nome partiti estremisti e xenofobi di mezza Europa, dall’italiana Forza Nuova ai neonazisti greci di Alba Dorata, fino all’Npd tedesca.

Il convegno ha suscitato le proteste delle associazioni partigiane e democratiche, che hanno chiesto di vietare il raduno neonazista. Ma il senatore ciellino, nonostante le polemiche, continua a giustificare la sua presenza all’iniziativa. “Pur di parlare della situazione siriana – ha detto – sono disposto ad andare ovunque”.

Ascolta qui l’intervista a Mario Mauro

mario mauro

Aggiornato venerdì 22 gennaio 2016 ore 08:29
TAG