Approfondimenti

Yemen, sospesi i negoziati

Domenica 24 aprile, in Kuwait, l’inviato speciale dell’Onu Ismail Ould ha sospeso i negoziati sullo Yemen perché non portavano da nessuna parte.

Troppe le differenze.

Il presidente riconosciuto dall’Onu Mansour Hadi, appoggiato dai sauditi e dagli emiratini, chiede agli Huthi di consegnare le armi e di lasciare le città che hanno conquistato. Da parte loro, gli Huthi esigono che la coalizione guidata dai sauditi metta fine ai bombardamenti che in un anno hanno fatto oltre 6400 morti (più di quanti ne abbiamo fatto gli israeliani a Gaza nelle ultime tre guerre) e 2 milioni e mezzo di sfollati.

Difficile che questi negoziati abbiano esito positivo. Molto più probabile che ricomincino i combattimenti.

Al momento gli Huthi e i loro alleati (in primis l’ex presidente Saleh, un tempo loro nemico) stanno raggruppando le forze sul terreno. Per entrambe le fazioni, l’obiettivo è combattere ancora, riprendersi alcuni territori e ricominciare i negoziati successivi da un punto di forza.

Solo in un momento successivo sarà possibile un vero negoziato politico.

Molti gli attori sulla scena. Contrari a un’azione militare sono Iran, Russia e Cina. A non dare sostegno militare diretto sono Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia (che però forniscono armi e tecnologia), Turchia e Belgio. Ad avere invece preso posizione contro gli Huthi sono Arabia Saudita, Kuwait, Qatar, Bahrain, Emirati (anche se non tutti gli emiri sono d’accordo, la guerra in Yemen ha causato tensioni interne), Giordania, Egitto, Marocco, Senegal, Sudan e Malesia.

Intanto, i bombardamenti della coalizione saudita colpiscono la città portuale di Mukalla, fortezza di al Qaeda che da qui controlla 600 km di costa. 800 i morti tra i miliziani di al-Qaeda.

Un quadro complesso, quello yemenita, dove è presente anche l’Isis, cui si aggiunge il cinismo di un certo Occidente (Stati Uniti e Gran Bretagna in primis) che continua a vendere aerei militari e armi ai sauditi e agli Emirati.

A criticare la guerra sono in tanti. Oltre alle organizzazioni umanitarie, anche i musei: il British Museum, il Louvre, l’Hermitage a San Pietroburgo e il Metropolitan di New York hanno aderito a un programma dell’Unesco per accendere i riflettori sui siti archeologici distrutti nel Paese che un tempo fu della Regina di Saba.

  • Autore articolo
    Farian Sabahi
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 23/10/20 delle 19:49

    Metroregione di ven 23/10/20 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 24/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 23/10/20

    A casa con voi di ven 23/10/20

    A casa con voi - 24/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di ven 23/10/20

    1-Covid e disuguaglianze: In Francia il virus circola di più nelle zone in cui la popolazione è precaria. Il caso…

    Esteri - 24/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 23/10/20

    Ora di punta di ven 23/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/10/2020

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 23/10/20

    Follow Friday di ven 23/10/20

    Follow Friday - 24/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 23/10/20

    IPod, Lenny Kravitz, Britney Spears, Mtv EMA, Nuove Uscite, Lily Allen, Spandau Ballet

    Stay human - 24/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 23/10/20

    Uno di Due di ven 23/10/20

    1D2 - 24/10/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 23/10/20

    Intervista a Luciano Linzi per Jazzmi 2020

    Jack - 24/10/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 23/10/20

    Salute ed economia si possono tenere insieme nell’era della pandemia da Covid-19? E’ possibile tutelare la salute senza stravolgere il…

    Memos - 24/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 23/10/20

    Considera l'armadillo ven 23/10/20

    Considera l’armadillo - 24/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 23/10/20

    Stay Human di ven 23/10/20

    Stay human - 24/10/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 23/10/20

    Con Gilda Amorosi, Responsabile delle Politiche per energia, clima e sostenibilità presso Eurelectric, parliamo dello studio recentemente pubblicato sugli aspetti…

    C’è luce - 24/10/2020

  • PlayStop

    Maurizio De Giovanni, Il concerto dei destini fragili

    MAURIZIO DE GIOVANNI - IL CONCERTO DEI DESTINI FRAGILI - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 24/10/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 23/10/20

    Salute ed economia si possono tenere insieme nell’era della pandemia da Covid-19? E’ possibile tutelare la salute senza stravolgere il…

    Memos - 24/10/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 23/10/20

    ira rubini, cult, jasmine trinca, being my mom, sguardi altrove 2020, che storia!, fondazione feltrinelli, marco balzano, tiziana ricci, pensieri…

    Cult - 24/10/2020

  • PlayStop

    Maurizio De Giovanni, Il concerto dei destini fragili

    MAURIZIO DE GIOVANNI - IL CONCERTO DEI DESTINI FRAGILI - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 24/10/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 23/10/20

    ira rubini, cult, jasmine trinca, being my mom, sguardi altrove 2020, che storia!, fondazione feltrinelli, marco balzano, tiziana ricci, pensieri…

    Cult - 24/10/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 23/10/20

    C'e' Luce di ven 23/10/20

    C’è luce - 24/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 23/10/20

    Prisma di ven 23/10/20

    Prisma - 24/10/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 23/10/20

    Il Giorno Delle Locuste di ven 23/10/20

    Il giorno delle locuste - 24/10/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 23/10/20

    Il Giorno Delle Locuste di ven 23/10/20

    Il giorno delle locuste - 24/10/2020

Adesso in diretta