Approfondimenti

Xinjiang, i documenti segreti che scoprono la verità

uiguri

La più giovane è Rahile Omer. Aveva 15 anni quando è stata arrestata. La più anziana, Anihan Hamit, 73 anni.
Sono due nomi, tra tanti altri, a cui ora si può dare un volto. Due, in mezzo a migliaia e migliaia di cinesi di etnia uighura, detenuti in quelle che per il governo cinese sono semplici scuole. Ora, però, una serie di documenti, fotografie e dati su questi “centri di rieducazione”, come vengono chiamati da Pechino, sono stati hackerati dai computer della polizia della regione dello Xinjiang, e consegnate ad alcune tra le più serie e importanti redazioni internazionali, dalla BBC a Le Monde, che li hanno verificati, analizzati e – oggi- pubblicati. Sono gli Xinjiang Police Files. Comprendono discorsi top secret di ufficiali, manuali interni, dettagli sulla detenzione di più di 20mila Uighuri e fotografie.

In alcune delle foto segnaletiche delle persone detenute, a margine, sui lati, si intravedono agenti di polizia armati di manganello, anche se Pechino ha sempre negato che sui cosiddetti “studenti”, venisse usata la forza, sostenendo che tutti gli Uighuri entrano nei centri di rieducazione volontariamente.
Tra i file analizzati dalla Bbc, ci sono centinaia di esempi di persone arrestate per crimini commessi anni e anni prima. E con crimini, spesso, si intendono cose come: farsi crescere la barba, aver installato sul proprio cellulare app criptate, o per aver ascoltato “letture illegali”, qualunque cosa significhi. Un uomo, nel 2017 è stato arrestato e detenuto per 10 anni perché nel 2010 ha – per qualche giorno – studiato scritture islamiche con la propria nonna.
Altri sono stati puniti con fino a 10 anni di carcere per non aver usato abbastanza il proprio cellulare. L’indicazione “Il telefono ha finito il credito” è stata usata, in più di un centinaio di casi, come segno del fatto che le persone in questione cercavano di evadere la sorveglianza digitale.

Dai documenti, emerge anche una descrizione dettagliata non solo di come sono organizzati i campi di detenzione – dai quali poi qualcuno passa a prigioni vere e proprie – ma anche sulle tecniche utilizzate per controllare i detenuti. I campi sono circondati da torrette di controllo, dove giorno e notte ci sono cecchini di precisione che, insieme agli altri agenti di polizia, hanno l’ordine di sparare a vista se qualcuno cercasse di passare. Durante le lezioni, in cui si cerca di sradicare la cultura uighura, gli studenti sono sorvegliati a vista da agenti armati di fucile, manganello e manette.
Un controllo altrettanto capillare, però, viene fatto dal governo di Pechino sulle persone che ancora non sono state arrestate, ma che – secondo l’indagine condotta dalla Bbc – sono schedate, e inserite all’interno di un database di riconoscimento facciale che permette di avere un controllo totale sui loro movimenti e quelli delle persone con cui entrano in relazione.
Tutto questo viene giustificato dal governo di Pechino come un tentativo di eliminare e prevenire il terrorismo islamico. Il problema, però, è che ciò che Pechino considera terrorismo è così ampio, da riguardare un’intera popolazione. I documenti visionati dalla BBC riguardano soprattutto una regione nel sud dello Xinjiang, Shufu. Qui vivono sono quasi 23mila. Di questi, circa il 12% della popolazione adulta è stato detenuto in un campo o in una prigione tra il 2017 e il 2018. Se si applicano questi dati all’intero Xinjiang, significherebbe che più di 1,2 milioni di Uighuri sono detenuti nei campi cinesi. Più o meno la popolazione della città di Milano, per intenderci.
Gli Xinjiang police files sono gli ultimi di una serie di tanti altri che documentano in modo sempre più preciso una violazione dei diritti umani su vasta scala e una repressione etnica che sfiora i limiti del genocidio.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di lunedì 27/06/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 26/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 26/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 26/06/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 26/06/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 27/06/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/06/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 27/06/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 26/06/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 26/06/2022

    Incantagioni, il nuovo libro di Mariano Tomatis, racconta sei storie di donne ribelli nel mondo del mentalismo; è uscito Prostitute…

    Sui Generis - 27/06/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/06/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 26/06/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 27/06/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/06/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 27/06/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/06/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 27/06/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 27/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 27/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 27/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/06/2022

Adesso in diretta