Approfondimenti

Tra i picchiatori fascisti la candidata di Casapound

Un’aggressione squadrista. In piena regola e in pieno giorno. Sabato 28 aprile, tra mezzogiorno e le 13. Via Amedeo angolo via Paladini, Milano. Non distante dalla casa di Sergio Ramelli, militante di estrema destra ucciso il 29 aprile del 1975 e divenuta ormai meta di pellegrinaggio per i neofascisti di tutta Italia, in particolare nei giorni vicini all’anniversario.

Due donne, di 24 e 43 anni, stanno togliendo alcuni dei numerosissimi manifesti affissi abusivamente in quei giorni in tutta la zona per pubblicizzare la manifestazione in ricordo di Ramelli. Non per un atto politico, preciseranno quando andranno a sporgere denuncia, ma solo perché “rovinavano il decoro della strada”. All’improvviso sentono urla, vedono quattro persone, tre uomini e una donna, scendere da un’automobile e scagliarsi contro di loro urlando e inveendo: “Puttane, cosa state facendo?”, “Cosa cazzo state facendo?”.

La donna sembra essere la più infervorata: “Volete fare le partigiane?”, urla. Insulta, strattona e picchia una delle due. La colpisce al collo, alle braccia, le tira un calcio sullo stinco. Intanto uno degli altri aggressori sferra un calcio al cagnolino di una delle due vittime. Tutto questo mentre altre persone da un bar vicino le insultano e minacciano alcuni passanti dicendo loro di non intervenire. L’aggressione finisce quando una delle due vittime riesce ad allontanarsi e chiamare la polizia. La sera stessa una delle due donne, la più giovane, racconta alla polizia i fatti, mostrando loro il braccio pieno di lividi. E dando una descrizione di almeno due degli aggressori. Uno è un ragazzo sui 30 anni, con un cappellino da baseball e pizzetto.

La donna viene descritta come sui 40 anni, capelli castani altezza spalle, con occhiali da sole e una vistosa collana blu. La seconda donna, scossa dall’accaduto, quel giorno non fa denuncia. Ma il giorno dopo, ricordandosi della commemorazione pubblicizzata sui manifesti strappati e causa dell’aggressione, decide di andare per cercare di individuare i suoi aggressori. Al cimitero non trova i suoi aggressori, ma grazie ad alcune immagini trovate su internet della manifestazione dell’anno precedente riconosce la donna che l’ha aggredita. Va a questo punto alla commemorazione in via Paladini, dove la vede. Chiede ad alcuni partecipanti chi fosse e la risposta è netta: Angela De Rosa. La candidata alla presidenza della regione Lombardia per Casapound nelle elezioni dello scorso 4 marzo. Non un cane sciolto della galassia neofascista, e nemmeno un pezzo piccolo, nientemeno che la candidata dei fascisti del terzo millennio a guidare la Lombardia!

Il giorno dopo la donna va a sporgere denuncia, e sottoposta al riconoscimento fotografico dei presunti aggressori, non ha dubbi: la donna che l’ha aggredita due giorni prima è proprio Angela de Rosa.

ramelli

  • Autore articolo
    Alessandro Braga
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 18/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/01/21 delle 19:48

    Metroregione di lun 18/01/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 18/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/01/21

    Ora di punta di lun 18/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 18/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 18/01/21

    ..1- Conto alla rovescia per l’uscita di scena di Donald Trump...Intanto oggi Gli stati Uniti celebrano il Martin Luther king…

    Esteri - 18/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 18/01/21

    Considera l'armadillo lun 18/01/21

    Considera l’armadillo - 18/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 18/01/21

    Puntata 22 - Un meraviglioso mondo a colori inondato di luce. Peter Behrens, Taj Mahal, The Beatles. E Albert Hofmann...1.…

    Gimme Shelter - 18/01/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 18/01/21

    Il 17 gennaio, il pugile Muhammad Ali avrebbe compiuto 79 anni. Questa puntata racconta lo stretto rapporto fra la musica…

    Record Store - 18/01/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 18/01/21

    Jack di lun 18/01/21

    Jack - 18/01/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/01/21

    Senti un po' di lun 18/01/21

    Senti un po’ - 18/01/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 18/01/21

    ira rubini, cult, alec ross, advisor innovation, barack obama, il nostro futuro

    Cult - 18/01/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 18/01/21

    Con Lea Melandri, femminista, giornalista, saggista e insegnante, parliamo di laboratori di idee e prassi, di linguaggi, di femminismi; Tina…

    Sui Generis - 18/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/01/21

    Prisma di lun 18/01/21

    Prisma - 18/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/01/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 18/01/2021

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 18/01/21

    Oggi a DiLunedì con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, la campagna della Presidenza del Consiglio sui vaccini anti-Covid (firmata da…

    DiLunedì - 18/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/01/21

    Fino alle otto di lun 18/01/21

    Fino alle otto - 18/01/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/01/21

    Reggae Radio Station di dom 17/01/21

    Reggae Radio Station - 18/01/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/01/21

    a cura di Fabio Barbieri. Con musiche di di Mari Endo, Johann Sebastian Bach, Terry Riley, David Bowie, Terje Rypdal,…

    Prospettive Musicali - 18/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/01/21

    Sunday Blues di dom 17/01/21

    Sunday Blues - 18/01/2021

Adesso in diretta