Approfondimenti

Rex Ryan, sadico e americano

È inutile che oggi cerchiate l’espressione Big Cookie tra titoli dei magazine sportivi americani. Non la troverete, e non solo per motivi ortografici, perché l’ultima giornata della National Football League è stata al contrario il trionfo degli upset, i risultati a sorpresa di chi non poteva proprio perdere. E invece.

Il suicidio perfetto è stato compiuto dai Jets di New York, che hanno perso 22 a 17 contro Buffalo e si sono giocati il posto che sembrava ipotecato ai playoff. I Bills erano senza mezza squadra e senza ambizioni di gloria, ma nella Nfl va così.

Sadico, e non si parla solo di physique du role, il loro coach Rex Ryan, che ha deciso la quinta stagione consecutiva senza post season per quella che fino a un anno fa era la sua squadra.

Una storia, la sua, che vale la pena di raccontare. Nato nel 1962 in Oklahoma, Ryan è figlio e fratello d’arte. Suo padre Buddy è l’uomo che lo ha fatto entrare nel mondo del football professionistico, che il ragazzo ha scalato nell’arco degli ultimi venticinque anni.

Nel 2009 il primo ruolo da capo allenatore, proprio con i Jets. Il team, la cui popolarità negli anni ha pagato la grande ascesa dei concittadini Giants, ha vinto un solo Super Bowl nel 1969, poi più nulla.

I primi anni di Rex Ryan sulla panchina sono coincisi con gli ultimi felici per gang in verde. Che non vedeva più i playoff da troppo tempo e per questo motivo aveva deciso di separarsi dal suo allenatore, ruolo che nella Nfl comporta grandi responsabilità e non minori compensi.

Rex, affrancato grazie a una portentosa dieta dalla enorme pancia che lo aveva caratterizzato negli anni newyorkesi, si accasava a Buffalo. I biancoblu sono stati Oj Simpson e Jim Kelly. Sono stati soprattutto la squadra che negli anni 90 ha perso quattro Super Bowl consecutivi. Roba da barzellette.

Non per Rex Ryan, che ha preso sul serio la causa e si è perfettamente calato nella realtà dei Bills. Lo dimostra il feeling costruito con i tifosi, cui hanno contribuito le sue scelte cromatiche. Appena giunto nei pressi delle Niagara Falls il coach si è fatto serigrafare di biancoblu, con lo stemma sociale in bella evidenza sul cofano, il terrificante pickup. Ma soprattutto ha riprodotto i nuovi colori del cuore sulla t-shirt della pin-up che arreda il suo bicipite. Il tatuaggio, ovviamente, prima era verde Jets, la squadra cui oggi Rex Ryan ha regalato una nuova delusione.

Ci sono poche cose che raccontano bene gli Stati Uniti come il football americano. E poche cose che raccontano il football come Rex Ryan.

  • Autore articolo
    Dario Falcini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 05/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 05/05/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 05/05/21 delle 19:49

    Metroregione di mer 05/05/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 05/05/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 06/05/21

    Funk shui di gio 06/05/21

    Funk shui - 05/06/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 05/05/21

    Jazz Ahead di mer 05/05/21

    Jazz Ahead - 05/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 05/05/21

    News Della Notte di mer 05/05/21

    News della notte - 05/05/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 05/05/21

    A casa con voi di mer 05/05/21

    A casa con voi - 05/05/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 05/05/21

    Ora di punta di mer 05/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 05/05/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 05/05/21

    1 Colombia. La dura repressione della polizia non ferma le manifestazioni in tutto il paese per denunciare le politiche liberiste…

    Esteri - 05/05/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 05/05/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 05/05/21

    Gli speciali - 05/05/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 05/05/21

    ospite della puntata Claudio dei Mighty Oaks intervistato da Florencia Di Stefano Abichain e Matteo Villaci

    Jack - 05/05/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 05/05/21

    Considera l'armadillo mer 05/05/21

    Considera l’armadillo - 05/05/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 05/05/21

    Stay Human di mer 05/05/21

    Stay human - 05/05/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 04/05/21

    La rabbia dei piccoli non è una piccola rabbia - ..“Le emozioni di solito sono classificate come negative e positive,…

    Psicoradio - 05/05/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 05/05/21

    La pandemia, la morte che si trasforma e la recessione delle nascite. Memos ha ospitato oggi Asher Colombo, sociologo all’università…

    Memos - 05/05/2021

  • PlayStop

    Guido Tonelli, Il sogno di uccidere Chronos

    GUIDO TONELLI - IL SOGNO DI UCCIDERE CHRONOS - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 05/05/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 05/05/21

    Cult di mer 05/05/21

    Cult - 05/05/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 05/05/21

    Antitrust UE contro Apple; la proposta di Apple per il tracking che garantisce la privacy; norma europea sul contrasto al…

    Doppio Click - 05/05/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 05/05/21

    La strategia della destra per affondare il Ddl Zan e cosa si puo’ fare per contrastarla. Con le senatrici Monica…

    Prisma - 05/05/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 05/05/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 05/05/21

    Rassegna stampa internazionale - 05/05/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 05/05/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 05/05/21

    Il demone del tardi - 05/05/2021

Adesso in diretta