Approfondimenti

L’acrobazia politica di Renzi

“La maggioranza silenziosa sta con noi. Noi non siamo la Casta.” Renzi attinge a un immaginario del linguaggio politico che dovrebbe, nelle sue intenzioni, smuovere quell’elettorato pronto a votare No per protesta, oppure ad astenersi, cercando invece di convincerlo a stare dalla sua parte perché chi vuole mantenere le poltrone sono altri.

Questo il messaggio renziano ripetuto ormai più volte al giorno, in diverse città e occasioni. I toni usati dal governo, e poche settimane ormai mancano al voto, risentono dello scossone ricevuto dall’elezione di Donald Trump negli Stati Uniti.

Quel voto che si potrebbe definire “di pancia”, per punire il sistema di potere, e che Renzi teme possa essere imitato in Italia per punire il governo in carica, per puro spirito di protesta e opposizione alle scelte economiche e anti crisi.

Per questo ora Renzi parla di casta, di lotta al sistema, con un’acrobazia politica notevole, visto che è presidente del Consiglio e con la riforma vorrebbe mettersi alla testa di una battaglia contro il Sistema. Lo ha spiegato nel corso dell’ennesima intervista: “Ho 41 anni – dice – e non mi sembra di rappresentare il sistema con il mio governo e la mia generazione. Mi sembra che lo siano di più quelli che per trent’anni hanno avuto la possibilità di cambiare e non lo hanno fatto”.

Insomma, se è facile indicare D’Alema e Berlusconi, nel fronte del No Renzi, però, ha urgenza di metterci soprattutto la Lega e i Cinque Stelle, le vere forze politiche di cui teme l’ondata di protesta il 4 dicembre. Nei suoi incontri, oggi anche con gli studenti all’Università Cattolica di Milano, il presidente del Consiglio spinge sui temi di maggior impatto: il taglio del numero dei senatori, la riduzione dei costi e l’abolizione del Cnel.

Sul futuro non si sbilancia: non rimarrò a vivacchiare dice, ma non precisa fino a quando, se si dimetterà un minuto dopo l’eventuale sconfitta oppure se andrà avanti.

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 28/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 28/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 28/06/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 28/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 28/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Avni Doshi, Zucchero bruciato

    AVNI DOSHI - ZUCCHERO BRUCIATO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/06/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 28/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la libraia Mariana Marenghi parla del contest…

    Cult - 28/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 28/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 28/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 28/06/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 28/06/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 28/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/06/2022

    Le Nina’s Drag Queen raccontano cos'è „Tutta mia la città“, Oliviero Ponte di Pino svela le sorprese del PNRR in…

    Il Suggeritore Night Live - 28/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/06/2022

    1--Attentati di Parigi. Dopo 9 mesi di udienze si è chiuso oggi il processo del secolo. Nella sua ultima dichiarazione,…

    Esteri - 28/06/2022

Adesso in diretta