Approfondimenti

Railcoop, la cooperativa francese che scommette sul “viaggiare lento”

La novità è passata un po’ in sordina, ma dal dicembre 2020 la Francia ha
aperto il mercato ferroviario interno alla concorrenza. Finito il monopolio della SNCF, l’equivalente di Trenitalia, il paese si prepara all’arrivo di diverse compagnie straniere che sperano di sfruttare la ghiotta rete di linee ad alta velocità ma che hanno dovuto sospendere i loro piani a causa del covid. Tra i grandi nomi pronti a spartirsi il ricco mercato transalpino c’è anche un piccolo operatore nazionale con grandi ambizioni e un progetto molto particolare. Si tratta di Railcoop, la prima società cooperativa di interesse collettivo a creare e gestire delle linee ferroviarie.

Come spiega Dominique Guerrée, il presidente della cooperativa nata nel 2019 in una regione rurale vicino a Bordeaux, Railcoop punta a sviluppare un mercato diverso da quello dell’alta velocità. Recuperando le linee che la SNCF considera non redditizie e che ha via via abbandonato in favore dei TGV. Oggi la cooperativa può contare su 7200 soci, tra comuni cittadini, associazioni, aziende, dipendenti e amministrazioni locali. E su un capitale sociale di 2 milioni di euro, ben più di quel che serve per chiedere la licenza per il trasporto viaggiatori. Il progetto prevede di far circolare i primi treni merci già quest’autunno. Mentre i primi convogli viaggiatori verranno messi su rotaia l’anno prossimo sulla linea trasversale Lione-Bordeaux.

Percorreranno una tratta non elettrificata, a volte a binario unico, che attraversa le montagne del Massiccio Centrale e ferma in nove stazioni intermedie, impiegando tra le 7 e le 7 ore e mezza per collegare i due capoluoghi regionali. Non è certo un viaggio breve, ma oggi le due città sono raggiungibili in treno solo passando da Parigi e in macchina ci vogliono almeno cinque ore di strada, senza pause e senza traffico. Ed è proprio l’auto il mezzo di trasporto a cui Railcoop vuole fare concorrenza, proponendo dei prezzi allineati su quelli del covoiturage: meno della metà dei biglietti economici dell’SNCF. Dei prezzi che parlano al pubblico di riferimento: famiglie, studenti e perché no turisti attirati dalla campagna francese e adepti dello slow travel. I primi treni sono stati comprati di seconda mano, perché per avere quelli nuovi bisogna aspettare anni. Ma la cooperativa punta a installare rapidamente carrozze riservate alle bici e a sviluppare un servizio “più umano” a bordo e in stazione. Ad esempio proponendo pasti cucinati localmente, serviti al proprio posto. I soci sono organizzati in gruppi di riflessione e le proposte non mancano. Con un’attenzione particolare allo sviluppo sostenibile: l’idea è di usare i guadagni, che verranno in grandissima parte reinvestiti nella rete, per sostituire il prima possibile i motori diesel delle locomotive con un’alimentazione a biogas, ottenuta da rifiuti.

Railcoop prevede di creare tre grandi linee entro il 2023 e grazie ai benefici svilupparne diverse, più piccole, per ricollegare i rami morti, dati per persi dall’operatore nazionale. Un modo alternativo di fare impresa che ha già dato dei frutti. Il treno Lione-Bordeaux si fermerà a Gannat, un paese di 4000 abitanti, tra i primi soci istituzionali della cooperativa, che senza questo progetto avrebbe perso la sua stazione. E che soprattutto attira sempre nuovi soci tra chi, dopo i Gilets Gialli, il covid e l’urgenza climatica, vuole fare la sua parte, sperando di mettere il cambiamento sul binario giusto.

Foto | Facebook

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 04/08/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 08/04/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Radiosveglia del mer 04/08/21

    Radiosveglia del mer 04/08/21

    Radiosveglia - 08/04/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 03/08/21

    Music Revolution di mar 03/08/21

    Music Revolution - 08/04/2021

  • PlayStop

    Bollicine di mar 03/08/21

    Bollicine di mar 03/08/21

    Bollicine - 08/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 03/08/21

    News Della Notte di mar 03/08/21

    News della notte - 08/03/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 03/08/21

    A casa con voi di mar 03/08/21

    A casa con voi - 08/03/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 03/08/21

    Ora di punta di mar 03/08/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 08/03/2021

  • PlayStop

    La Febbra di mar 03/08/21

    La Febbra di mar 03/08/21

    La febbra - 08/03/2021

  • PlayStop

    Febbre a '91 pt. 2 - BEST DELLA CRITICA

    ..BLUR ‘There’s No Other Way’..3 PM Dawn - Set Adrift On Memory Bliss..TEENAGE FANCLUB ‘What You Do To Me’..PRIMAL SCREAM…

    Febbre a ’91 - 08/03/2021

  • PlayStop

    Antonio La Torre difende Jacobs dalle insinuazioni della stampa anglosassone

    Antonio La Torre risponde ai dubbi sollevati da Washington Post e NY Times sui miglioramenti cronometrici di Marcell Jacobs.

    Gli speciali - 08/03/2021

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di mar 03/08/21

    Conduzione Musicale di mar 03/08/21

    Conduzione musicale - 08/03/2021

  • PlayStop

    Rock is Dead di mar 03/08/21

    2. Eddie Cochran – l’ultima corsa dell’altro Elvis e l’omicidio del geniale King Curtis

    Rock is dead - 08/03/2021

  • PlayStop

    Da Pollon agli investimenti

    Jennifer Radulovic, Giuseppe Girgenti, Alessandro Fatichi

    Di tutto un boh - 08/03/2021

  • PlayStop

    Momentaneamente aperti di mar 03/08/21

    Momentaneamente aperti di mar 03/08/21

    Momentaneamente aperti - 08/03/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 03/08/21

    Prisma di mar 03/08/21

    Prisma - 08/03/2021

Adesso in diretta