Approfondimenti

Radio Popolare sul caso Farid Adly

Farid Adly è uno storico collaboratore di Radio Popolare: prima come volontario, poi come dipendente a tempo indeterminato dal 1990 e in seguito, dal 1999 (egli ha dato le dimissioni per la sua esigenza personale di trasferirsi in Sicilia), con un contratto di collaborazione rinnovato di anno in anno per 20 anni. La forma contrattuale è la cessione di diritto d’autore, l’unica possibile non essendo Farid Adly giornalista (o per lo meno così a noi risulta, non avendoci mai fornito la fotocopia del tesserino dell’Ordine dei Giornalisti).

Dubitiamo che per 20 anni Farid sia stato scontento del suo contratto che, nonostante le crisi economiche che la radio ed i suoi dipendenti hanno affrontato, non ha mai visto nessuna richiesta di riduzione (i dipendenti hanno affrontato 5 anni di casse integrazioni al 20% e 23% dei salari ed i collaboratori hanno tutti accettato di sacrificare anche il 30% dei loro compensi per superare i momenti difficili).

L’anno scorso sempre per questioni sue personali (Farid stesso accenna a esigenze di “tutela dei suoi figli”) ci chiede di modificare l’assetto contrattuale con lui in essere da vent’anni, dapprima proponendo una formula contrattuale assolutamente inaccettabile cui ha fatto seguito una seconda proposta, anch’essa impercorribile.

Abbiamo spiegato che Radio Popolare gli avrebbe dato una mano (come sempre ha fatto con tutti coloro che ne hanno avuto bisogno) restando nel campo della legalità e che non ci saremmo spinti in territori dove fossero necessari i “tecnicismi tra commercialisti” che lasciamo volentieri ad altre aziende.

Forme di irregolarità contrattuale – e men che meno di piena illiceità – non potranno mai trovarci concordi.

A questo punto è partita la gogna dei social e rifiutandoci di sottostare a questa formula ricattatoria (“o si fa come dico io o sarà il caos”) sono partite le accuse di “licenziamento politico”, che mai si è profilato e dal quale lo stesso Cdr in una nota interna ha preso le distanze. Accuse false e gravemente lesive dell’immagine della radio.

Inoltre il termine “vertenza” è improprio dato che non vediamo sindacati (con i quali abbiamo trattative aperte o i loro rappresentanti in sede) che chiedono di dar corso a ciò che ci chiede il collaboratore Adly.

Se Radio Popolare avesse accettato il ricatto di Farid ci sarebbe stata lo stesso questa buriana social? E a quanti altri ricatti avremmo poi dovuto sottostare?

In un ultimo incontro abbiamo ribadito a Farid che il suo contratto (con un corrispettivo economico incrementato proprio lo scorso anno) era ancora a disposizione, ma le falsità che lui ha permesso che circolassero (e da lui direttamente ribadite ieri) dovevano essere smentite altrimenti sarebbe caduta ogni possibilità di rinnovo. E abbiamo chiesto che questa smentita venisse concordata con il Presidente della Cooperativa Radio Popolare perché più gravi sono le accuse, se fatte pubblicamente da un cooperante.

Dopo una breve telefonata con il Presidente della Cooperativa che ha ribadito le condizioni necessarie per il ripristino del vecchio contratto, Farid ha indetto la sua conferenza stampa e ribadito falsità e ricatti.

Nessun soggetto può pensare di ricattare Radio Popolare usando social e mailing list e danneggiare così l’immagine della Radio e di tutte le donne e gli uomini che quotidianamente si impegnano in questo progetto editoriale unico.

Infine una nota sulla nostra democrazia interna.

Il nostro sistema di pesi e contrappesi è tale che non esiste una formula più “di sinistra”.

Tutte le nostre cariche sono elettive e passano dalla discussione e dal voto dell’assemblea della Cooperativa che ogni tre anni rinnova le sue cariche ed i diversi ruoli di governance.

Tutti a Radio Popolare abbiamo compensi inferiori a quelli che avremmo in altri luoghi ma sono in equilibrio rispetto alle diverse responsabilità che vengono ricoperte e direzione e amministrazione sono equiparate.

Questa comunicazione è condivisa da: Amministratrice Delegata, Presidente di Errepi SpA, Presidente della Cooperativa Radio Popolare e dalla Reggenza Editoriale

  • Autore articolo
    Pubblicazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 10/07

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 07/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 10/07 delle 19:49

    Metroregione di ven 10/07 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 07/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Favole al microfono di sab 11/07

    Favole al microfono di sab 11/07

    Favole al microfono - 07/11/2020

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 11/07

    Mash-Up di sab 11/07

    Mash-Up - 07/11/2020

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 10/07

    Doppia Acca di ven 10/07

    Doppia Acca - 07/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 10/07

    A casa con voi di ven 10/07

    A casa con voi - 07/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 10/07

    Ora di punta di ven 10/07

    Ora di punta – I fatti del giorno - 07/10/2020

  • PlayStop

    Tamarindo di ven 10/07

    erica casati, virginia woolf. disneyland, femminismo, perturbazione, matteo serra, mind the gap, emergo, margherita fruzza, diana novelletto

    Tamarindo - 07/10/2020

  • PlayStop

    Pin the map 1

    Playlist: 1. Alewa, Santrofi, Alewa, OutHere,2020 ..2. Electric Sight, Trio Tekke, Strovilos, World Music Network, 2020 ..3. Svalan, Maria Kalaniemi…

    Pin the map - 07/10/2020

  • PlayStop

    Rebel Music di ven 10/07

    Rebel Music di ven 10/07

    Rebel Music - 07/10/2020

  • PlayStop

    Magic Box di ven 10/07

    ira rubini, magic box, centro teatrale bresciano, stagione ininfiniti mondi gian mario bandera, reggia di venaria, matteo negrin, casa boschi…

    Magic Box - 07/10/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 10/07/20

    ENZO GENTILE - THE STORY OF LIFE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 07/10/2020

  • PlayStop

    LOGOS: Sergente Pepe 5

    a cura di Claudio Ricordi

    Logos - 07/10/2020

  • PlayStop

    La Febbra di ven 10/07

    La Febbra di ven 10/07

    La febbra - 07/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 10/07

    Prima parte: una sentenza della Corte Suprema Usa sgradita a Trump. Ce ne parla Roberto Festa - Seconda parte: la…

    Prisma - 07/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di ven 10/07

    Rassegna stampa internazionale di ven 10/07

    Rassegna stampa internazionale - 07/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 10/07

    Fino alle otto di ven 10/07

    Fino alle otto - 07/10/2020

Adesso in diretta