Approfondimenti

Però stiamo attenti alla maggioranza balena

Mario Draghi ANSA

La nave di Draghi ieri è stata rallentata dalle convulsioni del Movimento 5 Stelle ma tutto fa pensare che ormai il porto sia vicinissimo. La maggioranza in parlamento sarebbe super garantita anche senza i grillini, che comunque alla fine saranno quasi tutti della partita.
 
Il referendum sulla piattaforma Rousseau è stato voluto da Casaleggio per tenere almeno in apparenza vivo il sogno utopico o distopico del padre, la democrazia diretta e i parlamentari come puri portavoce della base. 
 
Ma la realtà non è più quella, i deputati e i senatori del M5S da tempo rivendicano l’autonomia e nei fatti l’hanno già conquistata, anno dopo anno, fino a diventare i veri decisori di un Movimento senza più un capo riconosciuto, nemmeno Grillo, certamente non Casaleggio, tanto meno il reggente Crimi.
Fuori dal governo dunque resteranno solo Fratelli d’Italia, forse una ventina di parlamentari grillini mentre resta ancora il mistero di Liberi e Uguali.
 
In ogni caso sarà la maggioranza più larga della storia repubblicana dai tempi del quarto governo Andreotti, quello nato nel marzo del 1978 sull’emergenza del rapimento Moro: allora restarono fuori dalla maggioranza solo i missini e a sinistra due gruppi minuscoli, Radicali e Democrazia Proletaria.
 
43 anni dopo lo schema si ripropone molto simile in un’altra emergenza, non più terroristica ma sanitaria ed economica. Ed è desiderio di tutti, credo, che Draghi ce la faccia, che dall’emergenza ci porti fuori. 
 
Meno diffusa purtroppo è un’altra convinzione, e cioè che un Parlamento praticamente senza opposizione non è sano in una democrazia, e se questa situazione è forse accettabile in via provvisoria, sul medio termine non è un obiettivo, almeno non lo è in una società aperta e dialettica dove la maggioranza governa e l’opposizione robustamente controlla, critica, rivela, insomma fa il suo lavoro che in democrazia è importante quanto governare.

  • Autore articolo
    Alessandro Gilioli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta