Approfondimenti

Perché scioperano gli agenti penitenziari?

Uno sciopero così, nelle prigioni francesi, non lo si vedeva da 25 anni. Siamo al decimo giorno di una protesta che coinvolge gli agenti di custodia in più di 120 carceri. Molti istituti sono completamente bloccati, al punto che polizia e gendarmi hanno dovuto sostituire i secondini. E la situazione non migliorerà rapidamente, visto che ieri i sindacati hanno abbandonato il tavolo delle trattative con il governo.

I problemi delle prigioni francesi e di chi ci lavora sono cronici e noti da anni ma al di là di alcune crisi risolte nell’urgenza, le ripetute denunce dei 28mila agenti penitenziari sono rimaste inascoltate. Il numero dei detenuti è raddoppiato negli ultimi 40 anni, raggiungendo le 70mila unità ad aprile 2017. La sovrappopolazione, in particolare l’aumento di detenuti radicalizzati, di persone che non si sono mai inserite nella società o che hanno dei seri problemi psichiatrici ma nessun obbligo di cura, è un fattore che secondo chi sciopera aumenta il tasso di violenza e incide sulla sicurezza sul lavoro. Dal 2011 ad oggi sono state segnalate più di quattromila aggressioni al personale ogni anno. Ed è stato l’attacco a colpi di forbici a tre agenti da parte di un detenuto radicalizzato che ha scatenato le proteste.

Professione pericolosa quella della guardia penitenziaria, ma anche mal considerata e mal pagata. Lo stipendio di base corrisponde al salario minimo, circa 1.500€ al mese, e supera raramente i 2.100€ a fine carriera. La questione economica è del resto uno dei principali punti di scontro con il ministero della Giustizia, assieme a quello della sicurezza e delle assunzioni. Il governo ha proposto di creare 1.100 nuovi posti in quattro anni ma secondo gli agenti non è abbastanza.

Intanto, anche i detenuti protestano, perché lo sciopero dei secondini impedisce lo svolgersi di diverse attività, comprese l’ora d’aria o le visite dei parenti. Oggi gli agenti hanno persino ritardato l’inizio del primo processo legato agli attentati delle terrazze di Parigi del 13 novembre 2015, rallentando il trasferimento dal carcere di uno degli imputati. Una mossa di comunicazione che potrebbe non essere l’ultima, in attesa di nuove e più adeguate proposte da parte del governo.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 14/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 15/05/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 14/05/21 delle 19:49

    Metroregione di ven 14/05/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 15/05/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 14/05/21

    Doppia Acca di ven 14/05/21

    Doppia Acca - 15/05/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 14/05/21

    News Della Notte di ven 14/05/21

    News della notte - 15/05/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 14/05/21

    A casa con voi di ven 14/05/21

    A casa con voi - 15/05/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 14/05/21

    Esteri di ven 14/05/21

    Esteri - 15/05/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 14/05/21

    Ora di punta di ven 14/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 15/05/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 14/05/21

    Follow Friday di ven 14/05/21

    Follow Friday - 15/05/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 14/05/21

    Uno di Due di ven 14/05/21

    1D2 - 15/05/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 14/05/21

    ospite Alek Hidell intervistato da Piergiorgio Pardo

    Jack - 15/05/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 14/05/21

    Stay Human di ven 14/05/21

    Stay human - 15/05/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 14/05/21

    “O facciamo la riforma della giustizia o perdiamo tutti i 191 miliardi del Recovery. Il governo si sta giocando tutto”.…

    Memos - 15/05/2021

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 14/05/21

    ALESSIA CAPPELLETTI - EZIO BOSSO, FACCIO MUSICA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 15/05/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 14/05/21

    ira rubini, cult, pat carra, anticorpi a fumetti, chiostro casa della musica parma, tiziana ricci, rolli days genova, erri de…

    Cult - 15/05/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 14/05/21

    Federico Maria Butera, professore emerito del Politecnico di Milano, è autore di "Affrontare la complessità. Per governare la transizione ecologica",…

    C’è luce - 15/05/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 14/05/21

    Commentiamo la nuova guerra di Gaza con il pacifista israeliano Zvi Shouldiner. 10 anni fa nasceva il movimento degli Indignados…

    Prisma - 15/05/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 14/05/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 14/05/21

    Il giorno delle locuste - 15/05/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 14/05/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 14/05/21

    Il demone del tardi - 15/05/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 14/05/21

    Fino alle otto di ven 14/05/21

    Fino alle otto - 15/05/2021

Adesso in diretta