Approfondimenti

Party-gate, non solo i laburisti chiedono le dimissioni di Boris Johnson

Boris Johnson Gran Bretagna

Il 17 aprile 2021, la regina Elisabetta sedeva sola nella cappella di St. George, al castello di Windsor. Abito nero, cappello nero e mascherina nera. Da sola, nel rispetto delle regole anti covid che erano vigenti nel Regno Unito a quel tempo, assisteva al funerale di suo marito, il Principe Filippo.

Non molte ore prima, a Londra, al numero 10 di Downing Street, lo staff di Boris Johnson teneva due distinte feste di addio per due membri del gruppo che cambiavano lavoro: uno dei fotografi personali di Johnson e James Slack, capo della comunicazione del primo ministro. Le due feste, iniziate in due aree divise della residenza del primo ministro britannico, si sono poi unite e i festeggiamenti sono andati avanti fino alle prime ore del mattino.

La notizia di questa festa si è diffusa oggi, a partire da un’inchiesta del Daily Telegraph, ma quella del 16 aprile non è stato l’unico party che c’è stato a Downing Street mentre per il resto del paese erano vietati. La lista è lunga. La prima è stata il 15 maggio 2020, nel giardino della residenza del premier. Circa 17 persone, tra cui Boris Johnson, si sono trovati a bere vino e mangiare formaggio. Di quella festa, qualche settimana fa era circolata una foto, che aveva fatto scoppiare lo scandalo. Poi, qualche giorno dopo, sono emerse alcune email che invitavano circa 100 persone a un party il 20 maggio dello stesso anno. Tra le circa 40 persone che poi hanno effettivamente partecipato, c’era anche il premier. Il tutto, in uno dei momenti più critici della pandemia, mentre i britannici erano chiusi in casa e potevano uscire solo per bisogni essenziali. Da lì, come un effetto domino, sono emerse tante, troppe, altre feste organizzate a Downing Street. L’ultima, resa nota oggi poco dopo quella della notte del funerale del principe Filippo, coinvolge diversi membri della task force contro il covid 19, che il 17 dicembre 2020 si sono trovati per festeggiare un membro del comitato che lasciava l’incarico.

Il 16 aprile 2021 però, nel Regno Unito, non solo c’era il divieto di fare assembramenti, ma era anche giornata di lutto nazionale. Secondo il portavoce del premier, Johnson quella sera non era presente, ma il risultato non cambia. Il Party-Gate, come viene chiamato dai media, ha generato una grande rabbia tra i britannici. Il messaggio è: le regole valgono per tutto il paese, compresa la regina, ma non per la sua leadership. Solo per fare un esempio concreto di questo, il giornale The Evening Standard, ha intervistato una donna che è stata multata con una sanzione di 12mila sterline per aver organizzato una festa per il sue 27esimo compleanno il 17 aprile, andando contro la regola del “no assembramenti”.

Per la seconda volta in una settimana, il governo si è scusato. Prima in parlamento, mercoledì, e oggi direttamente alla regina. Ma le scuse sono sembrate annacquate, inefficaci e, soprattutto, insufficienti. Le voci tra i laburisti che chiedono le dimissioni del primo ministro si stanno moltiplicando e anche tra i conservatori, si sta diffondendo il timore che le continue figuracce di Johnson mettano in cattiva luce e discreditino il partito intero.

Queste ultime rivelazioni, però, sembrano la goccia che fa traboccare un vaso ormai stracolmo. In un articolo del 15 dicembre, il Guardian si chiedeva se Johnson sarebbe arrivato a natale senza altri scandali. La risposta, poi, è stata no. La foto della festa del maggio 2020, infatti, è arrivata in un periodo di già grande crisi per il suo governo. A marzo 2020, il suo tasso di popolarità era al 66%. A giugno 2021 era al 48%. Oggi è ormai al 23%. Il Financial Times oggi scrive che per Boris Johnson “the game is up”, è la fine dei giochi. I passi falsi sono stati troppi. Dentro e fuori dal partito Conservatore si parla apertamente di chi potrebbe sostituire Johnson nelle prossime settimane o nei prossimi mesi. Forse, quello che ancora lo mantiene sulla sua poltrona, è che non sia uscito un nome che metta d’accordo tutti, ma sembra solo questione di tempo.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 03/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/03/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 02/12/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/02/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 03/12/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 12/03/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 03/12/2022

    l fascino di Samara Joy, giovane jazz singer newyorkese, interprete dalla grande tecnica, in grado di rileggere Gershwin e Monk…

    Stay human - 12/03/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 03/12/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 12/03/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 03/12/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 12/03/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 03/12/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 12/03/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 03/12/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 12/03/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 03/12/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 12/03/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 03/12/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 12/03/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 03/12/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 12/03/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 03/12/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 12/03/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 03/12/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 12/03/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 02/12/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 02/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/02/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 02/12/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 12/02/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 02/12/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 12/02/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 02/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/02/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 02/12/2022

    1-Ucraina. La Russia chiede ai membri della nato di riconoscere i territori annessi prima dei colloqui pace. Ma la partita…

    Esteri - 12/02/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 02/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/02/2022

Adesso in diretta