Approfondimenti

Party-gate, non solo i laburisti chiedono le dimissioni di Boris Johnson

Boris Johnson Gran Bretagna

Il 17 aprile 2021, la regina Elisabetta sedeva sola nella cappella di St. George, al castello di Windsor. Abito nero, cappello nero e mascherina nera. Da sola, nel rispetto delle regole anti covid che erano vigenti nel Regno Unito a quel tempo, assisteva al funerale di suo marito, il Principe Filippo.

Non molte ore prima, a Londra, al numero 10 di Downing Street, lo staff di Boris Johnson teneva due distinte feste di addio per due membri del gruppo che cambiavano lavoro: uno dei fotografi personali di Johnson e James Slack, capo della comunicazione del primo ministro. Le due feste, iniziate in due aree divise della residenza del primo ministro britannico, si sono poi unite e i festeggiamenti sono andati avanti fino alle prime ore del mattino.

La notizia di questa festa si è diffusa oggi, a partire da un’inchiesta del Daily Telegraph, ma quella del 16 aprile non è stato l’unico party che c’è stato a Downing Street mentre per il resto del paese erano vietati. La lista è lunga. La prima è stata il 15 maggio 2020, nel giardino della residenza del premier. Circa 17 persone, tra cui Boris Johnson, si sono trovati a bere vino e mangiare formaggio. Di quella festa, qualche settimana fa era circolata una foto, che aveva fatto scoppiare lo scandalo. Poi, qualche giorno dopo, sono emerse alcune email che invitavano circa 100 persone a un party il 20 maggio dello stesso anno. Tra le circa 40 persone che poi hanno effettivamente partecipato, c’era anche il premier. Il tutto, in uno dei momenti più critici della pandemia, mentre i britannici erano chiusi in casa e potevano uscire solo per bisogni essenziali. Da lì, come un effetto domino, sono emerse tante, troppe, altre feste organizzate a Downing Street. L’ultima, resa nota oggi poco dopo quella della notte del funerale del principe Filippo, coinvolge diversi membri della task force contro il covid 19, che il 17 dicembre 2020 si sono trovati per festeggiare un membro del comitato che lasciava l’incarico.

Il 16 aprile 2021 però, nel Regno Unito, non solo c’era il divieto di fare assembramenti, ma era anche giornata di lutto nazionale. Secondo il portavoce del premier, Johnson quella sera non era presente, ma il risultato non cambia. Il Party-Gate, come viene chiamato dai media, ha generato una grande rabbia tra i britannici. Il messaggio è: le regole valgono per tutto il paese, compresa la regina, ma non per la sua leadership. Solo per fare un esempio concreto di questo, il giornale The Evening Standard, ha intervistato una donna che è stata multata con una sanzione di 12mila sterline per aver organizzato una festa per il sue 27esimo compleanno il 17 aprile, andando contro la regola del “no assembramenti”.

Per la seconda volta in una settimana, il governo si è scusato. Prima in parlamento, mercoledì, e oggi direttamente alla regina. Ma le scuse sono sembrate annacquate, inefficaci e, soprattutto, insufficienti. Le voci tra i laburisti che chiedono le dimissioni del primo ministro si stanno moltiplicando e anche tra i conservatori, si sta diffondendo il timore che le continue figuracce di Johnson mettano in cattiva luce e discreditino il partito intero.

Queste ultime rivelazioni, però, sembrano la goccia che fa traboccare un vaso ormai stracolmo. In un articolo del 15 dicembre, il Guardian si chiedeva se Johnson sarebbe arrivato a natale senza altri scandali. La risposta, poi, è stata no. La foto della festa del maggio 2020, infatti, è arrivata in un periodo di già grande crisi per il suo governo. A marzo 2020, il suo tasso di popolarità era al 66%. A giugno 2021 era al 48%. Oggi è ormai al 23%. Il Financial Times oggi scrive che per Boris Johnson “the game is up”, è la fine dei giochi. I passi falsi sono stati troppi. Dentro e fuori dal partito Conservatore si parla apertamente di chi potrebbe sostituire Johnson nelle prossime settimane o nei prossimi mesi. Forse, quello che ancora lo mantiene sulla sua poltrona, è che non sia uscito un nome che metta d’accordo tutti, ma sembra solo questione di tempo.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 17/01/22 delle 19:47

    Metroregione di lun 17/01/22 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 18/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 18/01/22

    From Genesis to Revelation di mar 18/01/22

    From Genesis To Revelation - 18/01/2022

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 17/01/22

    Jazz Anthology di lun 17/01/22

    Jazz Anthology - 18/01/2022

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 17/01/22

    News Della Notte di lun 17/01/22

    News della notte - 18/01/2022

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 17/01/22

    La pillola va giu di lun 17/01/22

    La Pillola va giù - 18/01/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore di lun 17/01/22

    Il Suggeritore di lun 17/01/22

    Il Suggeritore Night Live - 18/01/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lun 17/01/22

    Quel che resta del giorno di lun 17/01/22

    Quel che resta del giorno - 18/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di lun 17/01/22

    1- Yemen. I ribelli Huti portano la guerra nel golfo. Colpito un sito energetico ad Abu Dahbi. Insieme ai sauditi,…

    Esteri - 18/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di lun 17/01/22

    Dove si dice che oggi NON è il Monday Blues, di tennisti che vincono grazie ai farmaci contro la dissenteria,…

    Muoviti muoviti - 18/01/2022

  • PlayStop

    The Game di lun 17/01/22

    //Inflazione annua al 3,9% a dicembre in Italia. A novembre era al 3,7%. I prezzi crescono spinti dai rincari dell’energia…

    The Game - 18/01/2022

  • PlayStop

    Feromoni e Vancouver

    Andrea Bellati racconta se gli umani sono sensibili ai feromoni, Erica Casati siccome è matta, si è trasferita a Vancouver…

    Di tutto un boh - 18/01/2022

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 17/01/22

    Si parla con Annamaria Pisapia, presidente di CIWF Italia, degli allevamenti di Polpi in Spagna e della loro crudeltà, ma…

    Considera l’armadillo - 18/01/2022

  • PlayStop

    Jack di lun 17/01/22

    Jack di lun 17/01/22

    Jack - 18/01/2022

  • PlayStop

    Per un iscritto in più

    quando presentiamo in grande stile la prima corsa dell'Ippodromo Popolare, facciamo bieca pubblicità ai nostri canali di YouTube e ci…

    Poveri ma belli - 18/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 17/01/22 delle 12:47

    Seconda pagina di lun 17/01/22 delle 12:47

    Seconda pagina - 18/01/2022

  • PlayStop

    Monterossi, la nuova serie tv tratta dai romanzi di Alessandro Robecchi

    Ai microfoni di Prisma Alessandro Robecchi parla di 'Monterossi', la serie tratta dai suoi romanzi, disponibile da oggi su Prime…

    Clip - 17/01/2022

  • PlayStop

    Cult di lun 17/01/22

    Cult di lun 17/01/22

    Cult - 18/01/2022

  • PlayStop

    494. Bauhaus al femminile, Anty Pansera

    494. BAUHAUS AL FEMMINILE - ANTY PANSERA – presentato da TIZIANA RICCI

    Note dell’autore - 17/01/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lun 17/01/22

    Tutto scorre di lun 17/01/22

    Tutto scorre - 18/01/2022

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 15/01/22

    - MOCDA, Museo d'Arte Contemporanea Digitale..-BOOMING – Contemporary Art Show - Fiera dell'arte contemporanea virtuale..-Criptoarte, NFT, Blockchain nella puntata di…

    I girasoli - 18/01/2022

  • PlayStop

    DOC di sab 15/01/22

    DOC 57 - COME DIVENTARE TIRANNI - Si può fare dell’ironia sull’ascesa al potere di un dittatore? Esiste un vademecum…

    DOC – Tratti da una storia vera - 18/01/2022

  • PlayStop

    Stay Human di sab 15/01/22

    Una chiacchierata con Stefano Senardi per parlare de "L'alba dentro l'imbrunire" (Rizzoli Lizard). il libro che ha curato con Francesco…

    Stay human - 18/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di lun 17/01/22

    Quirinale, meno sette. Conversazioni con Filippo Ceccarelli editorialista di Repubblica. Covid, due anni dopo: gli errori fatti, chi paga, e…

    Prisma - 18/01/2022

Adesso in diretta