Approfondimenti

“Non sono contento”. Renzi alla resa dei conti

Nessuna ripercussione sul governo, nessun campanello d’allarme sul referendum. Matteo Renzi sceglie ancora lo schema delle due pagine distinte, quella nazionale e quella locale, e il dato delle amministrative riguarda solo quest’ultima. Ma nello stesso tempo ammette di non essere contento. Avrebbe voluto di più. Il dato del Pd nelle città più importanti non è quello sperato e ora bisogna correre ai ripari. Comincerà con Napoli, dove la sconfitta è la più evidente, commissariando il partito. Ma deve affrontare anche altro, deve capire se una gestione personalistica del partito e della campagna referendaria del prossimo autunno paga e se l’alleanza con Denis Verdini e Ala anche in versione amministrativa sia vantaggiosa o controproducente.

Il Presidente del Consiglio è apparso nervoso in conferenza stampa, sulla difensiva e troppo ironico nei confronti  dei Cinque Stelle, segno che è proprio il Movimento di Grillo, una forza antisistema che però si prepara a governare la capitale, a preoccuparlo per il futuro. E’ vero, come ha spiegato, che se alle elezioni politiche prendesse il 40% come in alcune città ci metterebbe subito la firma, ma l’immagine del suo governo non è più quella dell’anno scorso, appare più sbiadita e stanca. “Se molti hanno scelto il voto di protesta, dovranno allora votare sì al referendum- dice Renzi – perché noi vogliamo cambiare le cose”. In fondo continua ad essere quella la preoccupazione principale, il referendum. E proseguirà a personalizzare quel voto, perché se non lo farà lui, lo faranno gli altri.

Certo si aspettava di più, se a Roma è stato un mezzo miracolo, a Milano forse si attendeva un distacco maggiore tra i due, per non parlare di Napoli.

Ascolta il presidente del Consiglio Matteo Renzi

Matteo Renzi

La minoranza del partito per ora non attaccherà il segretario, gli chiedono però di mettere da parte il referendum istituzionale e dedicarsi ai ballottaggi. Tra quindici giorni quindi andranno a chiedergli un chiarimento su referendum e sulle alleanze.

Ascolta l’intervista a  Roberto Speranza

Roberto Speranza

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 03/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/03/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/07/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 07/03/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/07/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 07/03/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 03/07/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 07/03/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 02/07/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 02/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/02/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 02/07/2022

    Enzo Gentile ci racconta di Naturalmente Pianoforte, un festival toscano che prenderà il via il 20 luglio. Iasko e Kit…

    Stay human - 07/02/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 02/07/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 07/02/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 02/07/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

Adesso in diretta