Approfondimenti

Myanmar, la giunta militare usa la violenza per reprimere l’opposizione

Cittadini birmani residenti in Corea del Sud e attivisti sudcoreani protestano contro il colpo di stato militare in Myanmar di fronte all'ambasciata birmana a Seoul.

Nan Naint è un piccolo villaggio nello stato di Shan, nel sud del Myanmar. È vicino al confine con la Thailandia ed è sulla strada principale che collega lo stato Shan a quello Kayahm, strada che la giunta militare che da due anni governa il Myanmar considera fondamentali per la fornitura di armi ai gruppi di ribelli che combattono contro l’esercito regolare. L’area, poi, è abitata da molti gruppi etnici, compresi i Karen, tra i principali oppositori della giunta. Lo stato Shan, però, è anche quello con il maggior numero di bambini di tutti gli stati e regioni del paese. Negli ultimi due anni questo è un luogo dove i combattimenti si sono intensificati sempre di più, e da dove migliaia e migliaia di famiglie sono dovute scappare.

Sabato mattina l’esercito ha sorvolato il villaggio di Nan Naint con l’aviazione e ha bombardato indiscriminatamente le abitazioni del villaggio, e le persone che c’erano dentro. Qualcuno è riuscito a scappare, e si è rifugiato nel monastero buddista del villaggio, pensando – forse – che i molto rispettati monaci della zona avrebbero garantito loro la sicurezza. Gli uomini della giunta, però, sono entrati nel monastero, e hanno ucciso almeno 30 persone. I video diffusi dal gruppo di difesa dei ribelli Karen, mostrano decine di corpi accatastati alle pareti del monastero, che – a loro volta – mostrano i fori dei proiettili. Ricostruire quanto successo esattamente è difficile, ma la sensazione – secondo gli osservatori – è che i civili che si erano rifugiati nel monastero siano stati messi tutti in fila e giustiziati sul posto. Tra le vittime anche tre monaci buddhisti.
Non è la prima volta che un centro religioso buddhista viene colpito, nonostante il buddhismo sia di fatto religione di Stato e gli stessi capi del regime in più occasioni hanno sbandierato la propria fede. Negli scorsi mesi, altri due monasteri erano stati bombardati. E anche in questo caso si trattava di luoghi che la popolazione riteneva sicuri. E tra le vittime c’erano anche i bambini.

Questo è solo l’ultimo di una serie infinita di violenza e crudeltà della giunta birmana contro i civili, ma la situazione – mese dopo mese – negli ultimi due anni è continuata a peggiorare, nel silenzio generale. Secondo l’ultimo rapporto dell’Onu, discusso lunedì a Ginevra, l’esercito ha creato una crisi umanitaria che viene definita “perpetua”, attraverso l’uso continuo della violenza, tra cui l’uccisione, l’arresto arbitrario, la tortura e la sparizione forzata degli oppositori. Secondo gli ultimi dati, le persone uccise – e la cui morte e identità è stata verificata – sono più di tremila, ma tanti altri rimangono non identificati.

Secondo l’Onu, l’esercito ha adottato il cosiddetto approccio a quattro tagli, che prevede attacchi aerei indiscriminati e bombardamenti, radere al suolo i villaggi per spostare le popolazioni civili e negare l’accesso umanitario per impedire ai gruppi armati ribelli e a chiunque si opponga al golpe militare di accedere al cibo, alle finanze, all’intelligence e alle reclute.
Di storie come questa ne abbiamo raccontate tante, e molte di più non hanno nemmeno raggiunto l’opinione pubblica internazionale. L’Alto Commissario Onu per i diritti umani, Volker Türk, ha sollecitato ancora una volta il sostegno della comunità internazionale per la popolazione, ma come accade da due anni gli appelli sembrano sempre cadere inascoltati. «La speranza è ormai scarsa in Myanmar – ha detto Türk – Il disprezzo per la vita umana e per i diritti umani continuamente mostrato dai militari costituisce un oltraggio alla coscienza dell’umanità».

FOTO| Cittadini birmani residenti in Corea del Sud e attivisti sudcoreani protestano contro il colpo di stato militare in Myanmar di fronte all’ambasciata birmana a Seoul.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 19/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 19/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 19/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    3° puntata: l'uccisione di Attilio Oldani

    La sera del 26 giugno 1924 nella zona di via Canonica una squadra di fascisti decidere di intimidire chi avrebbe partecipato allo sciopero del giorno successivo. E poco dopo mezzanotte incrocia anche Attilio Oldani.

    Domani sciopero -1924: Attilio Oldani, morte di un tranviere antifascista - 19-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 19/06/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 19-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 19/06/2024

    1- Possibili crimini contro l’umanità a Gaza. È la conclusione dell’ ONU dopo l’esame di 6 bombardamenti israeliani. Sulle forniture di armi scambi di accuse tra Joe Biden e Netanyahu. Secondo la Cnn il presidente americano si è detto frustrato dal comportamento del premier israeliano. 2-Russia – Corea del nord come ai tempi della guerra fredda. Putin e Kim firmano il trattato di cooperazione strategica 3-Francia. La crisi di rigetto dell’ ecologia si è trasformata in un serbatoio di consensi per il partito di Marine le pen 4-Romanzo a fumetti. Diario il graphic novel di Fabrice Neaud 5-Progetti sostenibili. Da città turistica a punto di riferimento per la qualità urbana.l’esempio di Nizza.

    Esteri - 19-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 19/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 19-06-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 19/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 19-06-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 19/06/2024

    PLAYLIST 1. “Once Upon a Lie” – Quinn Sullivan 2. “Eyesight to the Blind - Live” – Quinn Sullivan 3. “Pinball Wizard” – Elton John 4. “Jet - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 5. “Bluebird - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 6. “Got To Be Mine” – Vulfmon, Evangeline 7. “Pink Panther” – James Galway, Lizzo 8. “Ooh La La” – Flow Tribe 9. “Higher Vibration” – Flow Tribe 10. “Where The Goddess Goes” – The Bogmen 11. “Summer of Soul” – The Bogmen

    Soulshine - 19-06-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 19/06/2024

    Ospiti della puntata i John qualcosa che ci raccontano, e cantano dal vivo, il loro ultimo disco Cani come Figli

    Jack - 19-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 19/06/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 19-06-2024

  • PlayStop

    Il festival del neutrino

    quando celebriamo il centenario della radio pedalando e poi ospitiamo gli scienziati Davide e Irene, in arrivo dalla conferenza internazionale sui neutrini con due favolosi gadget per noi altri ignorantoni

    Poveri ma belli - 19-06-2024

  • PlayStop

    Mafia ed Economia in Lombardia

    Andrea Carnì ci presenta il dossier "Mafia ed Economia in Lombardia" dell'Osservatorio sulla Criminalità Organizzata dell’Università degli Studi di Milano. Il dossier esplora i nuovi settori (immobiliare, farmaceutico e sportivo) e le nuove province (Como e Sondrio) interessate dall'ndrangheta nei nostri territori.

    Clip - 19-06-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 19/06/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 19-06-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 19/06/2024

    G7, Bergoglio e l'intelligenza artificiale. Con Laura Turini, avvocata, esperta di proprietà intellettuale e Teresa Numerico, professoressa associata di logica e filosofia della scienza a Roma3

    Pubblica - 19-06-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 19/06/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 19-06-2024

Adesso in diretta