Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 28/01 delle ore 22:30

    GR di mar 28/01 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 29/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 28/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 28/01 delle 19:47

    Metroregione di mar 28/01 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 29/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 28/01

    Stile Libero di mar 28/01

    Stile Libero - 29/01/2020

  • PlayStop

    Notte Vulnerabile di mar 28/01

    Notte Vulnerabile di mar 28/01

    Notte vulnerabile - 29/01/2020

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 28/01

    L'altro martedi' di mar 28/01

    L’Altro Martedì - 29/01/2020

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 28/01

    Wi-Fi Area del mar 28/01

    Wi-fi Area - 29/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 28/01 (prima parte)

    Ora di punta di mar 28/01 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 28/01 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 28/01 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/01/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 28/01

    1- Donald Trump mette i palestinesi davanti al fatto compiuto. Il suo piano di pace presentato questa sera è una…

    Esteri - 29/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 28/01

    Ora di punta di mar 28/01

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/01/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 28/01 (prima parte)

    Malos di mar 28/01 (prima parte)

    MALOS - 29/01/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 28/01 (seconda parte)

    Malos di mar 28/01 (seconda parte)

    MALOS - 29/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 28/01 (seconda parte)

    Parliamo con gli ascoltatori di Kobe Bryant e di altre celebrità dello sport, musica e spettacolo la cui scomparsa ci…

    Due di Due - 29/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 28/01 (prima parte)

    Al telefono Donata Columbro, attivista di #cipassalafame, per raccontarci perché il 28 dovremmo digiunare a sostegno dei migranti. (prima parte)

    Due di Due - 29/01/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 28/01 (seconda parte)

    Jack di mar 28/01 (seconda parte)

    Jack - 29/01/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 28/01 (prima parte)

    Jack di mar 28/01 (prima parte)

    Jack - 29/01/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 28/01

    Considera l'armadillo mar 28/01

    Considera l’armadillo - 29/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session di mar 28/01

    Radio Session di mar 28/01

    Radio Session - 29/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 24/01

    MASSIMILIANO DI GIORGIO - IL GIORNALE PARTITO - presentato da ANNA BREDICE

    Note dell’autore - 29/01/2020

  • PlayStop

    C'è luce: Un piano che non basta

    Veronica Aneris, rappresentante per l’Italia di Transport & Environment, ci parla del Piano Nazionale Italiano Energia e Clima: un piano…

    C’è luce - 29/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di mar 28/01

    Tazebao di mar 28/01

    Tazebao - 29/01/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 28/01

    Salvini ha perso l’Emilia Romagna e non è riuscito a prendersi la Calabria. Il centrosinistra, quello largo ma non larghissimo,…

    Memos - 29/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

La storia del calcio in viaggio per l’Italia

C’è il primo pallone usato in una partita di calcio internazionale, quella tra Scozia e Inghilterra nel 1872, scarpe in perfetta fattura inglese degli anni Trenta e almeno altri duecento cimeli della storia del calcio: lo sport più praticato e amato ma che ancora mancava di un museo itinerante di pezzi storici.

Un’ iniziativa che è stata presentata alla Camera, con l’esposizione di alcuni cimeli, maglie uniche di campioni e la “palla del mondiale” come la chiama Renato Mariotti, uno dei collezionisti che hanno messo a disposizione i loro pezzi da collezione per il Museo, che girerà in quindici città italiane fino al 2019. La “palla da mondiale” è la palla di pezza che usavano i ragazzi durante la seconda guerra mondiale, vecchie maglie cucite, legate con una corda e poi insaccate nelle calzamaglie dei genitori.

Anche questo verrà esposto dal 23 febbraio in poi, si comincerà a Perugia e poi altre tappe a Forlì, Rieti, Foggia, Padova, Cremona, Bergamo, Pisa, Firenze, Trapani, Napoli, Salerno, Vicenza, Mantova, Potenza e Ancona. Ingresso gratuito e per ogni tappa una serie di eventi a corollario, con laboratori didattici e incontri con testimoni e campioni di oggi e del passato. Un museo per ricordare il calcio di una volta, quando non era la macchina da soldi che è adesso. “L’idea di un museo diffuso e itinerante non è mai stata pensata prima – dice il collezionista Mariotti – perché dagli anni Novanta il calcio è diventato un affare economico, quotato in borsa, con poco spazio per la nostalgia. Io non mi ritengo collezionista, sono solo un appassionato”.

Del resto una sola maglia di un vecchio campione può valere anche 300 mila euro, ma nella mostra sarà esposta gratuitamente. E tra le maglie anche quella della società Renato Curi, nata come società Marconi per tornei giovanili ma che poi prese il nome di un campione, Renato Curi appunto, che giocò pochi anni nel Perugia e morì giovane nel 1978, nel campo di calcio durante la partita Perugia-Juventus.

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni