Approfondimenti

L’Ungheria di Orbán silenzia Klubradio

Klubradio ANSA

Klubradio verrà silenziata. La principale radio indipendente ungherese ha perso l’appello per mantenere la sua licenza, dopo che l’Autorità sui media ha accusato l’emittente di aver violato le regole, e da domenica non potrà più trasmettere.

Klubradio era una delle poche voci rimaste nel paese che si oppongono al governo di Viktor Orban che, da più di 10 anni ormai, reprime in modo indiscriminato la libertà di stampa in Ungheria.
L’accusa che il Media Council ungherese – un organo totalmente controllato dal governo – ha mosso alla radio – e che le è costata la chiusura – è talmente semplice da sembrare ridicola, come ci ha raccontato Mihaly Hardy, direttore dell’emittente.

Il Media Council ci ha accusato di aver redatto in ritardo, nel 2017, il report settimanale della musica e delle trasmissioni. È un rapporto molto dettagliato che dobbiamo produrre ogni ora, ogni giorno e ogni settimana. Il nostro ritardo è stato interpretato come una grave violazione delle regole dei media. Per quanto mi riguarda, una violazione grave sarebbe stata oscurare alcune figure politiche dai nostri servizi, o diffondere bugie o fake news. Ma non si tratta di niente del genere, solo di un foglio Excel pieno di cose burocratiche redatto in ritardo. È stato un pretesto per silenziare la radio. È semplicemente questo”.

Klubradio, però, non si arrende, e dal 15 febbraio trasmetteranno online, e sono sicuri che i loro ascoltatori continueranno a seguirli anche da lì. Anche la battaglia legale non si ferma, Klubradio e i suoi giornalisti combatteranno fino alla fine per tenere viva la loro voce libera e indipendente.

Faremo appello alla Corte Suprema ungherese e se questo sarà inutile o non porterà a un risultato andremo alla Corte Europea. Pensiamo che quello che è successo a Klubradio sia una discriminazione perché il Media Council, nel caso di tre altre radio – che però erano amiche del governo – agì diversamente ed estese le licenze, nonostante avessero infranto regole ben più gravi”.

Klubradio è solo l’ultima delle voci indipendenti ungheresi ad essere stata messa sotto silenzio, ma la libertà di stampa nel Paese è seriamente sotto attacco. Solo la scorsa estate il direttore dell’importante giornale ungherese Index.hu, è stato licenziato per aver parlato delle pressioni esercitate dal governo sul suo giornale.

Da quando è salito al potere, infatti, il primo ministro Viktor Orban ha adottato politiche sempre più autoritarie, prendendo pian piano il controllo di quasi tutti i media ungheresi.
Reporter Senza Frontiere ha inserito il paese all’89esimo posto su 180 per libertà di stampa.

Direi che il 95% dei media è controllato o posseduto dal governo. 470 diverse organizzazioni mediatiche sono sotto il controllo del governo. Possiede tutte le riviste, la maggior parte dei quotidiani e tutte le stazioni radio nazionali. Direi che solo il 5% dei media in Ungheria rimane indipendente e questo è molto grave per la democrazia, perché le persone non sono ben informate, ricevono continuamente bias e propaganda di governo. Klubradio era un piccolo buco in questo sistema. La giustizia e la verità stavano venendo fuori e questo è il motivo per cui è stata silenziata. E sono sicuro che questa decisione arrivi dai piani alti”.

Dopo l’annuncio della chiusura della stazione radio, la Commissione Europea ha espresso la propria preoccupazione circa il rispetto del pluralismo e della libertà dei media in Ungheria, ma secondo il direttore Mihaly Hardy, non è abbastanza. È importante che l’Unione Europea faccia sentire la propria voce e, soprattutto, che prenda una posizione chiara.

La nostra chiusura è la dimostrazione di come agisce Orban. Il fatto è che il governo ungherese riceve molti soldi dall’Unione Europea, quindi praticamente la dittatura di Orban è finanziata dalle tasse dei cittadini europei. I soldi arrivano in Ungheria e ingrassano le tasche degli amici di Orban. Questo è un problema grandissimo. L’Ungheria non può, da un lato, agire contro gli interessi e i valori dell’Unione Europea e dall’altro ricevere il 4 o il 5% del suo Pil con finanziamenti europei di vario genere. L’Europa deve decidere: o sta da una parte o dall’altra”.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 16/09/21 delle 07:14

    Metroregione di gio 16/09/21 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 16/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 12:48

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 16/09/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 16/09/21

    Cult di gio 16/09/21

    Cult - 16/09/2021

  • PlayStop

    Greenpass al lavoro e tamponi a pagamento: il governo ha ragione?

    Tutto scorre di gio 16/09/21

    Tutto scorre - 16/09/2021

  • PlayStop

    Elezioni Comunali Milano 2021, viaggio nei quartieri: Città Studi

    gli approfondimenti di Prisma nei quartieri di Milano alla vigilia delle Elezioni Comunali del 2021

    Clip - 16/09/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 16/09/21

    Green pass obbligatorio e rientro in ufficio dallo smart working, che ne pensate? Qual è la vostra esperienza? Microfono aperto…

    Prisma - 16/09/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 16/09/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 16/09/21

    Il demone del tardi - 16/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina - 16/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 16/09/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 16/09/21

    Rassegna stampa internazionale - 16/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 16/09/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 16/09/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 16/09/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di gio 16/09/21

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 16/09/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 15/09/21

    Jazz Ahead di mer 15/09/21

    Jazz Ahead - 16/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 15/09/21

    News Della Notte di mer 15/09/21

    News della notte - 16/09/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 15/09/21

    La conoscenza della natura delle cose come partenza di tutte le composizioni, architettoniche e musicali. I due Ellwood e il…

    Gimme Shelter - 16/09/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 15/09/21

    Prima puntata della stagione. Le bollette dell’elettricità e del gas sono in aumento. Perché? Ce lo spiega Giacomo Ciapponi di…

    Il giusto clima - 16/09/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 15/09/21

    Quel che resta del giorno di mer 15/09/21

    Quel che resta del giorno - 16/09/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 15/09/21

    1. L'Europa deve essere più autonoma nella difesa. Ursula von Der Leyen nel suo discorso sull'unione riapre un grande tema…

    Esteri - 16/09/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 15/09/21

    The Game di mer 15/09/21

    The Game - 16/09/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 15/09/21

    Matteo Salvini si dichiara possibilista sull'installazione di una centrale nucleare in Lombardia e noi abbiamo chiesto cosa ne pensano ad…

    Muoviti muoviti - 16/09/2021

Adesso in diretta