Approfondimenti

L’eterna prigionia del “meglio che niente”

conte governo meglio che niente

«I numeri non sono buoni», ha detto ieri pomeriggio ai microfoni di Rp un senatore intervistato fuori dall’Aula, e non si capiva se parlava di quello che stava succedendo a Palazzo Madama o dei morti di Covid, a cui aveva fatto riferimento poco prima.

È così, in questa frase, che si sono involontariamente intrecciate la tragedia e la farsa che l’Italia sta vivendo in questi giorni: da una parte l’orrore indicibile dei tre-quattromila morti a settimana, che ormai va avanti costante dall’inizio di novembre, e dll’altra parte la commedia dell’arte in scena nei palazzi, con tutta l’improvvisazione, le maschere le arlecchinate tipiche di questo genere teatrale.

Alla fine Conte ce l’ha fatta, 156 voti compresi i due ritardatari prima esclusi poi riammessi al voto grazie a un video che testimoniava il loro ingresso in aula prima che Casellati dichiarasse chiusa la votazione: praticamente il Var entrato a Palazzo Madama,  per rendere ancora più grottesca la situazione.

Conte ce l’ha fatta e ora ha due o tre settimane di tempo per “consolidare” la maggioranza, come dicono i suoi, cioè per trovare altri sostenitori in Senato: è inutile prendersi in giro, un esecutivo che si regge su 156 voti compresi quelli dei senatori a vita, che in Aula non vanno mai, è più a rischio di un gatto sull’autostrada.

Nel frattempo, pur di allontanare lo spettro della destra estrema al potere, dobbiamo berci questa sbobba qui: un esecutivo che sopravvive grazie alla gente più assurda, un’ex missina come la Polverini, un forzista che aveva già cambiato partito cinque volte, fino al caso limite di Maria Rosaria Rossi, detta per anni “la badante di Berlusconi”, perché nessuno poteva più parlare con il Cavaliere senza passare attraverso di lei: nell’estate del 2013 lo aveva portato in una villa di Tor Crescenza, vicino a Roma, in un isolamento che a un certo punto convinse la famiglia a buttarla fuori dalla corte, e lei adesso si vendica così. 

È questo il governo che è nato ieri, o meglio che è sopravvissuto alla furia distruttrice di Renzi, e ancora una volta a sinistra ci diciamo “va beh, meglio così che Salvini”, e certo, non c’è dubbio, meglio così che Salvini e Meloni, ma resta in mente non solo la fragilissima precarietà di questo governo ma anche o soprattutto la rabbia di tanti anni, troppi anni, in cui a sinistra la mancanza di una rappresentanza politica decente, con degli ideali, con una visione decisa di cambiamento sociale, costringe gli elettori a trangugiare una minestra scadente, a consolarsi sempre nel solito modo, “meglio così che il peggio”, “piuttosto che niente meglio piuttosto”.

  • Autore articolo
    Alessandro Gilioli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 16/09/21 delle 07:14

    Metroregione di gio 16/09/21 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 16/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 12:48

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 16/09/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 16/09/21

    Cult di gio 16/09/21

    Cult - 16/09/2021

  • PlayStop

    Greenpass al lavoro e tamponi a pagamento: il governo ha ragione?

    Tutto scorre di gio 16/09/21

    Tutto scorre - 16/09/2021

  • PlayStop

    Elezioni Comunali Milano 2021, viaggio nei quartieri: Città Studi

    gli approfondimenti di Prisma nei quartieri di Milano alla vigilia delle Elezioni Comunali del 2021

    Clip - 16/09/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 16/09/21

    Green pass obbligatorio e rientro in ufficio dallo smart working, che ne pensate? Qual è la vostra esperienza? Microfono aperto…

    Prisma - 16/09/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 16/09/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 16/09/21

    Il demone del tardi - 16/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina di gio 16/09/21 delle 07:50

    Seconda pagina - 16/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 16/09/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 16/09/21

    Rassegna stampa internazionale - 16/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 16/09/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 16/09/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 16/09/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di gio 16/09/21

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 16/09/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 15/09/21

    Jazz Ahead di mer 15/09/21

    Jazz Ahead - 16/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 15/09/21

    News Della Notte di mer 15/09/21

    News della notte - 16/09/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 15/09/21

    La conoscenza della natura delle cose come partenza di tutte le composizioni, architettoniche e musicali. I due Ellwood e il…

    Gimme Shelter - 16/09/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 15/09/21

    Prima puntata della stagione. Le bollette dell’elettricità e del gas sono in aumento. Perché? Ce lo spiega Giacomo Ciapponi di…

    Il giusto clima - 16/09/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 15/09/21

    Quel che resta del giorno di mer 15/09/21

    Quel che resta del giorno - 16/09/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 15/09/21

    1. L'Europa deve essere più autonoma nella difesa. Ursula von Der Leyen nel suo discorso sull'unione riapre un grande tema…

    Esteri - 16/09/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 15/09/21

    The Game di mer 15/09/21

    The Game - 16/09/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 15/09/21

    Matteo Salvini si dichiara possibilista sull'installazione di una centrale nucleare in Lombardia e noi abbiamo chiesto cosa ne pensano ad…

    Muoviti muoviti - 16/09/2021

Adesso in diretta