Approfondimenti

Les Eurockéennes de Belfort

Da 28 anni durante il primo week-end di luglio, l’isola di Malsaucy si trasforma da riserva naturale a cornice ideale per uno dei più longevi festival francesi. Les Eurockéennes di Belfort quest’anno ha accolto 102 mila persone su 3 giorni, con una media di 34 mila persone ogni sera, collocandosi tra i grandi festival francesi e ospitando circa 50 gruppi su 4 palchi.

Il festival per me inizia giovedì sera: in quanto volontaria all’accoglienza artisti ho una riunione con le mie responsabili. I lavoratori dello spettacolo stanno correndo per finire il montaggio dei palchi, la messa in sicurezza, l’allestimento delle aree di relax per i “festivaliers”. Non si riesce ancora ad immaginare come migliaia di persone riempiranno questa quasi-isola circondata da due grandi stagni, che durante l’anno è uno spazio di nidificazione protetta. Una nuova fauna riempirà il terreno del festival: sono onnivori, rumorosi, invadenti, vestiti con tenute improbabili e fantasiose (avvistati quest’anno The Avengers e Goku), votati agli abbracci e al divertimento.

eurock1

Una caratteristica di Les Eurockéennes è l’eterogeneità del pubblico: tutte le età sono accolte grazie anche ad una programmazione variegata. Quest’anno accanto ai Louise Attaque e Les Insus (due colonne portanti del rock francese), ZZ Top e Last Shadow Puppets si poteva ascoltare l’elettronica di Disclosure, Mr Oizo, Caribou e Breakbot. Poche famiglie, ma molti over50, anche grazie alle 27 edizioni passate che hanno fidelizzato il pubblico.

Il tempo regge, anche una leggera pioggia fa paura a causa della terra rossa che si trasforma velocemente in fango rischiando di dare un effetto Glastonbury alla francese. Tra un concerto e l’altro c’è anche il tempo di seguire gli Europei, e mi ritrovo inaspettatamente a seguire i rigori di Italia-Germania da un televisore montato sul retro dell’autoarticolato della televisione francese, insieme ai tecnici in pausa. La sfida dei francesi contro l’Islanda è invece ritrasmessa su tutti i maxischermi dei palchi tra un concerto e l’altro, e ad ogni gol un boato riempie l’isola.

La location è sicuramente una delle più belle che si possano avere, e l’idea di comunità effimera comune ad ogni festival viene rafforzata dal fatto di entrare fisicamente su di un’isola.

Tra un turno di lavoro e l’altro sono riuscita a godermi il festival, ecco i miei “colpi di fulmine”.

topelement

Balani Show Bizness de Bamako

Creazione di uno dei responsabili della programmazione de Les Eurocks, questo gruppo è stato formato scegliendo i più bravi musicisti di strada di Bamako, e le giovani promesse dell’electro-rap maliano. Emozionante immaginare che è la prima volta in assoluto che si ritrovano a suonare insieme. Tra musiche tradizionali e suoni elettronici, qua potete scoprirli in versione acustica

[youtube id=”6_Pu0N1KvZQ”]

Nathaniel Rateliff & The Night Sweats

Gruppo soul folk americano, energico e potente, sembra essere una mosca bianca in una programmazione poco incline a queste sonorità, ma sul palco i 7 elementi tra fiati e percussioni fanno sembrare il lago di Malsaucy le Everglades. Qui la loro hit da 20 milioni di visualizzazioni

[youtube id=”1iAYhQsQhSY”]

MHD

Abbreviazione di Mohamed, il giovane rapper parigino diventa famoso per avere combinato per la prima volta sonorità africane con la musica trap. Il suo « afro-trap » dal vivo fa ballare come pochi altri gruppi a Les Eurocks. Da scoprire anche solo per dire di aver ascoltato un nuovo genere musicale, qui il suo brano ispirato all’attaccante camerunense Roger Milla

[youtube id=”t_5vx21usLE”]

The Inspector Cluzo

Abituati a suonare in festival open air dal Giappone all’Australia, il duo francese torna a Belfort con il suo rock suonato a due di una potenza impressionante. Il cantante Yan Sourigues é anche cineasta, ed ha firmato il documentario Rockfarmers, dove si racconta il loro mondo tra tournée nipponiche e vita da contadini in una fattoria in Guascogna (sud ovest della Francia), lo potete vedere gratuitamente su youtube

[youtube id=”CLfYz9dalvM”]

Nekfeu

Attualmente il rapper forse più famoso di Francia, non mi sarei mai aspettata la potenza e il coinvolgimento che mette in campo durante i live. Un vero e proprio showman, rime veloci e potenti che anche dal vivo non mancano, corpo di ballo, video installazioni, palloni gonfiabili lanciati sulla folla e molti featuring insieme ai membri degli S-Crew e della sua etichetta Seine Zoo Records. Qui avete un piccolo riassunto dei suoi live dell’ultimo Feu Tour.

  • Autore articolo
    Eleonora Tremolada
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 07/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 07/10/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 07/10/2022

    1-Vicini all’apocalisse, Il mondo secondo Joe Biden, ma per la Cnn il monito del presidente americano a Putin sull’uso dell’atomica…

    Esteri - 10/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 07/10/2022

    (19 - 210) Dove si scoprono le nuove frontiere del marketing dello spaccio e ci si lamenta delle novità che…

    Muoviti muoviti - 10/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 07/10/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 10/07/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 07/10/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 10/07/2022

  • PlayStop

    Gian Mario Villalta ospite di Ira Rubini

    Gianmario Villalta, poeta e direttore di PordenoneLegge, era in giuria al Premio Hemingway quando il riconoscimento fu assegnato ad Annie…

    Clip - 10/07/2022

  • PlayStop

    Gian Mario Villalta ospite di Ira Rubini

    Gianmario Villalta, poeta e direttore di PordenoneLegge, era in giuria al Premio Hemingway quando il riconoscimento fu assegnato ad Annie…

    Clip - 10/07/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 07/10/2022

    Nuove uscite e notizie musicali.

    Jack - 10/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 07/10/2022

    Con Telmo Pievani abbiamo parlato del suo libro "La natura è più grande di noi, Storie di microbi, di umani…

    Considera l’armadillo - 10/07/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 07/10/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 10/07/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 07/10/2022

    Oggi a Cult: Cecilia Di Lieto presenta il suo "Me l'ha detto l'armadillo" (ed. Altreconomia); la rubrica di lirica a…

    Cult - 10/07/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 07/10/2022

    Torniamo a parlare di pandemia attraverso la presentazione del libro “Dissenso informato”; prosegue il nostro viaggio negli ospedali lombardi: oggi…

    37 e 2 - 10/07/2022

  • PlayStop

    Thomas Gunzig. Il sangue delle bestie.

    THOMAS GUNZIG – IL SANGUE DELLE BESTIE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 10/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 07/10/2022

    LA BOMBA SOCIALE DEI RISCALDAMENTI CENTRALIZZATI, TRA BOLLETTE TRIPLICATE ED I PRIMI DISTACCHI Leonardo Caruso, presidente Anaci – Associazione Nazionale…

    Prisma - 10/07/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 07/10/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 10/07/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 07/10/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 10/07/2022

Adesso in diretta