Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di ven 13/12 delle ore 10:31

    GR di ven 13/12 delle ore 10:31

    Giornale Radio - 13/12/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 13/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 13/12/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 13/12 delle 07:15

    Metroregione di ven 13/12 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 13/12/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 13/12

    Il demone del tardi - copertina di ven 13/12

    Il demone del tardi - 13/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12 (terza parte)

    Fino alle otto di ven 13/12 (terza parte)

    Fino alle otto - 13/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12 (seconda parte)

    Fino alle otto di ven 13/12 (seconda parte)

    Fino alle otto - 13/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12 (prima parte)

    Fino alle otto di ven 13/12 (prima parte)

    Fino alle otto - 13/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12

    Fino alle otto di ven 13/12

    Fino alle otto - 13/12/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 12/12

    Note dell'autore di gio 12/12

    Note dell’autore - 12/12/2019

  • PlayStop

    Cult di gio 12/12 (prima parte)

    Cult di gio 12/12 (prima parte)

    Cult - 12/12/2019

  • PlayStop

    Cult di gio 12/12 (seconda parte)

    Cult di gio 12/12 (seconda parte)

    Cult - 12/12/2019

  • PlayStop

    Tazebao di gio 12/12

    Tazebao di gio 12/12

    Tazebao - 12/12/2019

  • PlayStop

    Memos di gio 12/12

    Piazza Fontana, la strage di stato. 50 anni fa la bomba alla Banca nazionale dell’agricoltura. Diciasette le vittime. Tre giorni…

    Memos - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12

    Fino alle otto di gio 12/12

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Radio Session di gio 12/12

    Radio Session di gio 12/12

    Radio Session - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12 (prima parte)

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi (prima parte)

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 12/12

    Malos di gio 12/12

    MALOS - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12 (seconda parte)

    l'edicola di Popolare Network, il brano del giorno (seconda parte)

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 12/12 (prima parte)

    Malos di gio 12/12 (prima parte)

    MALOS - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12 (terza parte)

    Paolo Silva, vice presidente associazione familiari delle vittime della strage di Piazza Fontana (terza parte)

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 12/12 (seconda parte)

    Malos di gio 12/12 (seconda parte)

    MALOS - 12/12/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 12/12

    Il demone del tardi - copertina di gio 12/12

    Il demone del tardi - 12/12/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 12/12

    Ora di punta di gio 12/12

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/12/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Legge di stabilità: chi l’ha vista?

Chi l’ha vista? Si potrebbe dire questo della legge di stabilità che ad oggi pochi hanno potuto leggere nella versione uscita da Palazzo Chigi, ma che non sembra proprio sarà quella definitiva.

Giovedì mattina era attesa sulle scrivanie della Commissione Bilancio alla Camera, ma ancora non è arrivata, ferma negli uffici del governo, dopo alcune probabili richieste di modifiche da Bruxelles, dove si attendono chiarimenti su alcuni dettagli di misure contenute nella manovra.

Ufficialmente l’Unione europea non ha ancora comunicato nulla, ma l’aumento della quota di spesa in deficit decisa unilateralmente da Roma per coprire le spese “eccezionali” della ricostruzione post terremoto e dell’immigrazione non è piaciuta molto. Il rapporto deficit/Pil al 2,3% non sarebbe quello concordato con la Commissione Europea.

Ma forse non è su questo che vorrà incidere l’intervento degli uffici di Palazzo Chigi, perché la scelta di aumentare la quota di flessibilità rientra più nell’atteggiamento di sfida politica che Renzi ha scelto di sostenere con l’Europa, del resto l’ha rivendicato anche nell’incontro con Obama, come lotta all’austerity e al rigore europeo.

Il Commissario europeo Moscovici ha promesso rigore nell’esame della legge di stabilità, ma si è anche speso chiaramente a favore di Renzi nel referendum di dicembre, è difficile una presa di posizione europea tale da metterlo in difficoltà in queste settimane.

Nell’attesa, in molti si sono lamentati della mancanza di un documento che deve essere approvato nelle prossime settimane, la prima lettura alla Camera dei Deputati deve avvenire entro fine novembre: Brunetta si chiede se Mattarella batterà un colpo visto il mancato arrivo della legge in Parlamento; qualche obiezione anche nello stesso Pd, con il Presidente della Regione Puglia, Emiliano, che nella Conferenza Stato Regioni, sulle spese sanitarie invita alla cautela, i fondi per la sanità potrebbero andare a compensare i tagli, senza grandi guadagni nel servizio sanitario regionale, e rimarca che al momento sono solo ipotesi, visto che nessuna ha ancora letto i contenuti.

E in Parlamento, non solo le opposizioni bocciano la legge di stabilità, alcuni punti sono già contestati anche dalla minoranza del Pd. Per esempio non piace l’autodenuncia per i soldi in contanti tenuti nascosti nelle cassette di sicurezza, la possibilità di una sanatoria, chiamata anche “misura Corona”, (i soldi nel controsoffitto trovati nella casa di Fabrizio Corona), come per le cartelle di Equitalia, misura che non è piaciuta a Bersani, perché priva di equità fiscale.

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni