Approfondimenti

Le città francesi boicotteranno il Mondiale di calcio in Qatar

mondiale

Il movimento è iniziato a fine settembre, quando diverse piccole città francesi hanno fatto notizia annunciando che non avrebbero installato neanche un grande schermo per ritrasmettere il Mondiale di calcio in Qatar.
Poi sono arrivate le grandi città: Strasburgo è stata la prima a dire che boicotterà la competizione. Sabato scorso è toccato a Lille, domenica si è fatta sentire Bordeaux e lunedì anche Marsiglia e Parigi si sono aggiunte alla lista, seguite a ruota da diverse altre medie e piccole città che non trasmetteranno le partite. “Se la mia città dovesse creare delle fan zone, ha detto il sindaco verde di Bordeaux riassumendo un sentimento diffuso, avrei l’impressione di diventare un complice di questa manifestazione sportiva che rappresenta tutte le aberrazioni umanitarie, ecologiche e sportive.”

Mancano meno di due mesi dal fischio d’inizio del mondiale e in Francia è da diverse settimane che il tema è diventato scottante.
Amnesty International, che parla di migliaia di morti sui cantieri qatari, ha moltiplicato le critiche e la pressione sulla federazione francese, riuscendo a strapparle proprio questo martedì un’apertura sulla creazione di un fondo per le vittime sul lavoro. A metà settembre, l’ex giocatore Eric Cantona aveva annunciato che non guarderà le partite, parlando di questo mondiale come di “una follia” e “un orrore umano”.
Più recentemente ha fatto scalpore la notizia che 160 aerei voleranno ogni giorno dentro e fuori dal Qatar per trasportare i tifosi: uno ogni dieci minuti. In un paese dove uno spostamento del PSG in jet per giocare un match a due ore da Parigi in treno ha fatto scandalo, è qualcosa di mostruoso.
Inoltre, nessuno mette in dubbio le accuse di corruzione che pesano su un evento diventato il simbolo del calcio puro business e che coinvolgono direttamente l’ex presidente francese Sarkozy e l’ex presidente dell’UEFA Platini. Insomma, per molti tifosi guardare o meno questo mondiale è un vero caso di coscienza e non sono pochi ad aver aderito all’hashtag ramener la coupe à la raison, cioè riportare la coppa alla ragione, anziché alla maison, a casa, come dice la canzone che celebra la vittoria della Francia di quattro anni fa.

Del resto, a questo punto, è difficile immaginare alternative al boicottaggio cittadino, visto che quello mediatico, quello delle federazioni qualificate e quello istituzionale sembrano fuori discussione.
I membri del governo lo hanno detto chiaramente e persino l’ex presidente Hollande ha detto che lui, se fosse ancora il capo di stato, non ci andrebbe ma non potrebbe impedire ai calciatori della nazionale di scendere in campo. E che effetto avrebbe davvero un boicottaggio diplomatico, come quello alle olimpiadi invernali di Pechino, si interroga le Monde?
Rimane, dicevamo, lo sciopero del tifoso, che le città francesi, soprattutto quelle a guida ecologista, stanno cercando di sostenere. Promettendo che il boicottaggio continuerà anche se la Francia dovesse arrivare in finale. Una decisione, diciamolo, più simbolica che altro visto che le fan zone a novembre non avrebbero certo lo stesso appeal.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 26/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 26/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 26/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 26/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 26/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 26/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 26/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 26/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 26/11/2022

Adesso in diretta