Approfondimenti

Le bombe cadono alle porte dell’Europa, ma non tutti i rifugiati sono uguali

rifugiati ucraina ANSA

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, più di 500mila persone hanno cercato di lasciare l’Ucraina dall’inizio dell’invasione russa. Tra di loro ci sono anche moltissimi stranieri provenienti da diversi paesi africani, dall’India, dalla Siria o dall’Iraq. Fino a pochi giorni fa, infatti, l’Ucraina era la destinazione ideale per chi voleva studiare medicina o ingegneria ma non aveva la possibilità di ottenere un visto per farlo in un paese europeo. Il Marocco, la Nigeria e l’Egitto calcolano di avere, da soli, almeno 16mila studenti nel paese.

Come gli ucraini, queste decine di migliaia di persone, spesso giovanissime, si sono ritrovate da un giorno all’altro in una zona di guerra. E nella maggior parte dei casi sono state praticamente abbandonate a sé stesse. I loro paesi d’origine non hanno delegazioni diplomatiche organizzate come quelle europee o americane. In moltissimi casi non hanno nemmeno un’ambasciata in Ucraina e stanno cercando di organizzare l’evacuazione dei loro cittadini dalla Romania, dall’Ungheria, dalla Polonia o dalla Slovacchia.


Il problema è che le direttive che arrivano a tutti questi cittadini extraeuropei sono frammentarie e difficili da confermare tra un allarme antiaereo e l’altro. È quindi nella confusione più totale che anche tutte queste persone si sono messe in viaggio verso le frontiere con l’Europa, cercando di organizzarsi e di sostenersi tra loro grazie a gruppi whatsapp o a raccolte fondi organizzate sui social. 
E tra i problemi che devono affrontare non ci sono solo quelli dei mezzi di trasporto, che mancano o sono diventati carissimi. Da alcuni giorni, infatti, sui social si è diffuso l’hashtag #AfricainsInUkraine che viene usato da un lato per dare notizie e chiedere consigli e dall’altro per segnalare problemi e casi di discriminazione.

Si racconta ad esempio di come gli stessi Ucraini, che stanno cercando di evacuare soprattutto donne e bambini, rifiutino di dare un passaggio ai neri o a persone dai tratti indiani o medio-orientali e impediscano l’accesso ai treni e agli autobus. Dalla frontiera con la Polonia, poi, arrivano testimonianze di doganieri che non lasciano passare africani o pakistani se non in piccolissimi gruppi, spiegando che gli ucraini hanno la priorità.

Alcuni denunciano di aver subito insulti e percosse. E per molti studenti che sono scappati senza il loro permesso di soggiorno, passare il confine è ancora più complicato. Chi riesce a entrare assicura di aver ricevuto un’accoglienza molto fredda, in alcuni casi gli sarebbe persino stato negato un letto negli hotel per i rifugiati e ricordato che hanno 15 giorni per lasciare il paese.

Le numerose testimonianze di razzismo hanno spinto la Nigeria a protestare ufficialmente con la Polonia, che nega ogni discriminazione, e a consigliare ai propri cittadini di dirigersi in Romania o Ungheria. Per i siriani e gli iracheni, invece, pare che i problemi maggiori siano proprio al confine con questi due paesi. Insomma, anche mentre le bombe cadono alle porte dell’Europa, non tutti i rifugiati sono uguali.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 23/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 23/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 23/05/2022

    Il contenitore del lunedì mattina che vi racconta cosa raccontano i giornali, come comunica la politica, le aziende e i…

    Guarda che Lune - 23/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 23/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 23/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 23/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 23/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 23/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 23/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 23/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 23/05/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 22/05/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 23/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 22/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23/05/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 22/05/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 23/05/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 22/05/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 23/05/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 22/05/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 23/05/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 22/05/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 23/05/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 22/05/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 23/05/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 22/05/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 23/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 22/05/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 23/05/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 22/05/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 23/05/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 22/05/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 23/05/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 22/05/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 23/05/2022

Adesso in diretta