Approfondimenti

L’alternanza scuola-lavoro funziona?

C’è chi è soddisfatto e trova l’esperienza molto utile, chi invece è rimasto deluso, se non addirittura con meno soldi in tasca perché ha dovuto pagare.

L’alternanza scuola-lavoro, resa obbligatoria nelle superiori con la “Buona scuola” di Renzi e diventata anche materia d’esame, presenta aspetti controversi.

Un’inchiesta dell’Unione degli studenti fa luce sul funzionamento dell’alternanza, con un sondaggio su un campione di 15mila studenti, frequentanti le terze e quarte classi di licei in nove regioni.

Ci sono studenti che hanno dovuto pagare di tasca propria le spese per la frequenza, ad Avellino è stato chiesto agli studenti di versare una somma di 200 euro per coprire le spese dei trasporti. In una scuola di Taranto gli allievi hanno svolto l’alternanza scuola-lavoro all’Ilva, l’industria che ha anche gravi responsabilità nell’inquinamento ambientale. In altre regioni, per l’assenza di posti dove far svolgere le ore obbligatorie alle scuole della zona, gli studenti devono fare parecchi chilometri ogni giorno per raggiungere la loro meta.

In generale, l’inchiesta è andata ad evidenziare le diseguaglianze che esistono già: nelle metropoli e nelle scuole del centro delle città sono stati organizzati percorsi di alternanza scuola-lavoro migliori che nelle periferie, nel Nord oltre il 92% delle scuole hanno regolarmente seguito l’obbligo dell’alternanza, nel Sud sono l’81%. Il 57% dei ragazzi hanno detto di aver partecipato a percorsi non inerenti al proprio percorso di studi, oppure hanno svolto mansioni dalle quali non hanno appreso nulla di utile, come ad esempio fare fotocopie nei Comuni.

Eppure l’alternanza ha un obiettivo importante, è uno strumento per apprendere in maniera differente, aprendo la scuola a ciò che sta intorno, soprattutto ai settori di produzione più vicini al percorso di studi intrapreso. Si può rivelare anche un modo per avvicinarsi al lavoro, una volta conclusi gli studi, visto che le aziende che assumono studenti che hanno fatto il 30% di alternanza scuola-lavoro nella propria sede, possono usufruire di sgravi fiscali.

Gli studenti vorrebbero migliorare questo strumento o meglio questa materia obbligatoria di esame, con loro proposte e un vero statuto. Nel frattempo hanno condotto un’indagine sui primi risultati e creato una campagna “Diritti, non piegati”.

Axel Nicai, dell’Unione degli studenti, li spiega ai nostri microfoni

alternanza scuola lavoro

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 25/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 25/05/2022

    1) Sono oltre un milione i lavoratori e le lavoratrici del settore agricolo in Italia. Da ieri hanno un nuovo…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 25/05/2022

    Dove si parla dell'ultima orribile challenge che arrivata da Tik Tok, la Boiler Summer Cup. La commentiamo con Silvia Semenzin,…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Cavalcanti, stracciatella e copyright

    Con Gaia Grassi, Riccardo Burgazzi, Luca Cristiano e Marco Castelletta

    Di tutto un boh - 25/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 25/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 25/05/2022

    Carlo Pastore presenta il MIAMI 2022, Niccolò Vecchia intervista Charlotte Adigéry e Bolis Pupol

    Jack - 25/05/2022

  • PlayStop

    Ali di folla

    Quando assegniamo un biglietto capibara su un vassoio d'argento, ci dirigiamo in Calabria a fare incetta di primizie enogastronomiche e…

    Poveri ma belli - 25/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 25/05/2022

  • PlayStop

    Oleksij Cherepanov, Il custode del bosco

    Oleksij Cherepanov - IL CUSTODE DEL BOSCO - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 25/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 25/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 25/05/2022

    La strage in una scuola elementare in Texas riapre il dibattito sulle armi negli Usa? Con Roberto Festa. GUERRA IN…

    Prisma - 25/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 25/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 25/05/2022

Adesso in diretta