Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 20/01 delle ore 22:30

    GR di lun 20/01 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 21/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 20/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 20/01 delle 19:46

    Metroregione di lun 20/01 delle 19:46

    Rassegna Stampa - 21/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di lun 20/01

    From Genesis to Revelation di lun 20/01

    From Genesis To Revelation - 21/01/2020

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 20/01

    Jazz Anthology di lun 20/01

    Jazz Anthology - 21/01/2020

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 20/01

    Gimme Shelter di lun 20/01

    Gimme Shelter - 21/01/2020

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 20/01

    Jailhouse Rock di lun 20/01

    Jailhouse Rock - 21/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 20/01 (prima parte)

    Ora di punta di lun 20/01 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 20/01 (seconda parte)

    Ora di punta di lun 20/01 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/01/2020

  • PlayStop

    Esteri di lun 20/01

    1-Libia: La conferenza di Berlino non è stato un fallimento ma sull’esito finale della mediazione Europea pesano ancora troppe incognite.…

    Esteri - 21/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 20/01

    Ora di punta di lun 20/01

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/01/2020

  • PlayStop

    Malos di lun 20/01 (prima parte)

    Malos di lun 20/01 (prima parte)

    MALOS - 21/01/2020

  • PlayStop

    Malos di lun 20/01 (seconda parte)

    Malos di lun 20/01 (seconda parte)

    MALOS - 21/01/2020

  • PlayStop

    Malos di lun 20/01

    Malos di lun 20/01

    MALOS - 21/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di lun 20/01 (prima parte)

    Due di due di lun 20/01 (prima parte)

    Due di Due - 21/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di lun 20/01 (seconda parte)

    Due di due di lun 20/01 (seconda parte)

    Due di Due - 21/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di lun 20/01

    Due di due di lun 20/01

    Due di Due - 21/01/2020

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 20/01 (prima parte)

    Senti un po' di lun 20/01 (prima parte)

    Senti un po’ - 21/01/2020

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 20/01 (seconda parte)

    Senti un po' di lun 20/01 (seconda parte)

    Senti un po’ - 21/01/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 20/01

    Considera l'armadillo lun 20/01

    Considera l’armadillo - 21/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session di lun 20/01

    a cura di Tommaso Toma

    Radio Session - 21/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di lun 20/01

    Tazebao di lun 20/01

    Tazebao - 21/01/2020

  • PlayStop

    Radio Agora' di lun 20/01

    Radio Agora' di lun 20/01

    Radio Agorà - 21/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

La strategia leghista: vincere in Friuli e rilanciare

Matteo Salvini

Salvini aspetta. Dal fortino del Friuli attende di conquistare un’altra regione con i voti che andranno soprattutto per il suo partito, più che a Forza Italia e da lì attende ciò che ritiene il fallimento del tentativo di Di Maio e di Martina di fare un governo.

Pensa che non riusciranno ad avere successo e avrà nel suo arco altre frecce, anche quelle del tradimento dei Cinque stelle, accusati di incoerenza, mentre lui ancora oggi, alla vigilia del voto in Friuli assicura di essere leale a Berlusconi. Gioca ancora a fare campagna elettorale, aspettando: si dice pronto a tornare a discutere con i Cinque stelle, ma anche prontissimo a continuare la sua campagna per il voto in autunno, non avrà nulla da perdere in quel caso, anzi solo da guadagnarci, a danno invece di Berlusconi, che vede come una minaccia il ritorno al voto.

Due obiettivi completamente diversi, due idee di governo differenti: Berlusconi non ha fatto nulla per nascondere la sua avversione nei confronti dei grillini, i quali l’hanno ripagato minacciando di fare una vera legge sul conflitto di interessi contro le sue aziende.

Per la Lega invece il Movimento è l’interlocutore numero uno. Per ora Salvini nega di voler rompere con Berlusconi lunedì, e cioè quando avrà sventolato i risultati di Fedriga, che potrebbe diventare presidenti della Regione Friuli soprattutto con i voti dei leghisti.

Se Berlusconi si accorge solo ora che la Lega è forte ben arrivato”, dice dal Friuli Salvini, confermando che la leadership della coalizione è sempre di più la sua, ma ancora gli manca un piccolo passo, scegliere se andare al governo ora con Di Maio, voltando le spalle al Cavaliere o aspettare il prossimo turno. Perché Salvini è convinto che la definizione di una maggioranza in Parlamento passerà ancora da lui.

Matteo Salvini
Foto da Facebook
  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni