Approfondimenti

La nuova stretta del governo britannico sulle proteste “radicali”

governo britannico proteste

C’è un problema nella nuova stretta britannica sulle proteste di strada e gira tutto in intorno alla definizione di “grave disturbo”. Il comunicato di Downing Street ha speso ben poche parole per spiegare il nuovo emendamento al Public Order Bill, limitandosi a dire che in questo modo la polizia avrà “maggior flessibilità e chiarezza sui tempi e i modi di intervento” davanti a proteste considerate – appunto – di “grave disturbo”.

Quando si troverà davanti ad una protesta di questo tipo, la polizia potrà agire anche prima dell’effettivo compimento del cosiddetto disturbo, e muoversi quindi in modo preventivo. In più, non dovrà più considerare ogni singola manifestazione di uno stesso gruppo nella sua individualità, ma potrà analizzarne l’impatto generale. Questo significa che se i gruppi di attivisti climatici Extinction Rebellion o Just Stop Oil – perché è su di loro che questa legge è stata disegnata – sono noti per le loro azioni radicali (come bloccare le strade o incatenarsi a edifici simbolici) la polizia potrebbe potenzialmente bloccare le loro proteste ben prima che queste avvengano.

“Il diritto alla protesta è un principio fondamentale della nostra democrazia” ha detto il premier Rishi Sunak, “ma non è assoluto. Non possiamo permettere che una piccola minoranza conduca manifestazioni che creano un così grande disagio al pubblico”.

La stretta del governo britannico è arrivata dopo una serie di manifestazioni del gruppo Just stop Oil che a novembre, per diversi giorni, ha bloccato la M25, la tangenziale londinese che è anche la strada più trafficata del Regno Unito, impedendo il passaggio anche di ambulanze e vigili del fuoco.
Il leader dell’opposizione laburista Keir Starmer ha detto che nonostante non approvi i metodi di Just Stop Oil, la polizia non ha bisogno di un ampliamento dei propri poteri, perché già la legge fornisce loro gli strumenti per agire. “La mia paura – ha detto alla BBC l’ex direttrice dell’ong Liberty Shami Chakrabarti – è che ogni dissenso pacifico, venga trattato come terrorismo”.
Ampliare i poteri della polizia in questo senso, invece di formare gli agenti dal punto di vista legislativo, rischia di rappresentare un pericoloso precedente.

E qui si ritorna al problema linguistico, che rischia di essere non tanto di forma quanto sopratutto di sostanza. Che cosa significano le parole “serio”, “disturbo” o “disagio”? Non è insito nel concetto di protesta quello di creare un disagio? Senza una definizione chiara di questi concetti, tutto viene lasciato in mano al giudizio degli agenti, che più di una volta hanno dimostrato se non malafede, quantomeno di essere mal equipaggiati nel giudicare cosa è pericoloso e cosa no.

Era pericolosa la veglia organizzata per Sarah Everard, la ragazza scomparsa nel centro di Londra, uccisa proprio da una agente della Metropolitan Police? No, non lo era. Lo ha stabilito la stessa Corte Suprema, dando ragione al gruppo di attiviste Reclaim These Streets. Eppure quel giorno di due anni fa la polizia intervenì violentemente per fermare la veglia, arrestando diverse ragazze, bloccandole a terra senza nessuna ragione che giustificasse un’azione di questo tipo.

Le persone hanno il diritto di non diventare vittime di proteste e allo stesso tempo i cittadini hanno il diritto di protestare e di manifestare il loro dissenso. Il punto è trovare l’equilibrio tra due libertà che solo apparentemente sono in contrasto l’una con l’altra. Ma questa è un’operazione analitica delicata che non può essere condotta in modo sbrigativo da un agente non adeguatamente formato né tanto meno eticamente imparziale, perché il rischio è che un semplice problema di definizione linguistica si trasformi presto in un sostanziale problema di libertà di espressione.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 05/02/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 02/05/2023

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 05/02/2023

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 02/05/2023

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 05/02/2023

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 02/05/2023

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 05/02/2023

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 02/05/2023

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 05/02/2023

    I concerti della settimana e una breve monografia sugli artisti in tour

    Canta che ti passa - 02/05/2023

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 05/02/2023

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 02/05/2023

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 05/02/2023

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 02/05/2023

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 05/02/2023

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 02/05/2023

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 05/02/2023

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 02/05/2023

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 05/02/2023

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 02/05/2023

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 05/02/2023

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 02/05/2023

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 04/02/2023

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 02/04/2023

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sabato 04/02/2023

    GnJ Guida nella Jungla è nata da un’idea di Paolo Minella e Luca Boselli nella seconda metà dei ’90. Da…

    Guida nella Jungla - 02/04/2023

  • PlayStop

    News della notte di sabato 04/02/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 02/04/2023

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 04/02/2023

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro twitter: @SkepticAfro

    AfroRaffa - 02/04/2023

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 04/02/2023

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 02/04/2023

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 04/02/2023

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 02/04/2023

  • PlayStop

    Stay human di sabato 04/02/2023

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 02/04/2023

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 04/02/2023

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 02/04/2023

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 04/02/2023

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 02/04/2023

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 04/02/2023

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 02/04/2023

  • PlayStop

    Chassis di sabato 04/02/2023

    Con Andrea Papini su "I nostri ieri"; Alessandro Comodin presenta il documentario "Gigi la legge"; con Antonio Valerio Spera parliamo…

    Chassis - 02/04/2023

Adesso in diretta