Approfondimenti

L’8 marzo e la “guerra maschia”

Lo avete notato? Non c’è una sola donna, al tavolo delle “trattative” russo-ucraine, non c’è mai stata in alcuno dei tre round. È tutta una questione che si vedono i maschi, tra loro.

Ce ne sono pochissime, di donne, anche nei governi dei due paesi in guerra: in tutto 6 su 54 ministri, 2 in Russia e 4 in Ucraina.

Per quanto riguarda Putin, la sua virilità esibita è antica: ama mostrarsi in pose machiste, da judoka o hockeista, a torso nudo nei boschi, ai comandi di un cacciabombardiere, volando in parapendio, sparando con pistole e carabine. E a Oliver Stone che gli chiedeva se si era mai sentito guidato dalle emozioni e dai sentimenti, rispose «No, non sono una donna».

Zelensky rappresenta decisamente un tipo di maschio diverso e più moderno, che sa mescolare coraggio in maglietta mimetica con battute social e sorrisi ammiccanti. È inevitabilmente finito come modello sull’ultima copertina di Vanity Fair ed è diventato un sex symbol su Tik Tok. La stampa popolare americana lo ha ribattezzato “the sexiest man alive”.

Siamo quindi di fronte a due maschi alfa, ciascuno a modo suo, con stili diversi, ciascuno circondato da altri maschi; ed entrambi ora sono in guerra, uno da aggressore feroce e uno da eroe che resiste.

In Russia l’omosessualità è un tabù. I gay pride sono proibiti. La “propaganda dell’omosessualità” è un reato così com’è vietato manifestare per i matrimoni gay o le unioni civili. Il patriarca di Mosca Kirill ha appena benedetto la guerra in Ucraina perché «è giusto combattere contro la lobby gay». Un Tg russo ha detto che «la vittoria sarà tutta nostra, è impossibile non vincere con gli ucraini che schierano battaglioni formati soltanto da soldati gay».

Il problema è che le cose non stanno esattamente così. Perché è vero che in Ucraina l’omosessualità è più tollerata, ma il divieto al matrimonio gay è addirittura nella Costituzione e il governo di Kiev ha rifiutato di sostenere la Convenzione di Istanbul contro l’omofobia perché «contraria ai valori fondamentali cristiani». Gli omosessuali non possono neppure donare il sangue – in questo specifico dettaglio la situazione è perfino peggiore che in Russia. Quanto alla transessualità, è classificata come disturbo psichiatrico.

Insomma c’è anche un bel problema di subcultura maschilista, patriarcale e omofoba, in questa guerra, specie da parte dell’aggressore, come si è visto, ma serpeggiante anche nelle fila della controparte.

Nessuno è così naif da pensare che basti un governo di donne per eliminare le guerre: il XX secolo ci ha dato Margaret Thatcher che posava in divisa sui carri armati e rifiutò ogni forma di diplomazia sulle Falkland, preferendo esibire subito i muscoli.

Resta la questione di fondo, in questo 8 marzo di guerra: quanto incide ancora, nel XXI secolo, la “guerra maschia”, come pulsione libidica alla distruzione o come adornamento di vanità virile?

  • Autore articolo
    Alessandro Gilioli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 21/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 21/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 20/05/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 21/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 21/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 21/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 21/05/2022

  • PlayStop

    Speciale Musica di Chris Cornell

    a cura di Niccolò Vecchia

    Gli speciali - 21/05/2022

  • PlayStop

    Speciale Musica di Chris Cornell

    a cura di Niccolò Vecchia

    Gli speciali - 21/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 21/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 21/05/2022

  • PlayStop

    Pop Up Live di sabato 21/05/2022

    PopUp Live! Alberto Nigro e Andrea Frateff-Gianni – storici conduttori di PopUp – daranno vita a una trasmissione itinerante con…

    Pop Up Live - 21/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 21/05/2022

    - GALLERIE D'ITALIA si espande. Oggi si apre un nuovo museo a Napoli e una ha aperto a Torino con…

    I girasoli - 21/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 21/05/2022

    Daniele Sanzone degli A67 ci racconta come è nato #Jastemmma, il loro nuovo lavoro (una decina di canzoni che hanno…

    Stay human - 21/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 21/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 21/05/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 21/05/2022

    DOC 73 - I CRIMINI DI JIMMY SAVILE - Uno dei più famosi dj e presentatori britannici, idolo di famiglie…

    DOC – Tratti da una storia vera - 21/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 21/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 21/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 21/05/2022

    Il Polo del Novecento di Torino ospita la mostra “Più moderno di ogni moderno. Le geografie di Pier Paolo Pasolini”;…

    Good Times - 21/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 21/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 21/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 21/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 21/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 21/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 21/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 21/05/2022

    battiato_mistic_adventure

    Mash-Up - 21/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 20/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 20/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 21/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 20/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 21/05/2022

Adesso in diretta