Approfondimenti

Isis sconfitto, “È ora di festeggiare”

isis sconfitto

BAGHOUZ – La felicità è nei volti stanchi, stravolti dei combattenti delle Forze Democratiche Siriane. Uomini e donne che per oltre due mesi hanno combattuto gli ultimi jihadisti, irriducibili, che hanno preferito la morte piuttosto di arrendersi. Dita alzate in segno di vittoria su un tetto di una casa distrutta, a pochi metri dalla riva dell’Eufrate, sotto una bandiera gialla enorme. A Baghouz nell’est della Siria, a circa due chilometri dal confine iracheno, finalmente si può dire: lo Stato Islamico è stato sconfitto. “È finita”, o almeno militarmente.

Cinque anni di guerra, e migliaia di morti. Ma per arrivare a questo momento decisivo, venerdì notte l’ultima battaglia. Gli aerei americani hanno ricominciato a volare al tramonto, e hanno bombardato tutta la notte. In supporto, artiglieria pesante e scontri. All’alba sembrava finita, e quando il convoglio di giornalisti è partito per il fronte sono cominciati gli spari. Alcuni miliziani si erano nascosti tra le rovine delle case proprio per cercare di fare un’imboscata per creare panico e vittime. Non ci sono riusciti. La zona era controllata e le forze speciali curde, supportate dai militari americani, hanno subito risposto al fuoco. E alle 8.45 del 23 marzo la zona è stata davvero liberata. Tutto intorno è un cimitero di auto, almeno un migliaio. Bruciate, e distrutte. Sono lì a testimoniare che tutti i miliziani rimasti in vita da Raqqa e le altre aree, sono arrivati qui per lo scontro finale. Quello che è rimasto sul terreno è una scena apocalittica, vestiti in terra, corpi che spuntano tra le macerie, e nemmeno troppo nascosti. Non ci si può allontanare dalla strada battuta, il pericolo di mine è altissimo, una delle strategie di ISIS che ha fatto migliaia di morti. Le bandiere nere oramai sono a terra, strappate, mentre in alto ci sono quello dello YPG e YPJ- le unità curde, protagoniste assoluta in questa guerra. Gli unici capaci di fronteggiare quell’onda nera che tra il 2014 e il 2015 ha terrorizzato il mondo intero.

I curdi, oltre ad essere preparati militarmente, sono riusciti anche a creare una coalizione multietnica e religiosa, sotto l’ombrello delle Forze Democratiche Siriane. Infatti con loro ci sono arabi, siriani, armeni, cristiani. Tutti coloro che non volevano arrendersi a uno stato islamico o radicale che ha controllato il territorio con la legge islamica. Nessuno si aspettava che la battaglia durasse così a lungo. Sotto Baghouz sono stati trovati tunnel e rifugi dove i civili e famigliari di ISIS sono rimasti stipati, stretti. “Eravamo almeno in trenta in una stanza piccolissima” racconta una donna Yazida che non vuole essere nominata. È proprio la popolazione Yazida, originaria di Sinjar, Iraq. Era il 3 agosto 2014 quando ISIS ha invaso la loro area e rapito almeno 5 mila donne, ucciso migliaia di persone, e rapito i bambini. Secondo le stime, dall’inizio dell’offensiva, oltre due mesi fa, sono uscite circa 60mila persone. Uomini, donne, e bambini. “I più radicali”, dice la comandante Arian Qamichli che non si aspettava un numero così alto di donne straniere. “Molte di loro dicono che sono pentite, ma per tante sembra che sia una recita che si sono preparate”, continua a raccontare. Ora però è ora di festeggiare.

A circa una quarantina di chilometri, Omar Field, la base principale di questa offensiva, sono arrivati tutti i vertici militari. Compresi quelli statunitensi, partner delle FSD in questa guerra. La base è vestita a festa. C’è persino una banda che suona. Sui muri i volti dei martiri, compresi gli internazionali, che in totale sono 45. L’ultimo Lorenzo Orsetti, nome di battaglia Tikoser, ucciso il 18 marzo in una imboscata. Uno degli ultimi colpi di coda di questa lunga guerra che ha visto migliaia di morti, soprattutto curdi. Loro hanno pagato il prezzo più alto. Ma se da una parte ISIS è stato sconfitto, dall’altra c’è il timore del futuro e sull’ideologia che sembra non morire. Come se non bastasse, le minacce sono tante. Il regime siriano che non vuole riconoscere l’autonomia del Rojava, e la questione turca. Il presidente Erdogan ripete che lo YPG e lo YPJ sono terroristi. Poi c’è il ruolo degli Stati Uniti che sembra essere una continua contraddizione tra annunci di ritiro immediati, passi indietro, e stanziamenti di fondi per i prossimi anni. Una tensione quella delle FSD con gli americani che è palpabile persino qui, sul palco della vittoria per la bandiera delle Unità di Protezione del Popolo. Ma per un giorno tutti sono decisi a non farsi rovinare la festa. Da domani si penserà al futuro.

 

  • Autore articolo
    Benedetta Argentieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 25/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 25/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 24/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 24/05/2022

    Si parla con Chiara Caprio di Animal Equality Italia delle novità in Europa su benessere animale, ma anche di Regione…

    Considera l’armadillo - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 24/05/2022

    Ospite telefonico la Bandakadabra per parlare di Musicamobile Monza

    Jack - 25/05/2022

  • PlayStop

    Marco Colombo, Il bosco delle maschere. La vita segreta del tasso

    MARCO COLOMBO - IL BOSCO DELLE MASCHERE. LA VITA SEGRETA DEL TASSO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 25/05/2022

  • PlayStop

    Lea Ypi - Libera. Diventare grandi alla fine della storia

    Negli studi di Radio Popolare, la docente, saggista, filosofa e scrittrice Lea Ypi, racconta a Cult di Ira Rubini, la…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 23/05/2022

    Questa puntata è realizzata con bambine e bambini dell'IC Confalonieri nell'ambito del progetto Be Resilient Be Sustainable realizzato in collaborazione…

    La Pillola va giù - 25/05/2022

  • PlayStop

    Contrabbando di meteoriti

    quando andiamo a controllare se ad Amsterdam i tour di Zucchero procede secondo i piani, voliamo in Uruguay sulle tracce…

    Poveri ma belli - 25/05/2022

Adesso in diretta