Approfondimenti

Vittoria per i moderati vicini a Rohani

Per la prima volta dal 2005, i conservatori cedono il testimone ai moderati. Nel ballottaggio di venerdì 29 aprile (necessario per i candidati che al primo turno di febbraio avevano ottenuto meno del 25 percento dei voti) i conservatori hanno preso meno di un terzo dei voti. Di fatto, una sconfitta.

Segno che il popolo iraniano appoggia l’accordo sul nucleare voluto dal presidente Rohani, anche se non ha ancora portato risultati evidenti. Gli iraniani sembrano anche consapevoli di quanto sia necessario aprire il paese agli investimenti stranieri per riavviare l’economia.

Nel giro di un mese, nella capitale Teheran si insedierà il nuovo parlamento dove i moderati hanno la maggioranza necessaria per appoggiare le riforme del presidente Rohani. Vediamo i numeri: gli uomini vicini al presidente hanno ottenuto il 42% dei voti. Non proprio la maggioranza, ma un buon numero di seggi per promuovere – e promulgare – le riforme necessarie. Certo, sarà indispensabile l’appoggio degli indipendenti, che hanno ottenuto il 30% dei voti. Di loro si dice che molti siano di orientamento riformista.

Avere la maggioranza del parlamento non sarà però sufficiente per far passare le riforme volute dal presidente Rohani. Perché non è detto che gli indipendenti – che saranno l’ago della bilancia – appoggino sempre e comunque i moderati. E poi perché i conservatori controllano altri organi fondamentali, come il Consiglio dei Guardiani che esercita il diritto di veto sulle leggi promulgate dal parlamento.

Interessante anche il fronte femminile di questo parlamento, che ha più di cent’anni e conta cinque deputati appartenenti alle minoranze religiose. Se nella legislatura uscente le deputate erano soltanto nove, nelle elezioni di febbraio 2016 ne sono state elette, al primo turno, tredici e al ballottaggio di venerdì hanno vinto in tre. Saranno quindi diciassette, un record dalla creazione della Repubblica islamica nel 1979.

Certo, non basta essere donne per essere buone, riformiste, ispirate ai valori di democrazia e libertà. Nel caso dell’Iran ci sono buone speranze che la prossima legislatura promulghi qualche legge a favore delle donne, perché nessuna delle elette milita nei partiti conservatori. Anche l’età delle elette è di buon auspicio: la metà ha meno di 40 anni. La più giovane, Zahra Zaidi, proviene dalla provincia conservatrice di Isfahan e ha messo ko tutti i suoi dieci rivali, tutti uomini.

  • Autore articolo
    Farian Sabahi
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 19/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 19/10/21 delle 07:15

    Metroregione di mar 19/10/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 19/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Agnese Buonomo, La famiglia divorata

    AGNESE BUONOMO - LA FAMIGLIA DIVORATA – presentato da ELENA MORDIGLIA

    Note dell’autore - 19/10/2021

  • PlayStop

    Il Suggeritore di lun 18/10/21

    ira rubini, il suggeritore night live, domenico mamone sax, lucia vasini9, livia grossi, appunti G, l'almamatto, lighea, arianna scommegna, potevo…

    Il Suggeritore Night Live - 19/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mar 19/10/21 delle 12:46

    Seconda pagina di mar 19/10/21 delle 12:46

    Seconda pagina - 19/10/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 19/10/21

    ira rubini, cult, michele serra, l'amaca di domani, teatro franco parenti, giovanni chiodi, edita gruberova ricordo, saverio la ruina, teatro…

    Cult - 19/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di mar 19/10/21

    Tutto scorre di mar 19/10/21

    Tutto scorre - 19/10/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 19/10/21

    Commento ai risultati delle elezioni con il politologo Alessandro Campi, il giornalista Salvatore Cannavò e il sindaco rieletto di Varese…

    Prisma - 19/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 19/10/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 19/10/21

    Il demone del tardi - 19/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mar 19/10/21 delle 07:48

    Seconda pagina di mar 19/10/21 delle 07:48

    Seconda pagina - 19/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/10/21

    Rassegna stampa internazionale - 19/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/10/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 19/10/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di mar 19/10/21

    Il Caffè Nero Bollente del martedì con musica, sfoglio dei giornali e il consiglio televisivo di Roberta Talia.

    Caffè Nero Bollente - 19/10/2021

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 19/10/21

    From Genesis to Revelation di mar 19/10/21

    From Genesis To Revelation - 19/10/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 18/10/21

    Jazz Anthology di lun 18/10/21

    Jazz Anthology - 19/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 18/10/21

    News Della Notte di lun 18/10/21

    News della notte - 19/10/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 18/10/21

    La pillola va giu di lun 18/10/21

    La Pillola va giù - 19/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lun 18/10/21

    Quel che resta del giorno di lun 18/10/21

    Quel che resta del giorno - 19/10/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 18/10/21

    Elezioni amministrative, i ballottaggi. I commenti ai risultati di Roma, Torino, Trieste e delle altre città. Ospiti: Ida Dominijanni, giornalista…

    Gli speciali - 19/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di lun 18/10/21

    Puntata al seguito dell'esito del voto di ballottaggio alle Amministrative. Si parte con il Comune più piccolo, Rondanina in provincia…

    Muoviti muoviti - 19/10/2021

Adesso in diretta