Approfondimenti

In Gran Bretagna Uber assume 70mila autisti

In molti paesi, da qualche anno, i lavoratori della cosiddetta gig economy, che in italiano può essere tradotta come “economia dei lavoretti”, si stanno battendo per migliorare le proprie condizioni lavorative e per far valere i propri diritti. La lotta con le multinazionali dei lavoretti è serrata e complicata, per questo la vittoria di oggi dei lavoratori britannici di Uber, è ancora più importante. Dopo cinque anni di battaglie giudiziarie, un mese fa la Corte Suprema inglese aveva stabilito con una sentenza storica che gli autisti di Uber avevano tutto il diritto di essere considerati lavoratori dipendenti e, quindi, di godere di alcuni diritti come il minimo salariale, le ferie pagate e i contributi pensionistici. Dopo la sentenza, la società statunitense aveva controbattuto, sostenendo che quanto stabilito fosse da applicare unicamente agli autisti direttamente coinvolti nel processo (circa una trentina) e che non sarebbe quindi stata obbligata ad estenderlo a tutti gli altri lavoratori. Poi l’azienda ha preso una decisione che rappresenta un po’ una pietra miliare nella lotta per i diritti dei lavoratori: 70mila autisti Uber britannici verranno considerati lavoratori dipendenti. O meglio, lavoratori.

Il diritto del lavoro britannico, infatti, prevede una sorta di terra di mezzo per quanto riguarda le categorie di lavoratori. Ci sono i Self – Employed – ovvero i lavoratori indipendenti – gli Employees – i lavoratori dipendenti a tutti gli effetti che godono di tutti i diritti – e i Workers, che godono di alcuni di questi diritti e rappresentano una zona grigia che non esiste in altri paesi. In questa categoria intermedia rientreranno gli autisti di Uber, e questo aspetto rende più difficile stabilire se questa decisione potrà applicarsi anche in altri paesi. Certamente, però, si tratta di un cambio di passo importante che verosimilmente spingerà anche altre aziende del settore ad apportare cambiamenti del genere, ma ci sono ancora alcuni punti che devono essere analizzati. Innanzitutto, rimane irrisolta la questione su cosa, effettivamente, viene considerato orario lavorativo. Uber, infatti, ha stabilito che il salario minimo, in termini di tempo, verrà calcolato da quando il conducente accetta una chiamata, a quando porta a termine il viaggio. Non verrà quindi considerato lavoro tutto il tempo in cui l’autista aspetta di ricevere una chiamata. In sintesi, ciò che si chiede è che il tempo lavorativo sia calcolato dal momento in cui un conducente accede all’app. I sindacati, infatti, hanno calcolato che il tempo speso ad aspettare le chiamate, potrebbe rappresentare fino al 50% del guadagno totale.

Non è chiaro, poi, in che modo questa decisione influenzerà il modello di business di Uber, che si basa, come per il resto delle gig economy, su un basso costo del lavoro che permette di mantenere prezzi relativamente bassi. Su questo, l’azienda non si è espressa chiaramente. Per il momento ha fatto sapere che la decisione non ha alterato i suoi obbiettivi finanziari per il 2021, e che il prezzo delle corse non sarà aumentato. È evidente, però, che oggi il mondo della gig economy ha subito uno scossone: qualcosa dovrà necessariamente cambiare e che ogni movimento, da ora in poi, dovrà essere osservato da vicino.

Foto | I “cabs” inglesi protestano contro Uber, nel 2016

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 29/07/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/07/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 28/07/21 delle 19:48

    Metroregione di mer 28/07/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 29/07/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Momentaneamente aperti di gio 29/07/21

    Momentaneamente aperti di gio 29/07/21

    Momentaneamente aperti - 29/07/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 29/07/21

    Prisma di gio 29/07/21

    Prisma - 29/07/2021

  • PlayStop

    Radiosveglia del gio 29/07/21

    Radiosveglia del gio 29/07/21

    Radiosveglia - 29/07/2021

  • PlayStop

    Indie-Re di gio 29/07/21

    Indie-Re di gio 29/07/21

    Radio Muse Indie-re - 29/07/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 28/07/21

    Jazz Ahead di mer 28/07/21

    Jazz Ahead - 29/07/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 28/07/21

    News Della Notte di mer 28/07/21

    News della notte - 29/07/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 28/07/21

    A casa con voi di mer 28/07/21

    A casa con voi - 29/07/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 28/07/21

    Ora di punta di mer 28/07/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/07/2021

  • PlayStop

    La Febbra di mer 28/07/21

    La Febbra di mer 28/07/21

    La febbra - 29/07/2021

  • PlayStop

    Feedback di mer 28/07/21

    Feedback di mer 28/07/21

    Feedback - 29/07/2021

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di mer 28/07/21

    Conduzione Musicale di mer 28/07/21

    Conduzione musicale - 29/07/2021

  • PlayStop

    The river di mer 28/07/21

    The river di mer 28/07/21

    The River - 29/07/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mer 28/07/21

    Di tutto un boh di mer 28/07/21

    Di tutto un boh - 29/07/2021

Adesso in diretta