Approfondimenti

In Gran Bretagna Uber assume 70mila autisti

In molti paesi, da qualche anno, i lavoratori della cosiddetta gig economy, che in italiano può essere tradotta come “economia dei lavoretti”, si stanno battendo per migliorare le proprie condizioni lavorative e per far valere i propri diritti. La lotta con le multinazionali dei lavoretti è serrata e complicata, per questo la vittoria di oggi dei lavoratori britannici di Uber, è ancora più importante. Dopo cinque anni di battaglie giudiziarie, un mese fa la Corte Suprema inglese aveva stabilito con una sentenza storica che gli autisti di Uber avevano tutto il diritto di essere considerati lavoratori dipendenti e, quindi, di godere di alcuni diritti come il minimo salariale, le ferie pagate e i contributi pensionistici. Dopo la sentenza, la società statunitense aveva controbattuto, sostenendo che quanto stabilito fosse da applicare unicamente agli autisti direttamente coinvolti nel processo (circa una trentina) e che non sarebbe quindi stata obbligata ad estenderlo a tutti gli altri lavoratori. Poi l’azienda ha preso una decisione che rappresenta un po’ una pietra miliare nella lotta per i diritti dei lavoratori: 70mila autisti Uber britannici verranno considerati lavoratori dipendenti. O meglio, lavoratori.

Il diritto del lavoro britannico, infatti, prevede una sorta di terra di mezzo per quanto riguarda le categorie di lavoratori. Ci sono i Self – Employed – ovvero i lavoratori indipendenti – gli Employees – i lavoratori dipendenti a tutti gli effetti che godono di tutti i diritti – e i Workers, che godono di alcuni di questi diritti e rappresentano una zona grigia che non esiste in altri paesi. In questa categoria intermedia rientreranno gli autisti di Uber, e questo aspetto rende più difficile stabilire se questa decisione potrà applicarsi anche in altri paesi. Certamente, però, si tratta di un cambio di passo importante che verosimilmente spingerà anche altre aziende del settore ad apportare cambiamenti del genere, ma ci sono ancora alcuni punti che devono essere analizzati. Innanzitutto, rimane irrisolta la questione su cosa, effettivamente, viene considerato orario lavorativo. Uber, infatti, ha stabilito che il salario minimo, in termini di tempo, verrà calcolato da quando il conducente accetta una chiamata, a quando porta a termine il viaggio. Non verrà quindi considerato lavoro tutto il tempo in cui l’autista aspetta di ricevere una chiamata. In sintesi, ciò che si chiede è che il tempo lavorativo sia calcolato dal momento in cui un conducente accede all’app. I sindacati, infatti, hanno calcolato che il tempo speso ad aspettare le chiamate, potrebbe rappresentare fino al 50% del guadagno totale.

Non è chiaro, poi, in che modo questa decisione influenzerà il modello di business di Uber, che si basa, come per il resto delle gig economy, su un basso costo del lavoro che permette di mantenere prezzi relativamente bassi. Su questo, l’azienda non si è espressa chiaramente. Per il momento ha fatto sapere che la decisione non ha alterato i suoi obbiettivi finanziari per il 2021, e che il prezzo delle corse non sarà aumentato. È evidente, però, che oggi il mondo della gig economy ha subito uno scossone: qualcosa dovrà necessariamente cambiare e che ogni movimento, da ora in poi, dovrà essere osservato da vicino.

Foto | I “cabs” inglesi protestano contro Uber, nel 2016

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 25/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 25/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    - Guerra In Ucraina. La Russia comincia ad ammettere in modo implicito le sue difficoltà sul campo. - Cina. ”'sparare…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 24/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 24/05/2022

    Si parla con Chiara Caprio di Animal Equality Italia delle novità in Europa su benessere animale, ma anche di Regione…

    Considera l’armadillo - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 24/05/2022

    Ospite telefonico la Bandakadabra per parlare di Musicamobile Monza

    Jack - 25/05/2022

  • PlayStop

    Marco Colombo, Il bosco delle maschere. La vita segreta del tasso

    MARCO COLOMBO - IL BOSCO DELLE MASCHERE. LA VITA SEGRETA DEL TASSO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 25/05/2022

Adesso in diretta