Approfondimenti

In Francia torna il “Manifesto delle 343”

Quando il testo uscì sulla prima pagina del Nouvel Obs, il 5 aprile 1971, fu un vero scandalo. 343 donne, sconosciute o famosissime, come Catherine Deneuve, Françoise Sagan, Marguerite Duras o Simone de Beauvoir, rivendicavano pubblicamente di aver abortito. Un atto clandestino che cinquant’anni fa in Francia riguardava ogni anno un milione di donne ma che era punibile con la prigione.

Il testo, cortissimo ma seguito da un fittissimo elenco di firme, fu battezzato da Charlie Hebdo il manifesto delle 343 saloppes, le 343 puttane. Un’ironia tinta di misoginia che le femministe dell’epoca decisero di riappropriarsi, riprendendolo come slogan in tutte le manifestazioni per la legalizzazione dell’interruzione volontaria di gravidanza. Era la prima volta che le donne, giovani e meno giovani, si esponevano in prima persona per parlare di aborto, descrivendolo come una liberazione. Il tema era ancora tabù e anche se era iniziato un dibattito sul diritto all’IVG erano gli uomini, politici, esperti o di chiesa, a guidare il discorso. Il manifesto è uno shock per i francesi e segna una svolta nella lotta per la legalizzazione.

Cinquant’anni più tardi, altre 343 donne firmano una nuova tribuna, questa volta sulle pagine del Journal du Dimanche, per chiedere che venga esteso il termine legale per abortire al di là delle 12 settimane previste dalla legge francese. “L’aborto libero e gratuito non è l’obiettivo finale della lotta delle donne”, scrivono le firmatarie, tra cui Vanessa Paradis, Assa Traoré o l’ex ministra Najat Vallaud-Belkacem. “La storia mostra che il diritto all’aborto è fragile. Durante le crisi sanitarie, sociali, economiche e politiche, i diritti delle donne e delle persone oppresse dal patriarcato sono i primi ad essere minacciati e attaccati”, continua la tribuna, che riconosce i progressi fatti finora. Ma che ricorda anche che “l’accesso all’aborto dopo le 12 settimane è condizionato alla nostra situazione socioeconomica.” Chi può permetterselo andrà all’estero mentre le altre non hanno lo stesso diritto a disporre del proprio corpo.

Il Planning Familiare lo denuncia da anni: in Francia è facile superare le 12 settimane perché l’assistenza sanitaria viene attivata tardi o perché in alcune regioni mancano le strutture adeguate. Ma una proposta di legge che prevedeva di allungare il termine legale di quindici giorni proprio per questi motivi è stata ritirata a metà febbraio, perché la destra ha presentato una valanga di emendamenti che, di fatto, l’avrebbe seppellita. Anche per questo motivo il nuovo manifesto chiede di estendere il limite legale. Il diritto all’aborto, concludono le 343, è ancora da conquistare.

Foto | Lo scorso 8 marzo a San Jose, in Costa Rica, una manifestazione per chiedere la legalizzazione del diritto all’aborto

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 25/09/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/09/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 25/09/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 25/09/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 25/09/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 25/09/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 25/09/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 25/09/2022

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 25/09/2022

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 25/09/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 25/09/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 25/09/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 25/09/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 25/09/2022

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 25/09/2022

    I concerti della settimana e una breve monografia su degli artisti in tour

    Canta che ti passa - 25/09/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 25/09/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 25/09/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/09/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 25/09/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/09/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25/09/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/09/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 25/09/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/09/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 24/09/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 25/09/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/09/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 25/09/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/09/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 25/09/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 24/09/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 25/09/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/09/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/09/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/09/2022

    Con Pippo Mezzapesa e Francesco Patané regista e attore del film “Ti mangio il cuore”. Roberta Torre parla del suo…

    Chassis - 25/09/2022

Adesso in diretta