Approfondimenti

In Francia torna il “Manifesto delle 343”

Quando il testo uscì sulla prima pagina del Nouvel Obs, il 5 aprile 1971, fu un vero scandalo. 343 donne, sconosciute o famosissime, come Catherine Deneuve, Françoise Sagan, Marguerite Duras o Simone de Beauvoir, rivendicavano pubblicamente di aver abortito. Un atto clandestino che cinquant’anni fa in Francia riguardava ogni anno un milione di donne ma che era punibile con la prigione.

Il testo, cortissimo ma seguito da un fittissimo elenco di firme, fu battezzato da Charlie Hebdo il manifesto delle 343 saloppes, le 343 puttane. Un’ironia tinta di misoginia che le femministe dell’epoca decisero di riappropriarsi, riprendendolo come slogan in tutte le manifestazioni per la legalizzazione dell’interruzione volontaria di gravidanza. Era la prima volta che le donne, giovani e meno giovani, si esponevano in prima persona per parlare di aborto, descrivendolo come una liberazione. Il tema era ancora tabù e anche se era iniziato un dibattito sul diritto all’IVG erano gli uomini, politici, esperti o di chiesa, a guidare il discorso. Il manifesto è uno shock per i francesi e segna una svolta nella lotta per la legalizzazione.

Cinquant’anni più tardi, altre 343 donne firmano una nuova tribuna, questa volta sulle pagine del Journal du Dimanche, per chiedere che venga esteso il termine legale per abortire al di là delle 12 settimane previste dalla legge francese. “L’aborto libero e gratuito non è l’obiettivo finale della lotta delle donne”, scrivono le firmatarie, tra cui Vanessa Paradis, Assa Traoré o l’ex ministra Najat Vallaud-Belkacem. “La storia mostra che il diritto all’aborto è fragile. Durante le crisi sanitarie, sociali, economiche e politiche, i diritti delle donne e delle persone oppresse dal patriarcato sono i primi ad essere minacciati e attaccati”, continua la tribuna, che riconosce i progressi fatti finora. Ma che ricorda anche che “l’accesso all’aborto dopo le 12 settimane è condizionato alla nostra situazione socioeconomica.” Chi può permetterselo andrà all’estero mentre le altre non hanno lo stesso diritto a disporre del proprio corpo.

Il Planning Familiare lo denuncia da anni: in Francia è facile superare le 12 settimane perché l’assistenza sanitaria viene attivata tardi o perché in alcune regioni mancano le strutture adeguate. Ma una proposta di legge che prevedeva di allungare il termine legale di quindici giorni proprio per questi motivi è stata ritirata a metà febbraio, perché la destra ha presentato una valanga di emendamenti che, di fatto, l’avrebbe seppellita. Anche per questo motivo il nuovo manifesto chiede di estendere il limite legale. Il diritto all’aborto, concludono le 343, è ancora da conquistare.

Foto | Lo scorso 8 marzo a San Jose, in Costa Rica, una manifestazione per chiedere la legalizzazione del diritto all’aborto

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 23/06/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/06/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 23/06/21 delle 19:51

    Metroregione di mer 23/06/21 delle 19:51

    Rassegna Stampa - 23/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 23/06/21

    Sunday Blues di mer 23/06/21

    Sunday Blues - 23/06/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 23/06/21

    Uno di Due di mer 23/06/21

    1D2 - 23/06/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 23/06/21

    Considera l'armadillo mer 23/06/21

    Considera l’armadillo - 23/06/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 23/06/21

    Jack di mer 23/06/21

    Jack - 23/06/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 23/06/21

    Stay Human di mer 23/06/21

    Stay human - 23/06/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 23/06/21

    Caporali, imprese di comodo, criminalità: è la coalizione dello schiavismo che sfrutta il lavoro bracciantile, soprattutto dei migranti. Ma in…

    Memos - 23/06/2021

  • PlayStop

    Pietro MInto, Come annoiarsi meglio

    PIETRO MINTO - COME ANNOIARSI MEGLIO - presentato da FLORENCIA DI STEFANO-ABICHAIN

    Note dell’autore - 23/06/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 23/06/21

    ira rubini, pesaro film festival, nightwalk, adriano valerio, barbara sorrentini, tiziana ricci, rivista segnature, francesca pasini, marina ballo charmet, oliviero…

    Cult - 23/06/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 23/06/21

    Doppio Click di mer 23/06/21

    Doppio Click - 23/06/2021

  • PlayStop

    Silenzio

    dove si parla di incredibili dischi silenziosi, di John Cage, di vasche da bagno, modi di dire e si afferma…

    Il gufo e l’allodola - 23/06/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 23/06/21

    Prisma di mer 23/06/21

    Prisma - 23/06/2021

  • PlayStop

    Valcareggi di dom 20/06/21

    Italia x Galles

    Tutta colpa di Valcareggi - 23/06/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 23/06/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 23/06/21

    Rassegna stampa internazionale - 23/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 23/06/21

    Fino alle otto di mer 23/06/21

    Fino alle otto - 23/06/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 23/06/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 23/06/21

    Il demone del tardi - 23/06/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 22/06/21

    Puntata 24 - Playlist: 01 – Brand X – Sun in the Night ..02 –Robert Wyatt – Free Will and…

    Music Revolution - 23/06/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 22/06/21

    I segreti di Jung - Edizione Bollati Boringhieri del Libro rosso - “Gli anni più importanti della mia vita furono…

    Psicoradio - 23/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 22/06/21

    News Della Notte di mar 22/06/21

    News della notte - 23/06/2021

Adesso in diretta