Approfondimenti

Il Pd: “Questa legge elettorale è morta”

Non si trattava di un emendamento fondamentale, come le preferenze o il voto disgiunto. L’inciampo sull’estensione del sistema elettorale anche in Trentino Alto Adige permetteva di trovare una soluzione e di andare avanti, strigliando i franchi tiratori e riportandoli al rispetto degli accordi.

Invece, un minuto dopo il voto che ha fatto andare sotto la maggioranza, si è assistito a una drammatizzazione da parte del Pd, che ha annunciato la fine dell’accordo sulla legge elettorale. “Questa legge è morta, le condizioni per andare avanti non ci sono più”, ha detto Guerini, prima e anche dopo la segreteria del partito che si è riunita d’urgenza.

Neppure un tentativo di rimettere in piedi questo sistema, si passa subito al “piano b”, e cioè alla legge elettorale prevista dalla Consulta, eventualmente con un decreto per armonizzare i sistemi di Camera e Senato e poi qualsiasi incidente parlamentare potrebbe portare allo scioglimento delle Camere e al voto anticipato, visti anche i rapporti ormai deteriorati tra Renzi e Alfano.

Il Pd sostiene di aver fatto tutto il possibile per scrivere una nuova legge elettorale, ma ora non vuole accordi al ribasso e accusa il movimento Cinque stelle di essere stato l’unico responsabile del fallimento dell’accordo, per le divisioni interne e per il tentativo di azzoppare la corsa di Di Maio verso Palazzo Chigi. Quindi se si andasse al voto con la legge uscita dalla Consulta non sarebbe colpa di Renzi.

E’ vero, ma solo in parte, perché alcuni franchi tiratori si trovano anche tra i democratici, oltre che nei piccoli partiti a cui non sembra vero che fallisca una legge che non avrebbe mai permesso a loro il ritorno in Parlamento, per la soglia di sbarramento troppo alta.

E nel Pd i malumori arrivano dall’area di Orlando, ma potrebbe esserci lo zampino anche di alcuni renziani, consapevoli che il patto con i Cinque stelle si è rotto e hanno anticipato la conclusione, aprendo già nuovi scenari.

Resta da capire il parere di Mattarella, che per ora sapere di non aver assistito a un bello spettacolo: una nota del Quirinale dice che il Capo dello Stato sta seguendo con preoccupazione lo stallo nel dialogo tra i partiti.

Chi tenta di prolungare la legislatura fino alla fine già si fa sentire: per Alfano, Mattarella e Gentiloni possono contare su di lui. Tradotto, non darà nessun pretesto a Renzi per far cadere il governo.

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 25/02/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 25/02/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 19:49

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 25/02/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di gio 25/02/21

    1-In Francia la variante inglese rappresenta la metà dei casi positivi". Verso nuove misure restrittive ma il governo vuole evitare…

    Esteri - 25/02/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Lucia Castellano

    Quarto incontro del nuovo ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Lezioni di antimafia - 25/02/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 25/02/21

    Sunday Blues di gio 25/02/21

    Sunday Blues - 25/02/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 25/02/21

    Uno di Due di gio 25/02/21

    1D2 - 25/02/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l’armadillo - 25/02/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 25/02/21

    Ospiti Carota e Lodo dello Stato Sociale che raccontano i loro progetti solisti e Venerus intervistato sul suo disco Magica…

    Jack - 25/02/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay human - 25/02/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 25/02/21

    Europa, tra aiuti e vaccini. Non si parla d’altro nel vecchio continente: dei soldi del Recovery Plan e dei vaccini…

    Memos - 25/02/2021

  • PlayStop

    Giuseppe Martini, Regio People

    GIUSEPPE MARTINI - REGIO PEOPLE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 25/02/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 25/02/21

    ira rubini, cult, milano sanremo, l'ultima ruota, rita pelusio, duccio fabbri, doc squizo, louis wolfman, barbara sorrentini, davide steccanella, perché…

    Cult - 25/02/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 25/02/21

    Cominciamo lanciando uno sguardo dentro gli ospedali: raccontiamo due storie segnalateci dai nostri ascoltatori; medici di medicina generale e vaccini…

    37 e 2 - 25/02/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma - 25/02/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale - 25/02/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - 25/02/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 25/02/21

    Fino alle otto di gio 25/02/21

    Fino alle otto - 25/02/2021

Adesso in diretta