Approfondimenti

Il Milan vuol costruire un parcheggio da 15mila posti nel Parco Sud

Un parcheggio da 15.000 posti nel Parco Sud. E’ questa una delle necessità della proposta del Milan per lo stadio a San Donato Milanese. Al di là delle immagini elaborate elettronicamente la realtà è un bel consumo di suolo, anche al di fuori dell’area indicata finora, dove sarebbe dovuto sorgere un palazzetto dello sport da 15.000 persone. Sul progetto della società rossonera la Regione Lombardia è pronta a sostenere il Comune di San Donato Milanese, dovranno essere modificati i piani di governo del territorio comunale, di coordinamento territoriale del Parco Sud.
E’ un altro degli elementi che si aggiunge al pessimo quadro della vicenda San Siro.
Nei giorni scorsi era stato presentato il piano di nuovo quartiere residenziale sull’adiacente ex Trotto nel fondo immobiliare globale Hines, con sede in Texas a Houston.
Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha iniziato a fare pressioni con dichiarazione pubbliche affinché il vincolo della Sopraintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggistica sia superato. Ufficialmente non ne ha parlato con il Ministro alle Infrastrutture Matteo Salvini nell’incontro a Roma sulle nuove metropolitane e tram per Milano e dintorni.
In questa lunga vicenda con strategie cambiate varie volte dalle società sono possibili vari scenari.
Per Milano non avere più una o due società di calcio significa perdere una parte considerevole dell’industria calcio, che in città ha una sua consistenza, non a caso Milan e Inter hanno proprietà fondi di investimento internazionali. Un settore in crescita, benché il sistema italiano sia da anni fortemente indebitato, oltre a non riuscire a tenere il passo di altri paesi europei, come dimostrano anche i risultati nelle competizioni internazionali.
Il rischio che lo stadio Meazza rimanga vuoto, o meno utilizzato, quindi con minori introiti e diventi una spesa per Palazzo Marino è serio. Come per altro è superato l’assetto attuale del piazzale attorno, un grande vuoto asfaltato, con lo spazio dell’ex Palazzetto dello Sport diventato parcheggio per i pullman dei tifosi e un parte ancora recintata.
Il piano del Milan per San Donato è molto diverso, anche per redditività, rispetto alle elaborazioni digitali presentati in passato da Inter e Milan per il nuovo Meazza.
Anche quello che l’Inter potrà fare sull’area di Rozzano ha le stesse criticità di San Donato. Sala proverà a ripartire da questo, ma serve responsabilità della società di calcio e dalle loro proprietà. Gli ostacoli e i contrari alla precedente operazione immobiliare continueranno a vigilare.

Con riferimento a quanto affermato, prego notare che per un parcheggio da 15.000 posti occorrerebbe una superficie grande quasi come l’intera area, occuperebbero infatti circa 450.000mq, a fronte dei 460mila totali, di cui solo 160mila nel parco, di cui solo circa il 90/95% al di sotto di quanto da voi affermato per parcheggi.
Confidando nel vostro desiderio di basare le affermazioni e le opinioni su informazioni veritiere e facilmente verificabili, non dubitiamo che vorrete rettificare
M.V. Portavoce Ac Milan

Ha ragione il Milan, i parcheggi per il futuro stadio di San Donato Milanese non saranno solo nel Parco Agricolo Sud Milano, ci scusiamo per l’imprecisione.
Saranno utilizzati anche quelli esistenti nella zona, fuori dal perimetro protetto ma adiacenti, tra questi quelli delle infrastrutture di trasporto.
Per il nuovo impianto, e i servizi necessari, serviranno 160.000 metri quadrati di zona protetta, un terzo del totale del progetto. Per ottenerli è necessario un accordo di programma con la Regione Lombardia, serve derogare agli strumenti urbanistici di Comune di San Donato, Città Metropolitana di Milano e Parco Agricolo Sud Milano.
E’ indubbio l’aumento di traffico privato in un’area già congestionata e per l’idea di stadio modello anni ‘70 a misura di automobile, non cittadino con mezzi pubblici come adesso.
750 nuovi posti auto vicino all’Abbazia di Chiaravalle rendono l’idea della trasformazione di quell’ambito, dove, a fatica, da vent’anni sono in corso le rigenerazioni delle aree, dal parco della Vettabbia all’ex discarica di Porto di Mare.
F.F.

Foto | Parco Sud, San Donato

  • Autore articolo
    Fabio Fimiani
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/07/2024 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di martedì 23/07/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 11.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/07/2024

    La corsa di Kamala Harris alla Casa Bianca con Federico Romero, professore emerito di Storia all’Istituto universitario europeo di Firenze. Il parere della Corte Internazionale di Giustizia contro Israele per l'occupazione dei territori palestinesi con Luigi Daniele, docente di Diritto dei conflitti armati alla Nottingham Trent University. La riforma dell'università che porterà tagli e precariato con Davide Clementi, vice segretario dell'Unione dottorandi italiani, e Lorenzo Zamponi, ricercatore in Sociologia e Scienze alla Scuola Normale Superiore a Firenze. Il crollo di un ballatoio nella Vela di Scampia con Ciro Pellegrino, giornalista di Fanpage. Le Olimpiadi di Parigi con Stefano Montefiori, corrispondente del Corriere della Sera da Parigi.

    Giorni Migliori – Intro - 23-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di martedì 23/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Kamala Harris, accoglienza e reazioni alla sua possibile candidatura. Le misure di sicurezza per Parigi 2024. L'addio al regista Salvatore Piscicelli. 45 anni fa nasceva il primo walkman: i ricordi degli ascoltatori di Radio Popolare.

    Apertura musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 23/07/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 22-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 22/07/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 22-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 22/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 22/07/2024 delle 20:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 22-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di lunedì 22/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 22-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 22/07/2024

    Quando gli emisferi di Al1 si alternano e quindi la puntata diventa metà serietà e metà faceta. Ci facciamo accompagnare dalle cover da ricopioni mentre parliamo di vacanze, medicine e il grande ritorno del fai da te che divide gli ascoltatori in team acido citrico ed od aceto.

    Poveri ma belli - 22-07-2024

Adesso in diretta