Approfondimenti

“Il film restituisce dignità a Stefano Cucchi”

Alessandro Borghi interpreta Stefano Cucchi

L’avvocato della famiglia Cucchi, Fabio Anselmo, racconta a Radio Popolare l’emozione e la partecipazione alla prima al Festival di Venezia 2018 del film “Sulla mia pelle” dedicato all’omicidio di Stefano Cucchi: “Dopo sette anni di processi sbagliati il film restituisce le sofferenze di Stefano. Non hanno risparmiato nessuno, nemmeno Stefano. Una grande opera di verità del cinema“.

L’intervista di Claudio Jampaglia a Giorni Migliori.

Quelle immagini che hanno dato un contenuto e onorato lo spessore di una storia vera in maniera formidabile, precisa e perfetta, asciutta e sobria, ma assolutamente vera. È stato molto emozionante e commovente anche per le sofferenze di Stefano, perchè il film rende molto bene quali siano state.

Il film cerca proprio di ricostruire con grande rigore Stefano.

Sì, cerca di ricostruire chi era Stefano, non risparmiandogli niente. E, soprattutto in quegli ultimi giorni, lo fa attraverso le ricostruzioni di quei verbali che, nel corso degli anni, sono stati rivisti completamente e smentiti dall’istruttoria del processo bis. Per quanto riguarda le condizioni di Stefano e il calvario che ha subito, il film rende benissimo e Alessandro Borghi è stato stupendo. Io era tra il pubblico e tutti erano profondamente commossi e con le lacrime agli occhi, lo ero persino io che quel film lo avevo già visto in visione riservata. È un film che farò fatica a rivedere, ogni volta è un colpo al cuore e allo stomaco.

Ieri anche il Comando Generale dei Carabinieri si è sentito di dover dire qualcosa e precisamente hanno detto: “Per la distanza temporale e la particolare circostanza, gli ultimi giorni di Stefano Cucchi sono ormai un fatto storico e quindi è naturale che se ne parli e che diventino oggetto di rappresentazioni animata da impegno civile. La cronaca si sta occupando da tempo del processo in corso per l’accertamento delle responsabilità individuali. Oggi il cinema propone una lettura degli avvenimenti. Rinnoviamo anche in questa occasione la solidarietà ai familiari e seguiamo con attenzione la vicenda giudiziaria”.

Io sono molto soddisfatto di questa dichiarazione del Comando Generale dell’Arma. Quello che posso aggiungere è che anche noi seguiremo molto attentamente la vicenda giudiziaria.

A che punto siamo?

Il 27 settembre l’istruttoria arriverà a una fase nodale molto importante. È già emerso chiaramente dalle intercettazioni e dalle dichiarazioni ciò che non è andato nel primo processo e sono già emerse la reali condizioni di Stefano. Dopo il primo processo sbagliato con sette anni di mistificazioni, insulti, accuse e isolamento totale anche da parte della stessa Procura di Roma – che però ha avuto il merito di virare completamente di fronte a una verità dei fatti completamente diversa rispetto a quella sostenuta dall’ufficio fino a quel momento – la verità sta venendo fuori in maniera molto prepotente.

Ricordiamo che ci sono tre accusati di omicidio preterintenzionale per il pestaggio e altri due per il successivo depistaggio delle indagini e calunnia.

Le dichiarazioni testimoniali di parecchi dei carabinieri citati dalla Procura sono state veramente imbarazzanti nel ricostruire quanto successe allora, al di là di coloro che erano direttamente coinvolti in questa tragedia. Comunque il film è davvero un momento di suprema sintesi di un dolore e di una battaglia che Ilaria ha condotto da sola contro tutto e tutti.

RIASCOLTA L’INTERVISTA

intervista Fabio Anselmo

Le interviste al regista e al cast di Sulla Mia Pelle

Alessandro Borghi interpreta Stefano Cucchi

Barbara Sorrentini, inviata di Radio Popolare al Festival di Venezia 2018, ha intervistato anche il regista del film, Alessio Cremonini:

Non era conosciuto il grado di sofferenza né le modalità con cui è avvenuto l’arresto di Stefano Cucchi, così come la detenzione e la sua morte. Leggendo i verbali e interessandomi al progetto, ho scoperto cose che non sapevo, come il fatto che Cucchi fosse credente. L’essere umano è sempre complicato, lo siamo tutti noi. Era un ragazzo che aveva 20 grammi di fumo in macchina e che forse li avrebbe anche spacciati. Contestualmente, però, era anche uno che si svegliava alle 6 di mattina e andava in chiesa perchè cercava un’altra dimensione, per uscire magari da quella molto terrena della droga.

ASCOLTA L’INTERVISTA INTEGRALE AL REGISTA ALESSIO CREMONINI

Sulla Mia Pelle – Intervista Alessio Cremonini

Il protagonista Alessandro Borghi, che interpreta proprio Stefano Cucchi, ci ha spiegato come è riuscito a portare Stefano sullo schermo:

Quello che ho cercato di fare è stato portare una mia idea di Stefano, anche perchè sfortunatamente Stefano non c’è più, sarebbe stato bello poterlo imitare. Ho creato una mia idea usando i documenti che ci sono in giro come il libro di Carlo Bonini e il libro di Ilaria Cucchi o le poche registrazioni audio del processo. Ho cercato di amalgamare tutte queste cose per vedere cosa sarebbe accaduto. Una delle cose che mi ha più aiutato è stato il dimagrimento, quello lavora da solo e ti costringe a fare una vita quasi di clausura per tre mesi. Non ci sono più pranzi, cene o aperitivi: stai su di te e sei costretto ad avere a che fare con te stesso e, nel mio caso, con l’ombra di Stefano e con la responsabilità di andare a raccontare un film che è ancora una ferita aperta del nostro Paese.

ASCOLTA L’INTERVISTA INTEGRALE AD ALESSANDRO BORGHI

Sulla Mia Pelle – Intervista Alessandro Borghi

Jasmine Trinca, che nel film interpreta invece Ilaria Cucchi, ha così raccontato a Barbara Sorrentini il ruolo di Ilaria nel film.

Quello che mi interessava raccontare sono le intenzioni di questa donna, le sue personali e soprattutto il racconto di un femminile coraggioso e molto forte. Noi però raccontiamo una parte più privata, quando Stefano è in prigione e la fine dei suoi giorni. In questo film Ilaria Cucchi è una sorella che vive in maniera contraddittoria questo destino.

ASCOLTA L’INTERVISTA INTEGRALE A JASMINE TRINCA

Sulla Mia Pelle – Intervista Jasmine Trinca

Sulla Mia Pelle sarà distribuito nei cinema italiani e in contemporanea su Netflix in 190 Paesi, Italia compresa, a partire dal 12 settembre 2018.

Venezia 75 - Il cast di Sulla Mia Pelle

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 19/07 18:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 18/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 18-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di venerdì 19/07/2024

    Quando arriva finalmente il weekend e possiamo fare mille pisolini ma anche mille balli in Balera. Puntata ricca di ospiti con i fondi di coesione europei che oggi ci portano all’interno delle scuole, la missione Manda un clown a quel paese e la super rubrica Cegna, Cegna edition.

    Poveri ma belli - 19-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di venerdì 19/07/2024

    Ospite della puntata di oggi Elena Liverani , professoressa di lingua e cultura spagnola nonché traduttrice ufficiale di Isabelle Allende. Con lei abbiamo parlato del mestiere del traduttore e del rapporto con libri e autori.

    Parla con lei - 19-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 19/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 19-07-2024

  • PlayStop

    La rotta atlantica: la traversata mortale verso l'Europa

    La rotta delle Canarie è tornata a essere una delle più mortali al mondo, con un aumento del 167% di migranti quest'anno, arrivando a circa 19.000 persone. Partendo dal Senegal o dalla Mauritania, questi migranti cercano di raggiungere le isole spagnole e successivamente l'Europa continentale. Secondo un report della ONG Caminando Fronteras, oltre 4.000 persone hanno perso la vita tentando questa traversata. La scelta di questa rotta pericolosa è dovuta alla crescente militarizzazione del Mediterraneo. Sara Dell’Acqua ha intervistato Edurne Gautxori, traduttrice della Croce Rossa a El Hierro, l'isola dell'arcipelago delle Canarie più lontana dalle coste africane.

    Clip - 19-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Attivismo & bigodini

    Attivismo & bigodini: come le parrucchiere afroamericane trasformarono i loro saloni in un luogo di potere e lotte civili. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 19-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 19/07/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 11.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 19-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 19/07/2024

    Oggi abbiamo parlato del discorso di Trump alla convention repubblicana e del possibile ritiro di Biden dalla corsa presidenziale con Roberto Festa. Dell’elezione di Ursula Von der Leyen grazie al voto determinante dei Vardi con Monica Frassoni. Un ricordo del G8 di Genova 23 anni dopo con Lorenzo Guadagnucci e della situazione migratoria nelle Canarie con un’intervista a una traduttrice della Croce Rossa che lavora lì

    Giorni Migliori – Intro - 19-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 19/07/2024

    A cura di Barbara Sorrentini. Abbiamo letto alcuni stralci del discorso di Trump nella folle notte di Milwaukee. 19/7/1992: la strage di Via D'Amelio. La principessa di Dubai che ripudia il marito infedele. "Lella" tra cover e interpretazioni. Il libro di Daniel De Visé "The Blues Brothers"

    Apertura musicale - 19-07-2024

Adesso in diretta