Approfondimenti

Il Fertility Day nel merito

Salvare il salvabile, anche a costo di scaricare l’intero ufficio comunicazione del ministero. Una campagna sulla fertilità che sarà ricordata più per gli opuscoli offensivi e razzisti, che per i contenuti. Che pure potrebbero interessare una grande quantità di persone. Sono circa 700mila le coppie che non riescono ad avere figli. Il problema è che spesso vorrebbero fare esami per capire cosa non va o accedere alla fecondazione assistita, ma tutto ciò ha costi che non possono sostenere.

Oggi, in occasione del Fertility day alcuni ospedali e cliniche hanno offerto gratuitamente consulenze ed esami, ma da domani in poi non sarà così e si pagherà. Queste le mancanze della campagna: aver pensato a un solo giorno e non a lungo termine, con un accesso a cure e controlli più accessibili.

E’ stato il primo Fertility day in Italia, ma un disastro dal punto di vista comunicativo. L’ha riconosciuto anche la ministra – “una comunicazione brutta”, ha detto -, ha licenziato la responsabile ed è andata oltre, facendo capire che avrebbe da tempo cambiato tutto lo staff comunicazione, ma aveva le mani legate.

Beatrice Lorenzin ha puntato sull’aspetto sanitario, ricordando che c’è anche un’infertilità maschile, non solo l’orologio biologico della donna, ha ribadito tutto il sostegno del governo alla fecondazione assistita, anche quella eterologa, e considerata la guerra fatta dai partiti cattolici e dalla Chiesa, averlo ribadito è stato importante.

Ma ha anche sottolineato che le cause che spesso impediscono una gravidanza, quelle sociali ed economiche, e non fisiche, non competono a lei, ma ad altri ministeri.

E’ il lavoro che non c’è per esempio o è così precario da non consentire di mettere al mondo un figlio, la mancanza di asili nido e di parenti vicini che possano aiutare le famiglie. Lo accerta anche il Censis in una ricerca presentata oggi al Fertility day. Nel 2015 si è raggiunto il punto più basso di natalità dall’Unità d’Italia in poi (485.780 bambini) il 3,3 per cento in meno rispetto al 2014. Una riduzione uniforme in tutta Italia, con le punte più basse in Liguria e in Sardegna. E se si chiede quali sono gli ostacoli principali, l’83 per cento risponde la crisi economica.

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The Weekly Report di giovedì 26/05/2022

    Ogni settimana un viaggio musica tra presente e passato all’insegna dei suoni di chitarra e la ricerca di grandi melodie.…

    The Weekly Report - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 25/05/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 26/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 25/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 25/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 25/05/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 25/05/2022

    1) Sono oltre un milione i lavoratori e le lavoratrici del settore agricolo in Italia. Da ieri hanno un nuovo…

    The Game - 26/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 25/05/2022

    Dove si parla dell'ultima orribile challenge che arrivata da Tik Tok, la Boiler Summer Cup. La commentiamo con Silvia Semenzin,…

    Muoviti muoviti - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cavalcanti, stracciatella e copyright

    Con Gaia Grassi, Riccardo Burgazzi, Luca Cristiano e Marco Castelletta

    Di tutto un boh - 26/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 25/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 25/05/2022

    Carlo Pastore presenta il MIAMI 2022, Niccolò Vecchia intervista Charlotte Adigéry e Bolis Pupol

    Jack - 26/05/2022

  • PlayStop

    Ali di folla

    Quando assegniamo un biglietto capibara su un vassoio d'argento, ci dirigiamo in Calabria a fare incetta di primizie enogastronomiche e…

    Poveri ma belli - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 26/05/2022

  • PlayStop

    Oleksij Cherepanov, Il custode del bosco

    Oleksij Cherepanov - IL CUSTODE DEL BOSCO - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 26/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 26/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 25/05/2022

    La strage in una scuola elementare in Texas riapre il dibattito sulle armi negli Usa? Con Roberto Festa. GUERRA IN…

    Prisma - 26/05/2022

Adesso in diretta