Approfondimenti

Htamein Revolution: la resistenza delle donne birmane fatta con le gonne

Htamein Revolution ANSA

In Birmania è in corso una rivoluzione nella rivoluzione. Mentre il popolo combatte contro l’esercito e la sua violenza, le donne portano una battaglia che affonda le radici nel passato. 

Quest’anno l’8 marzo, la giornata internazionale delle donne, è caduto nel bel mezzo del colpo di stato militare, ma le femministe birmane non hanno lasciato che la giornata passasse sotto silenzio. È partita da lì la Htamein Revolution. Lo Htamein è un vestito tipico delle donne birmane, una sorta di gonna colorata che si lega intorno alla vita. L’8 marzo, le strade delle città si sono riempite di Htamein colorati: appesi alle finestre, ai fili della corrente e anche a bastoni, come bandiere. Gli Htamein sono diventati un simbolo delle donne in lotta, ma anche di come una società che discrimina le donne, alla fine, si può rivoltare contro agli uomini stessi: secondo una leggenda popolare e maschilista, l’uomo viene privato della sua mascolinità quando entra in contatto con i vestiti delle donne. Per questo, gli Htamein appesi per strada si sono trasformati in barricate: i militari – che sono tutti uomini – tentennavano quando dovevano passare sotto le ghirlande di Htamein, e si tenevano alla larga. 

La Htamein Revolution è solo un esempio di come le donne birmane stiano lottando con forza per i loro diritti, ora più che mai: in prima linea a guidare le manifestazioni pro democrazia. 

Naw Hser Hser è la direttrice del Women’s League of Burma, un’associazione femminista che raccoglie al suo interno 13 altri gruppi di donne appartenenti a divere comunità etniche

Le donne sono sempre state molto marginalizzate dagli uomini e da un patriarcato molto diffuso nella nostra società. Le donne non riescono ad accedere alle posizioni decisionali. Da sempre le donne sono vittime delle disuguaglianze e questo è il motivo per cui ci siamo organizzate per combattere le ingiustizie anche durante le numerose dittature militari che abbiamo subito. Questo è già il terzo colpo di stato militare, e dai precedenti e dalle donne che li hanno combattuti abbiamo imparato. Ora le donne sono in prima linea nella lotta alla resistenza contro l’esercito, molto più che durante le esperienze precedenti. Quest’anno stiamo dimostrando il potere delle donne e la loro natura da combattenti. 

L’Esercito, che sta continuano a portare avanti una strategia terribilmente violenta, è composto praticamente da soli uomini, ma secondo Naw Hser Hser la loro unica forza sono le armi. 

Non li chiamiamo nemmeno militari, li chiamiamo gruppi terroristici. Stanno perpetrando un numero enorme di violazioni e violenze nei confronti non solo delle persone che sono nelle proteste, ma anche in casa. Questo è il loro modo per dimostrare il loro potere e per farci vedere che possono fare quello che vogliono, per far si che la gente abbia paura di loro e si sottometta.  Ma il loro potere arriva solo dalle armi, se non avessero le pistole e fucili, non credo che sarebbero riusciti a mantenere il potere fino ad ora. L’unica cosa che a noi manca, sono le armi, perché le nostre proteste sono sempre pacifiche. 

Le donne, però, devono sopportare anche altri tipi di violenza.

Sappiano che le donne che vengono arrestate sono vittime di violenza sessuale di vario genere. Stiamo cercando di raccogliere più informazioni su questo punto, ma in questo momento è molto complicato. Abbiamo avuto segnalazioni di stupri subiti dalle donne che combattono, ma non sono state fatte denunce ufficiali per ora. Ma siamo certe che il corpo delle donne viene violato in carcere e per le strade. 

Ma secondo Naw Hser Hser, il posto delle donne è veramente nella rivoluzione. Da due mesi ormai stanno dimostrando forza e coraggio e sono spesso alla guida delle proteste. 

Le donne sono coraggiose, hanno la forza di guidare le proteste. Questo è il momento migliore per dimostrare che le donne hanno l’audacia di stare in prima linea, anche quando la loro vita è in pericolo. Non hanno paura di niente. Le donne non sono come prima: non vogliamo sottostare alla dominazione maschile: le donne possono fare qualunque cosa, possono guidare la rivoluzione e affrontare ogni sfida. 

Come racconta Naw Hser Hser, il popolo birmano non si arrenderà finché non avrà la sua vittoria, né tantomeno lo faranno le donne. Per il Women’s League of Burma, poi, la battaglia non finirà con la sconfitta dei militari, ma anzi, sarà in quel momento che la società birmana dovrà essere ricostruita, partendo dalle donne e dalle differenze etniche che sono l’anima e lo scheletro della Birmania.

La Birmania ha bisogno di una democrazia di unione federale, perché il nostro popolo è molto diversificato e ci sono molti gruppi etnici e comunità differenti. Questa è la grande visione che abbiamo per il futuro e la speranza di molti gruppi etnici. Ma dobbiamo procedere un passo alla volta. Prima di tutto abbiamo bisogno della libertà. Dobbiamo essere al sicuro e in pace nelle nostre case. Quindi per ora il nostro sogno, costruito negli anni, di avere un’unione federale e di condividere il potere tra le varie comunità birmane deve aspettare. Aung San Suu Kyi è stata riconosciuta da molti come una brava leader, ma noi non vogliamo un leader solo, vogliamo un collettivo di leader, con uguali diritti per tutte le etnie.

 

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 30/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Alessandro Baricco, La via della narrazione

    ALESSANDRO BARICCO – LA VIA DELLA NARRAZIONE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 30/09/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 30/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 30/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/09/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 29/09/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 30/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 29/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/09/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 29/09/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 30/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di giovedì 29/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 30/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/09/2022

    1-Domani Putin certificherà l’annessione del Donbass. L’ Onu ribadisce che non ha valore legale e merita di essere condannata. 2-Francia.…

    Esteri - 30/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/09/2022

    (13 - 204) Dove si commenta con Luca Paladini, dei Sentinelli, la sentenza del Tribunale di Trieste che ha condannato…

    Muoviti muoviti - 30/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 29/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/09/2022

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 29/09/2022

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 30/09/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/09/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 30/09/2022

Adesso in diretta