Approfondimenti

Fukushima anno zero, il graphic novel di Susumu Katsumata

Fukushima anno zero

L’11 marzo 2011, alle 14.46 ora locale, una scossa di terremoto di magnitudo 9 ha colpito il Giappone. Lo tsunami che si è riversato sulla costa pacifica dell’isola principale dell’arcipelago, meno di un’ora dopo, è stato uno dei più mortiferi della storia del paese. Le onde alte 15 metri spazzano anche la centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi che nei giorni seguenti sarà il teatro di uno dei più importanti incidenti nucleari dopo quello di Chernobyl. Si calcola che le tre tragedie abbiano provocato almeno 15mila morti.

Negli anni, i tribunali hanno accertato le responsabilità nel disastro della Tepco, la società che gestiva la centrale nucleare, e del governo giapponese. I giudici hanno stabilito che la catastrofe di Fukushima è avvenuta anche per via della loro negligenza e per il mancato rispetto delle misure di sicurezza. Secondo molti osservatori, quella di Fukushima era una tragedia annunciata.

Se fosse stato ancora vivo, al coro delle critiche si sarebbe senza dubbio aggiunto anche il mangaka Susumu Katsumata. Nato nella prefettura di Myagi, una delle più colpite dallo tsunami, nel 1943 e morto nel 2007, Katsumata aveva studiato fisica nucleare e ha passato buona parte della sua vita a disegnare fumetti che denunciavano i rischi invisibili legati all’industria dell’energia nucleare. Ma fu soprattutto un grande osservatore e cronista delle difficili condizioni di vita degli operai delle centrali. Oltre che di quelle delle popolazioni marginalizzate in un paese che correva all’impazzata verso il progresso e l’industrializzazione.

Pacifista, fortemente critico verso l’americanizzazione del Giappone e antinuclearista convinto, Katsumata ebbe l’occasione di visitare, nel 1984, le centrali Dai-ici e Dai-ni (cioè uno e due) di Fukushima. In occasione del decimo anniversario dello tsunami, Rizzoli Lizard ha pubblicato una raccolta di suoi racconti che forse non si può definire un graphic novel in tutto e per tutto, ma che permette senz’altro di comprendere l’origine di quel disastro annunciato.

I primi racconti di Fukushima anno zero, che essendo un manga si legge da destra a sinistra, ci portano proprio lì, nel cuore della centrale. E mostrano la vita quotidiana ed estenuante degli addetti alla manutenzione dei reattori, che convivono rassegnati con le radiazioni. Delle scene che fanno venire i brividi se si pensa che i gestori delle centrali non hanno mai smesso di fare ricorso ai cosiddetti “zingari nucleari”, la manovalanza a cui vengono affidati i lavori più pericolosi. L’impianto di Fukushima, al momento del terremoto, ne impiegava 650.

Dopo averci trasportato tra tute, tubature radioattive e dosimetri impazziti, ma anche dopo averci mostrato delle scene intime di chi quella realtà la condivide, lo scenario delle storie di Katsumata cambia. Gli altri racconti ci mostrano un mondo rurale, abitato da kappa e tanuki, che non sono altro che i ‘poveracci’ e i ‘disperati’ di quel Giappone rimasto ai margini della corsa al progresso.

Un Giappone che Katsumata conosceva bene, perché ci era vissuto e lo aveva osservato da vicino. Un Giappone che ancora oggi, anche se c’è chi preferisce voltarsi dall’altra parte, fornisce mano d’opera pronta a tutto a chi, per guadagnare un po’ di più, non si preoccupa nemmeno della loro sicurezza. Con le conseguenze che l’11 marzo del 2011 abbiamo visto tutti.

Fukushima anno zero. Di Susumu Katsumata. Traduzione di Vincenzo Filosa. 240 pagine in bianco e nero, Rizzoli Lizard, 17 euro.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 09:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/07/2024 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Apertura Musicale di martedì 23/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Kamala Harris, accoglienza e reazioni alla sua possibile candidatura. Le misure di sicurezza per Parigi 2024. L'addio al regista Salvatore Piscicelli. 45 anni fa nasceva il primo walkman: i ricordi degli ascoltatori di Radio Popolare.

    Apertura musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 23/07/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 22-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 22/07/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 22-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 22/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 22/07/2024 delle 20:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 22-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di lunedì 22/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 22-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 22/07/2024

    Quando gli emisferi di Al1 si alternano e quindi la puntata diventa metà serietà e metà faceta. Ci facciamo accompagnare dalle cover da ricopioni mentre parliamo di vacanze, medicine e il grande ritorno del fai da te che divide gli ascoltatori in team acido citrico ed od aceto.

    Poveri ma belli - 22-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di lunedì 22/07/2024

    Ospite della puntata di oggi Emanuela Borzacchiello, ricercatrice in studi di genere e femminismo presso la UAM di Città del Messico. A partire dalle sue ricerche accademiche e sul campo a Ciudad Juárez abbiamo discusso dell'origine del termine femminicidio, della relazione fra violenza di genere e contesto economico e sociale e della forza dei movimenti femministi e transfemministi latino americani. PARLA CON LEI: a tu per tu e in profondità con donne la cui esperienza professionale e personale offre uno sguardo sul mondo. Con Serena Tarabini.

    Parla con lei - 22-07-2024

Adesso in diretta