Approfondimenti

Francia, verso un controllo del Parlamento sulle esportazioni delle armi

Armi Francia

Negli ultimi cinque anni la Francia è riuscita a diventare il terzo Paese al mondo per volume di armi vendute all’estero, dopo gli Stati Uniti e la Russia. Un ghiotto mercato che dipende però in gran parte da Paesi come l’Arabia Saudita, il Qatar, l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti. E una tecnologia che, secondo le prove raccolte da diverse organizzazioni non governative, viene sempre più spesso usata per ledere i diritti umani delle popolazioni o addirittura in zone di guerra, come in Yemen o in Libia, dove in teoria vige un embargo internazionale sugli armamenti.

Delle accuse a cui il governo francese ha sempre risposto ricordando che le esportazioni di armi dalla Francia vengono ogni volta autorizzate esplicitamente da un comitato interministeriale, sulla base di procedure rigorosissime. Che però rimangono classificate come materiale riservato, nel nome della sicurezza nazionale.

L’opacità del sistema e 35 proposte per renderlo più trasparente sono al centro di un rapporto parlamentare presentato questa settimana in parlamento da un deputato La Republique en Marche, maggioranza, e Les Républicains, opposizione di centrodestra. I due relatori hanno lavorato per quasi due anni, da quando è esploso lo scandalo delle armi francesi usate nella guerra in Yemen, a quella che loro stessi definiscono non certo una rivoluzione, ma una proposta che permetterebbe al parlamento di esercitare un maggiore controllo sulle scelte dell’esecutivo in materia di vendita degli armamenti.

Nel rapporto si immagina ad esempio la nascita di una delegazione parlamentare ristretta, che potrebbe consultare le licenze di esportazione (cosa al momento vietata), interrogare dei membri del governo e avere accesso a una serie di altre informazioni sensibili. Ma anche analizzare e commentare il rapporto annuale sulla vendita di armi, generalmente pubblicato in estate e poco dibattuto in aula, e organizzare una giornata di studio del rapporto che riunisca parlamentari, rappresentanti delle istituzioni, ONG, ricercatori e industriali.

Se è difficile che tutte le 35 proposte vengano recepite dal governo, per le associazioni il rapporto va nella direzione giusta. Come sottolinea uno dei due relatori: un controllo intelligente proteggerebbe la Francia da dei pericoli politici e giuridici sempre più seri.

Le ONG non si limitano più a manifestare e a militare contro la vendita di armi, ma conducono vere e proprie inchieste e raccolgono prove da far valere in tribunale. Da quando Parigi ha firmato, sei anni fa, il trattato sul commercio delle armi, lo Stato e gli industriali possono essere ritenuti responsabili quando le armi prodotte e vendute dalla Francia vengono usate per commettere delle violazioni dei diritti umani.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 04/12/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/04/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 07:16

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 12/04/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/04/2020

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 04/12/20

    Follow Friday di ven 04/12/20

    Follow Friday - 12/04/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 04/12/20

    Uno di Due di ven 04/12/20

    1D2 - 12/04/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 04/12/20

    Jack di ven 04/12/20

    Jack - 12/04/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 04/12/20

    Stay Human di ven 04/12/20

    Stay human - 12/04/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 04/12/20

    Covid-19, tra vaccini e cause profonde. Utilizzare i primi, senza rimuovere le seconde. L’arrivo più o meno certificato dei primi…

    Memos - 12/04/2020

  • PlayStop

    Massimo Filippi ed Enrico Bonacelli, Divenire invertebrato

    MASSIMO FILIPPI ED ENRICO BONACELLI - DIVENIRE INVERTEBRATO - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 12/04/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 04/12/20

    Cult di ven 04/12/20

    Cult - 12/04/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 04/12/20

    Agnese Bertello, facilitatrice, esperta di progettazione partecipata, dibattito pubblico e processi deliberativi, ci spiega come lavora la convenzione dei cittadini…

    C’è luce - 12/04/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 04/12/20

    Prisma di ven 04/12/20

    Prisma - 12/04/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 04/12/20

    Il Giorno Delle Locuste di ven 04/12/20

    Il giorno delle locuste - 12/04/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 04/12/20

    Il demone del tardi - copertina di ven 04/12/20

    Il demone del tardi - 12/04/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 04/12/20

    Fino alle otto di ven 04/12/20

    Fino alle otto - 12/04/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 03/12/20

    Rotoclassica di gio 03/12/20

    Rotoclassica - 12/04/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 03/12/20

    con Alessandro Diegoli. - punto con metro..- il panettone equo e solidale del Garabombo..- Margherita Redaelli da Bruxelles..- Marco Schiaffino…

    A casa con voi - 12/03/2020

Adesso in diretta