Approfondimenti

Francia, scontro sui migranti tra sindaci di sinistra e lo Stato

Macron migranti francia

“Lo stato francese viola la legge e calpesta i diritti umani delle persone senza casa e in particolare dei migranti”. È in sintesi con queste parole che la sindaca ecologista di Strasburgo Jeanne Barseghian ha annunciato questo lunedì che sta preparando una denuncia contro i poteri pubblici per metterli di fronte alle loro responsabilità in materia di accoglienza. Delle responsabilità che, sottolinea, negli ultimi anni sono state cronicamente disattese e riversate in gran parte sulle amministrazioni cittadine, che però non hanno i mezzi per gestirle.

“La Francia sta vivendo una crisi umanitaria senza precedenti con centinaia di persone che vivono per strada in tutte le grandi città”, denuncia Barseghian, invitando associazioni e politici a unirsi all’azione del municipio: “Tra di loro ci sono delle persone molto vulnerabili, dei malati, dei bambini, che vengono lasciati al freddo senza diritti né accesso alle cure, in condizioni miserabili. E Strasburgo non fa eccezione”, precisa.

L’annuncio arriva nel momento in cui il tribunale amministrativo ha ordinato alla città di sgomberare per la seconda volta la piazza dell’Étoile, dove sono accampate dall’estate scorsa circa 200 persone, tra cui delle famiglie con bambini. Si tratta soprattutto di migranti venuti da Georgia, Albania e Macedonia per fuggire a dei contesti di violenza e di grande precarietà per cui, questa volta come la precedente, la prefettura non ha previsto nessuna sistemazione dopo lo sgombero, né ha attivato un dispositivo di accoglienza duraturo.

La città, che ha già creato 500 posti letto in due anni anziché nei 6 previsti inizialmente, ha anche attivato due strutture d’emergenza, ma una è già al completo e l’amministrazione ammette di non avere i mezzi per fare di più. Soprattutto considerando che il campo in questione “non è che la punta dell’iceberg” e che oggi a Strasburgo almeno 500 persone vivono per strada o in edifici occupati, senza assistenza.

Barseghian aveva già fatto parte, a ottobre, del gruppo di sindaci che avevano messo alle strette il governo su questo tema. La pressione aveva costretto l’esecutivo a rinunciare al piano di depotenziamento dei posti letto d’emergenza, portati a 200 mila durante la pandemia. A metà novembre, ha firmato con altri 42 sindaci di ogni bordo politico una lettera per chiedere alla prima ministra di rispettare l’impegno del governo a non lasciare per strada neanche un minore durante l’inverno. I dati parlavano allora di almeno 2000 bambini lasciati per strada ogni notte. Il doppio rispetto allo scorso gennaio.

Nonostante gli sforzi delle associazioni – nelle ultime settimane sono state lanciate diverse occupazioni notturne di scuole in tutto il paese per offrire dei rifugi temporanei – è evidente che il sistema d’accoglienza è saturo, in particolare nelle grandi città.

Con questa mossa la sindaca di Strasburgo spera quindi di dare un nuovo scossone al governo e mediatizzare l’emergenza. Anche se è difficile immaginare che la Francia possa trovare delle soluzioni concrete e perenni nei prossimi mesi.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 20/05/2024

    Oggi a Cult: Tindaro Granata in "Vorrei una voce" all'Elfo Puccini di Milano; a Milano inziaia la ArchWeek 2024; Marco Malvaldi sul suo libro "Dodici" (Il Mulino);la corrispondenza dal Festival del Cinema di Cannes di Barbara Sorrentini; la rubrica di classica di Giuseppe Califano...

    Cult - 20-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 20/05/2024

    La Cina ha prenotato un posto in prima fila nel futuro ordine mondiale? Il presidente Xi Jinping è l’unico - tra i leader globali - ad essere riuscito ad incontrare, seppur separatamente, le parti in conflitto in Ucraina. La settimana scorsa, nel giro di pochi giorni, Xi ha incontrato Putin, l’invasore dell’Ucraina, e Macron, il presidente francese che vorrebbe mandare i soldati occidentali a combattere contro i russi in Ucraina. Pubblica ha ospitato Filippo Fasulo, ricercatore all’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) e direttore del centro studi della «Fondazione Italia-Cina», e Alessandro Politi, analista politico e strategico internazionale, direttore «Nato Defense College Foundation».

    Pubblica - 20-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 20/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 20-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 20/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 20-05-2024

  • PlayStop

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 20-05-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 20/05/2024

    - La libertà d’informazione a rischio. Oggi Londra decide se estradare Julian Assange verso gli Stati Uniti. Milano attenderà la sentenza in piazza Mercanti con l’istallazione Anything to say? Parla il suo ideatore Davide Dormino. - 10 anni fa in Ucraina l’uccisione del fotoreporter Andy Rocchelli. Insieme a lui venne ucciso l’interprete e attivista dei diritti umani Andrej Mironov. 10 anni senza verità è giustizia. Parla il padre di Andy. - Malala e le sue sorelle. Sono milioni le ragazze a cui è impedito di studiare da regimi autoritari. Sentiamo uno dei podcast realizzati dalle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani. Oggi ci occupiamo del Premio Sacharov Malala Yousafzai. In collaborazione con l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 20-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 20/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 20-05-2024

Adesso in diretta