Approfondimenti

Francia, scontro sui migranti tra sindaci di sinistra e lo Stato

Macron migranti francia

“Lo stato francese viola la legge e calpesta i diritti umani delle persone senza casa e in particolare dei migranti”. È in sintesi con queste parole che la sindaca ecologista di Strasburgo Jeanne Barseghian ha annunciato questo lunedì che sta preparando una denuncia contro i poteri pubblici per metterli di fronte alle loro responsabilità in materia di accoglienza. Delle responsabilità che, sottolinea, negli ultimi anni sono state cronicamente disattese e riversate in gran parte sulle amministrazioni cittadine, che però non hanno i mezzi per gestirle.

“La Francia sta vivendo una crisi umanitaria senza precedenti con centinaia di persone che vivono per strada in tutte le grandi città”, denuncia Barseghian, invitando associazioni e politici a unirsi all’azione del municipio: “Tra di loro ci sono delle persone molto vulnerabili, dei malati, dei bambini, che vengono lasciati al freddo senza diritti né accesso alle cure, in condizioni miserabili. E Strasburgo non fa eccezione”, precisa.

L’annuncio arriva nel momento in cui il tribunale amministrativo ha ordinato alla città di sgomberare per la seconda volta la piazza dell’Étoile, dove sono accampate dall’estate scorsa circa 200 persone, tra cui delle famiglie con bambini. Si tratta soprattutto di migranti venuti da Georgia, Albania e Macedonia per fuggire a dei contesti di violenza e di grande precarietà per cui, questa volta come la precedente, la prefettura non ha previsto nessuna sistemazione dopo lo sgombero, né ha attivato un dispositivo di accoglienza duraturo.

La città, che ha già creato 500 posti letto in due anni anziché nei 6 previsti inizialmente, ha anche attivato due strutture d’emergenza, ma una è già al completo e l’amministrazione ammette di non avere i mezzi per fare di più. Soprattutto considerando che il campo in questione “non è che la punta dell’iceberg” e che oggi a Strasburgo almeno 500 persone vivono per strada o in edifici occupati, senza assistenza.

Barseghian aveva già fatto parte, a ottobre, del gruppo di sindaci che avevano messo alle strette il governo su questo tema. La pressione aveva costretto l’esecutivo a rinunciare al piano di depotenziamento dei posti letto d’emergenza, portati a 200 mila durante la pandemia. A metà novembre, ha firmato con altri 42 sindaci di ogni bordo politico una lettera per chiedere alla prima ministra di rispettare l’impegno del governo a non lasciare per strada neanche un minore durante l’inverno. I dati parlavano allora di almeno 2000 bambini lasciati per strada ogni notte. Il doppio rispetto allo scorso gennaio.

Nonostante gli sforzi delle associazioni – nelle ultime settimane sono state lanciate diverse occupazioni notturne di scuole in tutto il paese per offrire dei rifugi temporanei – è evidente che il sistema d’accoglienza è saturo, in particolare nelle grandi città.

Con questa mossa la sindaca di Strasburgo spera quindi di dare un nuovo scossone al governo e mediatizzare l’emergenza. Anche se è difficile immaginare che la Francia possa trovare delle soluzioni concrete e perenni nei prossimi mesi.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 30/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 30/01/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di lunedì 30/01/2023

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 30/01/2023

  • PlayStop

    Storie di Giusti: Fernanda Wittgens

    Nel ventennale della creazione del Giardino dei Giusti di Milano, Fondazione Gariwo ci propone sei ritratti di Giusti che sono…

    Clip - 30/01/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 30/01/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/01/2023

  • PlayStop

    Note dell’autore di lunedì 30/01/2023

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 30/01/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 30/01/2023

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 30/01/2023

    Cancellare i diritti con il consenso popolare: la tripla crisi epocale - guerra, clima, pandemia - lo rende possibile. Rights…

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 30/01/2023

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 30/01/2023

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/01/2023

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 29/01/2023

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 29/01/2023

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 30/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di domenica 29/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/01/2023

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 29/01/2023

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 30/01/2023

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 29/01/2023

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 30/01/2023

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 29/01/2023

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 30/01/2023

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 29/01/2023

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 29/01/2023

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 30/01/2023

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 29/01/2023

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 29/01/2023

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 30/01/2023

Adesso in diretta