Approfondimenti

Francia – Algeria: è possibile costruire una memoria condivisa?

Francia Algeria - Stora Macron ANSA

A Parigi e ad Algeri la storia coloniale e le conseguenze della guerra hanno creato un trauma profondo e ancora vivo. Negli ultimi vent’anni i capi di stato francesi hanno evocato spesso il tema sensibile della memoria franco-algerina e il rapporto che lo storico Benjamin Stora ha consegnato la settimana scorsa al presidente della Repubblica cerca per la prima volta di fare il punto sulla questione. Avanzando 22 proposte e raccomandazioni per favorire una riconciliazione memoriale.

Era stato Emmanuel Macron ad affidare questo progetto a Stora, dopo aver promesso a inizio 2020 che avrebbe affrontato la questione della guerra d’Algeria, evocando il discorso con cui Jacques Chiraq nel 95 aveva ammesso la responsabilità dello stato francese nella Shoah. Nato a Costantina, nel nord-est del paese, da una famiglia ebraica, Benjamin Stora arriva in Francia nel 62 e, da studente, partecipa al 68 tra le fila trozkiste, prima di buttarsi a capofitto nelle ricerche storiche sul suo paese d’origine e diventare uno dei ricercatori più stimati e prolifici nel campo.

Con questo rapporto, spera di gettare le basi per poter uscire dalla “comunitarizzazione delle memorie” che ha spinto tutti i gruppi coinvolti nella guerra a “chiudersi nelle loro sofferenze senza riconoscere quella degli altri”. Siano essi algerini, soldati francesi, pieds-noirs, harkis o figli dell’immigrazione algerina.

Le proposte del rapporto spaziano dalla creazione di una commissione di “Memoria e verità”, al dare nuovo slancio a progetti come la guida degli scomparsi, per ritrovare i corpi degli uomini spariti durante la guerra. Oltre agli atti simbolici, come dedicare una stele all’emiro Abdelkader, che ha combattuto i conquistatori francesi, Stora invita la Francia a riconoscere le conseguenze dei test nucleari, a rendere accessibili i suoi archivi e a dare più spazio alla storia della colonizzazione e della guerra d’Algeria nei manuali scolastici.

Le critiche al rapporto non si sono fatte attendere. Soprattutto sugli archivi, di cui Algeri chiede da sempre la restituzione integrale ma che in realtà fa comodo un po’ a tutti che rimangano in Francia: ad oggi, i pochi documenti che ci sono Algeria sono in gran parte inaccessibili o secretati e Parigi non fa meglio, denunciano i ricercatori. Aprire gli archivi permetterebbe magari di far venire alla luce molti crimini, colpi bassi e segreti di entrambi le parti, ma dissiperebbe anche molti fantasmi che alimentano i rancori. Altra perplessità, la decisione di Stora di scartare l’idea che la Francia si scusi per la colonizzazione e la guerra. Un gesto insufficiente, dice lo storico, che auspica piuttosto un lavoro di lungo termine sull’educazione e la conoscenza reciproca. Cercando di sbrogliare la matassa di una memoria storica occultata e falsata dagli stereotipi e creando delle passerelle tra i due Paesi.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 01/03/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 03/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 01/03/21 delle 07:15

    Metroregione di lun 01/03/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 03/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    DOC di lun 01/03/21

    DOC 29 - AFRAID OF FAILING - Il primo documentario italiano sull’Hikikomori, termine giapponese che significa "stare in disparte", fenomeno…

    DOC – Tratti da una storia vera - 01/03/2021

  • PlayStop

    Note dell'autore di lun 01/03/21

    Note dell'autore di lun 01/03/21

    Note dell’autore - 03/01/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 01/03/21

    Cult di lun 01/03/21

    Cult - 03/01/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 01/03/21

    Il 2 marzo del 2016 Berta Cáceres, ambientalista e attivista honduregna, veniva assassinata. La casa editrice Capovolte ha pubblicato il…

    Sui Generis - 03/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 01/03/21

    Covid, terza ondata in arrivo? Con il virologo Fabrizio Pregliasco. Microfono aperto: come avete imparato a convivere col virus e…

    Prisma - 03/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 01/03/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 01/03/21

    Rassegna stampa internazionale - 03/01/2021

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 01/03/21

    Di Lunedi di lun 01/03/21

    DiLunedì - 03/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 01/03/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 1 marzo 1969 – Durante…

    Fino alle otto - 03/01/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 28/02/21

    Reggae Radio Station di dom 28/02/21

    Reggae Radio Station - 03/01/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 28/02/21

    ..A cura di Fabio Barbieri. Terje Rypdal, Danilo Rea, Shinya Fukumori Trio, Sven Helbig, Murray Perhaia, Tomasz Stanko Quartet, Keith…

    Prospettive Musicali - 01/03/2021

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 28/02/21

    Sacca del Diavolo di dom 28/02/21

    La sacca del diavolo - 01/03/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 28/02/21

    Sunday Blues di dom 28/02/21

    Sunday Blues - 01/03/2021

  • PlayStop

    Bollicine di dom 28/02/21

    Bollicine di dom 28/02/21

    Bollicine - 01/03/2021

  • PlayStop

    Domenica Aut di dom 28/02/21

    Domenica Aut di dom 28/02/21

    DomenicAut - 01/03/2021

  • PlayStop

    Italian Girl di dom 28/02/21

    Italian Girl di dom 28/02/21

    Italian Girl - 01/03/2021

  • PlayStop

    L'artista della settimana di dom 28/02/21

    Gianmaria Testa - a cura di Niccolò Vecchia

    L’Artista della settimana - 01/03/2021

Adesso in diretta