Approfondimenti

Francesco Guccini compie 80 anni

Francesco Guccini

Come si fa a fare gli auguri a uno che, per sua stessa ammissione, non gliene è mai interessato molto dei compleanni, e poi a 80 anni c’è poco da festeggiare ormai? Forse non facendoglieli proprio. Francesco Guccini compie 80 anni. È una notizia, punto. Il cantore del tempo andato, che ci ha regalato canzoni meravigliose, manifesti politici suo malgrado, ha sempre detto che in tanti anni di carriera alla fine ha semplicemente modulato un unico tema: il tempo che passa appunto. Difficile allora fermarlo, quel tempo fuggevole, in un’istantanea che renda merito a una complessità difficile da riassumere. I numeri parlano di 16 album in studio, 7 dal vivo, 3 raccolte. A cui si devono aggiungere i libri. Quando anni fa il testo della sua canzone “Un vecchio e un bambino” fu inserito in un sussidiario scolastico disse che un a canzone è una canzone, e senza musica non è completa. Le sue canzoni hanno raccontato tutto: l’amore, la morte e altre sciocchezze. Ha fatto rimare jukebox con fox, ha raccontato di frati che parlavano di dio e Schopenauer, di ubriachi nelle osterie di fuori porta, di Ulisse e Cristoforo Colombo, di Che Guevara e Carlo Giuliani. Apparentemente meno ricercato di altri suoi esimi colleghi cantautori, con le tasche piene e non solo i coglioni, ha portato nei suoi concerti anche la parola non cantata. Da quando saliva sul palco a inizio concerto a quando scioglieva le dita con i primi accordi di “Canzone per un’amica” potevano passare anche venti minuti, in cui Francesco parlava di attualità politica e di amori lasciati andare, di grandi sorsi di vino e di vite comuni. Nei suoi testi, se si va a cercare, si ritrovano echi di grande letteratura, americana e italiana, si ritrova quella luce fioca, di lampadina da 30 candele di gozzaniana memoria, insieme a richiami danteschi e omerici. Sempre con quel tempo che fugge in sottofondo, e che nessuno può riportare indietro. “Ma il tempo, il tempo chi me lo rende? Chi mi dà indietro quelle stagioni di vetro e sabbia, chi mi riprende la rabbia e il gesto, donne e canzoni,
gli amici persi, i libri mangiati, la gioia piana degli appetiti, l’ arsura sana degli assetati, la fede cieca in poveri miti?”, cantava ormai una ventina di anni fa.
Ognuno di noi ha una sua canzone preferita, per ognuno diversa, ma tutti abbiamo una cosa in comune: almeno una volta abbiamo istintivamente alzato il pugno mentre ascoltavamo di quella locomotiva, lanciata bomba contro l’ingiustizia.
E allora auguri, Maestrone!

Foto dalla pagina Facebook di Francesco Guccini

  • Autore articolo
    Alessandro Braga
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 21/04/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 21/04/21 delle 07:14

    Metroregione di mer 21/04/21 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 21/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 21/04/21

    Uno di Due di mer 21/04/21

    1D2 - 21/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 21/04/21

    Considera l'armadillo mer 21/04/21

    Considera l’armadillo - 21/04/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 21/04/21

    Nella puntata di oggi ospite Serena Altavilla intervistata da Niccolo Vecchia

    Jack - 21/04/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 20/04/21

    Ultrablu e l'autismo...Le differenze sono un valore...Torniamo a parlare con Virgilio Mollicone un amico di Psicoradio fondatore dell’atelier d’arte e…

    Psicoradio - 21/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 21/04/21

    Stay Human di mer 21/04/21

    Stay human - 21/04/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 21/04/21

    La Germania e il dopo Merkel. I Grunen – dopo il sorpasso della Cdu negli ultimi sondaggi - sognano una…

    Memos - 21/04/2021

  • PlayStop

    Gianfranco Manfredi, C'era una volta il popolo

    GIANFRANCO MANFREDI - C'ERA UNA VOLTA IL POPOLO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 21/04/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 21/04/21

    ira rubini, cult, rita pelusio, partigiani in ogni quartiere, 25 aprile 2021, renato sarti, coordinamento spettacolo lombardia, piccolo teatro grassi,…

    Cult - 21/04/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 21/04/21

    Ondata di attacchi malware per Android; attacco a noipartigiani.it; IO batte Immuni; Vaxpass.it; il Pentagono sperimenta il chip sotto pelle…

    Doppio Click - 21/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 21/04/21

    Stati Uniti, commentiamo la sentenza per l'omicidio di George Floyd con Roberto Festa e Davide Mamone. Scuola, riaperture improbabili alle…

    Prisma - 21/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 21/04/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 21/04/21

    Rassegna stampa internazionale - 21/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 21/04/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 21/04/21

    Il demone del tardi - 21/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 21/04/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 21 aprile 2004, in Israele…

    Fino alle otto - 21/04/2021

  • PlayStop

    Gioco

    dove, tra filosofia, scacchi, storia e musica, si riflette sulle sfaccettature del tema del gioco

    Il gufo e l’allodola - 21/04/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 20/04/21

    Puntata 15 – Playlist: 01 – Sunburned Hand of The Man – Solved ..02 – Larry Martin Factory – Sweet…

    Music Revolution - 21/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 20/04/21

    News Della Notte di mar 20/04/21

    News della notte - 21/04/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 20/04/21

    con Alessandro Diegoli. -rebus sonoro..- punto metro..- lancio della Sottoscrizione a Premi di RP..- racconto di un movimento dal basso…

    A casa con voi - 21/04/2021

Adesso in diretta