Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 27/01 delle ore 10:30

    GR di lun 27/01 delle ore 10:30

    Giornale Radio - 27/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 27/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 27/01 delle 07:15

    Metroregione di lun 27/01 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 27/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di lun 27/01 (terza parte)

    Prisma di lun 27/01 (terza parte)

    Prisma - 27/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 27/01 (seconda parte)

    Prisma di lun 27/01 (seconda parte)

    Prisma - 27/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 27/01 (prima parte)

    Prisma di lun 27/01 (prima parte)

    Prisma - 27/01/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 27/01

    Rassegna stampa internazionale di lun 27/01

    Rassegna stampa internazionale - 27/01/2020

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 27/01

    Di Lunedi di lun 27/01

    DiLunedì - 27/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 27/01 (terza parte)

    Fino alle otto di lun 27/01 (terza parte)

    Fino alle otto - 27/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 27/01 (seconda parte)

    Fino alle otto di lun 27/01 (seconda parte)

    Fino alle otto - 27/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 27/01 (prima parte)

    Fino alle otto di lun 27/01 (prima parte)

    Fino alle otto - 27/01/2020

  • PlayStop

    Batteristi eclettici - Bollicine del 26/1/20 (seconda parte)

    una puntata dedicata a quei batteristi che si sono poi cimentati in progetti solisti o in band alternative, a partire…

    Bollicine - 27/01/2020

  • PlayStop

    Batteristi eclettici - Bollicine del 26/1/20 (prima parte)

    una puntata dedicata a quei batteristi che si sono poi cimentati in progetti solisti o in band alternative, a partire…

    Bollicine - 27/01/2020

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 26/01

    a cura di Alessandro Achilli. Musiche di Syd Barrett, Liberation Music Orchestra, Keith Tippett Group, Taste, Aqsak Maboul, The Westbrook…

    Prospettive Musicali - 27/01/2020

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 26/01

    Sacca del Diavolo di dom 26/01

    La sacca del diavolo - 27/01/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 26/01 (terza parte)

    Sunday Blues di dom 26/01 (terza parte)

    Sunday Blues - 27/01/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 26/01 (seconda parte)

    Sunday Blues di dom 26/01 (seconda parte)

    Sunday Blues - 27/01/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 26/01 (prima parte)

    Sunday Blues di dom 26/01 (prima parte)

    Sunday Blues - 27/01/2020

  • PlayStop

    Bollicine di dom 26/01 (prima parte)

    Bollicine di dom 26/01 (prima parte)

    Bollicine - 27/01/2020

  • PlayStop

    Bollicine di dom 26/01 (seconda parte)

    Bollicine di dom 26/01 (seconda parte)

    Bollicine - 27/01/2020

  • PlayStop

    Domenica Aut di dom 26/01

    Domenica Aut di dom 26/01

    DomenicAut - 27/01/2020

  • PlayStop

    Italian Girl di dom 26/01

    Italian Girl di dom 26/01

    Italian Girl - 27/01/2020

  • PlayStop

    Italian Style di dom 26/01

    Italian Style di dom 26/01

    Italian style – Viaggi nei luoghi del Design - 27/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

È la Festa della Liberazione, non un derby

Festa della Liberazione

Il 25 aprile non è un derby, come ha giustamente ricordato il sindaco di Desio Roberto Conti, ma è comunque importante scendere in campo. Quest’anno, non più o meno di altre volte: come sempre. Perché il 25 aprile è la nostra festa nazionale: la festa della Liberazione, non di una più generica e neutra libertà, come voleva trasformarla qualche anno fa Silvio Berlusconi.

Il termine Liberazione ha in sé quel senso di conquista, di lotta, di sangue, che non va scordato. Perché durante la Resistenza si è combattuto, sparato, ucciso. Per restituire dignità e libertà a un popolo intero, schiacciato da vent’anni di oppressione.

Certo, in questo periodo non tira una buona aria per chi si riconosce in quei valori che hanno guidato i partigiani prima, i costituenti poi, nella rinascita della nostra nazione. A livello locale, molti sindaci in questi giorni hanno cercato di cancellare il senso profondo del 25 aprile. A livello di governo, c’è un ministro che amoreggia coi neofascisti, in cambio di una manciata, più o meno consistente, di voti.

Tra un mese esatto, il 26 maggio, si voterà per le elezioni europee. E, se i sondaggi venissero confermati, si andrà verso un’avanzata importante di quel fronte sovranista che a livello continentale nega, o prova a negare, i valori costitutivi della nostra società. Ecco perché oggi è importante andare in piazza: perché il 25 aprile è LA festa. Di tanti, non di tutti.

  • Autore articolo
    Alessandro Braga
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni